Oncologia ed Ematologia

VIDEO

3 cose da sapere sul melanoma BRAF-mutato


Melanoma BRAF-mutato, ok Aifa alla terapia adiuvante con dabrafenib-trametinib


Tumore ovarico recidivato BRCA+: la storia di Lia e l'importanza del mantenimento con anti-PARP


Cancro ovarico recidivato, mantenimento con rucaparib bene nella real life anche con BRCA wild-type


Tumore dell'ovaio: uso di rucaparib conveniente per il Ssn, lo dice uno studio di HTA


Tumore dell'ovaio, non lasciare indietro le pazienti BRCA-, quelle senza la ‘mutazione Jolie'


Cancro ovarico recidivato, arriva in Italia l'inibitore di PARP rucaparib per il mantenimento


Tumore dell’ovaio, cambio di marcia grazie agli inibitori di PARP


Il presente e le nuove frontiere della chirurgia per il carcinoma ovarico


Carcinoma ovarico, qual è la realtà italiana?


Tumore del polmone, ok Aifa a nuova indicazione dell’immunoterapia con pembrolizumab


Melanoma, l’Aifa dice sì a pembrolizumab per la terapia adiuvante


Carcinoma uroteliale avanzato, arriva in Italia l'immunoterapia con pembrolizumab


L’impegno di MSD in oncologia, dalla terapia alla prevenzione


Porpora trombotica trombocitopenica: che cos’è, come si scopre?


Porpora trombotica trombocitopenica, come si cura?


Porpora trombotica trombocitopenica, quali sono i bisogni dei pazienti?


Nasce F.A.V.O. Neoplasie Ematologiche, il network di associazioni di pazienti con tumori del sangue


I pazienti ematologici vengono informati adeguatamente sulla loro patologia?


Cosa ne sanno del loro percorso di cura i pazienti di malattie ematologiche?


Biobanche e ruolo dei campioni biologici: un patrimonio per la ricerca in ematologia


Cure domiciliari e cure palliative, serve alleanza tra associazioni di pazienti e istituzioni


ARTICOLI

Carcinoma ovarico, bersaglio mancato per l’immunoterapia in uno studio di fase 3

Ancora un risultato deludente per l’immunoterapia nel carcinoma ovarico. Questa volta a mancare il bersaglio è l’anticorpo monoclonale anti-PD-L1 avelumab, che nello studio di fase 3 JAVELIN Ovarian 200, da solo o in associazione con doxorubicina lip[...]

Leucemia mieloide acuta, promette bene la combinazione azacitidina-nivolumab

La combinazione del farmaco ipometilante azacitidina con l’inibitore di PD-1 nivolumab è risultata associata a tassi di risposta e risultati di sopravvivenza incoraggianti tra i pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria, in uno s[...]

Linfoma follicolare indolente avanzato, efficacia duratura per la terapia iniziale chemo-free

Nei pazienti con linfoma follicolare indolente avanzato trattati inizialmente con il solo rituximab senza la chemioterapia, questo trattamento ha dimostrato di avere un effetto duraturo e di essere associato a una bassa tossicità. Lo evidenzia un’ana[...]

Mieloma multiplo di nuova diagnosi, daratumumab aggiunto a regime standard riduce rischio di morte o progressione. #ASH2108

L’aggiunta dell’anticorpo monoclonale anti-CD38 daratumumab al regime standard rappresentato da lenalidomide e desametasone (regime Rd) ha ridotto del 45% il rischio di morte o progressione della malattia in pazienti con mieloma multiplo di nuova dia[...]

Leucemia mieloide acuta, studio su Nature rivela nuove mutazioni e correlazioni tra mutazioni e risposta ai farmaci target

Sono stati appena pubblicati su Nature i risultati iniziali del Beat AML Master Trial, uno studio innovativo della Leukemia & Lymphoma Society, nel quale gli autori hanno analizzato la relazione tra il panorama genomico e la risposta alle terapie tar[...]

Carcinoma epatocellulare avanzato, nivolumab allunga la vita anche nei pazienti con Child-Pugh B

L'inibitore di PD-1 nivolumab può prolungare la sopravvivenza dei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato, anche quelli in classe Child-Pugh B, oltre che in classe Child-Pugh A. Lo dimostrano nuovi risultati dello studio di fase 2 CheckMate 04[...]

Sarcoma alveolare delle parti molli avanzato, risposte incoraggianti con atezolizumab

L’inibitore di PD-L1 atezolizumab sembra essere un trattamento promettente per il sarcoma alveolare delