Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Importanza della diagnostica molecolare per la cura delle leucemie acute


Leucemia linfatica cronica, come cambia la terapia con ibrutinib e venetoclax


Il ruolo del farmacista ospedaliero nella gestione delle terapie onco-ematologiche


Leucemie mieloidi acute: i nuovi scenari terapeutici


Linfoma follicolare, le prospettive di cura attuali e future


Mieloma multiplo, cosa si sta facendo in Lombardia per migliorare cura e assistenza


Leucemie mieloidi acute a buona prognosi, come si curano?


Sindromi mielodisplastiche, le evoluzioni della terapia e il ruolo della diagnostica molecolare


Trapianto di cellule staminali emopoietiche, le ultime novità


Mieloma multiplo, quali sono i primi sintomi e come si arriva alla diagnosi?


Mieloma multiplo, cosa significa convivere con la malattia?


Non mollare mai, la metafora della scherma per spiegare il duello quotidiano contro il mieloma multiplo


Tumore ovarico, al via la 32a riunione del gruppo MITO


Tumore ovarico, gli studi più importanti del gruppo MITO


L’impatto delle terapie a bersaglio molecolare sulla chirurgia del carcinoma ovarico


Tumore ovarico, al via lo studio italiano MITO 30


Tumore ovarico, il ruolo della chirurgia nella recidiva platino-sensibile


Il ruolo della chirurgia e del test BRCA nel carcinoma ovarico


Il ruolo del patologo nella diagnosi e nel monitoraggio del tumore ovarico


Tumore ovarico, cronicizzare la malattia è un obiettivo raggiungibile?


L'immunoterapia per i tumori dell'endometrio e della cervice uterina


Le ultime novità nel trattamento di prima linea del tumore ovarico


ARTICOLI

Zalutumumab rallenta la progressione nel ca testa-collo

Zalutumumab ha dimostrato di poter ritardare la progressione del tumore in pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo in seconda linea, dopo il fallimento della chemioterapia standard a base di platino. Il farmaco non migliora [...]

Ca vulvare, utile cisplatino più radioterapia

In uno studio di fase II, denominato GOG 205, le analisi ad interim hanno evidenziato che due terzi delle pazienti con carcinoma della vulva avanzato, trattate con radioterapia e in concomitanza con cisplatino, hanno ottenuto una risposta clinica com[...]

Bevacizumab frena il ca mammario metastatico

Aggiunto alla chemioterapia standard di prima linea, bevacizumab ha dimostrato di rallentare, seppur di poco, la progressione tumorale nel carcinoma metastatico della mammella nell'ambito di uno studio di fase III, appena pubblicato sul sito del Jour[...]

Linfoma ALK-positivo, primi risultati dello studio italiano con crizotinib

Sono appena stati pubblicati sul New England Journal of Medicine, la più autorevole rivista di medicina del mondo, i risultati sul trattamento di pazienti affetti da linfoma ALK-positivo (conosciuto anche col nome di linfoma anaplastico a grandi cell[...]

Eribulina aumenta la sopravvivenza nel tumore alla mammella avanzato

Un gruppo di pazienti con tumore alla mammella in fase molto avanzata e refrattarie ai trattamenti precedenti ha aumentato la sopravvivenza di circa 3 mesi, rispetto alla terapia standard, se trattati con eribulina (Halaven), un nuovo farmaco oncolo[...]

Trastuzumab, conferme a 4 anni nel tumore alla mammella iniziale HER+

Le pazienti con tumore alla mammella HER2 positivo in fase inziale che ricevono per un anno il trattamento con trastuzumab dopo chemioterapia standard presentano un rischio minore di ricorrenza della patologia, con effetti a lungo termine che perdura[...]

Denosumab previene e ritarda le metastasi ossee nel ca prostatico

L'anticorpo monoclonale denosumab si è dimostrato più efficace dell'acido zoledronico nel ritardare o prevenire la comparsa di fratture e complicanze scheletriche in pazienti con cancro alla prostata resistente alla castrazione. E' il risultato di un[...]

Vandetanib delude in seconda linea nel ca uroteliale

I pazienti con carcinoma uroteliale metastatico non mostrano alcun beneficio dal trattamento con l'inibitore multichinasi, vandetanib, aggiunto a docetaxel come seconda linea di trattamento. E' il risultato di uno studio presentato in occasione del G[...]

Paclitaxel in nano particelle, bene nel carcinoma uroteliale

Paclitaxel in nanoparticelle legate all'albumina (nab-paclitaxel), sembra promettere bene anche contro il carcinoma uroteliale (uno dei carcinomi della vescica) metastatico. Infatti, più del 30% dei pazienti affetti da questa neoplasia hanno mostrato[...]

Cabozantinib, promettente contro le metastasi ossee nel ca prostatico

Il trattamento con cabozantinib (XL184), un nuovo inibitore ad ampio spettro delle tirosin chinasi, ha portato a una notevole risoluzione delle metastasi ossee nell'85% dei pazienti con carcinoma della prostata resistente alla castrazione chimica. Il[...]

Docetaxel riduce livelli di PSA nel ca prostatico metastatico

L'aggiunta di docetaxel alla terapia di deprivazione androgenica in pazienti con carcinoma prostatico metastatico naive al trattamento ormonale sembra ridurre il rischio di aumento dei livelli di PSA. E' quanto riportato in occasione del Gastrourinar[...]

Switch a degarelix rallenta la progressione del PSA

I pazienti con carcinoma prostatico che dopo 12 mesi di trattamento con un analogo dell' LHRH effettuano lo switch a degarelix, mostrano un rallentamento della progressione del PSA. E' il risultato di uno studio di estensione di un trial pivotal di f[...]

Zibotentan non aumenta la sopravvivenza nel ca prostatico

Il trattamento di pazienti con carcinoma prostatico resistente alla castrazione con il farmaco sperimentale zibotentan non migliora la sopravvivenza generale, rispetto alla terapia standard. E' quanto riportato in occasione del Gastrourinary Cancers [...]

FOLFOX4 meglio di doxorubicina nel ca epatocellulare avanzato

Il regime chemioterapico FOLFOX4 aumenta la sopravvivenza di pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato. E' il risultato di uno studio di fase III presentato in occasione del meeting sul cancro gastrointestinale dell'American Society of Clinical [...]

Ca mammario, amenorrea prolungata con chemio di lunga durata

Nelle donne in pre-menopausa con un tumore al seno, maggiore è la durata della chemioterapia con ciclofosfamide, più alto è il rischio di amenorrea prolungata. Fortunatamente, l'amenorrea non sembra in ultima analisi influire sulla qualità di vita de[...]

Sunitinib ed everolimus, conferme nei tumori neuroendocrini del pancreas

Passi avanti nella lotta contro i tumori neuroendocrini del pancreas in fase avanzata. Due studi di fase III appena pubblicati sul New England Journal of Medicine dimostrano, rispettivamente, che l'inibitore delle tirosin chinasi sunitinib e l'inibi[...]

Interrotto studio su zibotentan nel carcinoma prostatico

AstraZeneca ha annunciato oggi l'interruzione dello studio ENTHUSE15 condotto sul farmaco oncologico sperimentale zibotentan in pazienti con carcinoma prostatico non metastatico resistente alla castrazione (CRPC). Nello studio, il farmaco non ha aume[...]

Necitumumab, alt all'arruolamento di studio nel ca polmonare

Eli Lilly e Bristol-Myer Squibb hanno annunciato l'interruzione dell'arruolamento dei pazienti dello studio INSPIRE, uno dei due trial su necitumumab per il trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule di tipo [...]

Tumori ovarici, scoperto in italia il modo per aggirare la resistenza ai farmaci

Uno studio condotto da ricercatori dell'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena getta nuova luce sui meccanismi molecolari che causano la chemioresistenza nei tumori ovarici. La neoplasia ovarica è la più aggressiva tra i tumori ginecologici con 165.0[...]

Erlotinib, risultati positivi in prima linea nel tumore al polmone EGFR+

Un comitato di monitoraggio indipendente ha raccomandato l'interruzione anticipata dello studio di fase III EURTAC condotto per valutare erlotinib in pazienti con tumore al polmone EGFR positivo. La decisione è stata presa perché il farmaco ha già ra[...]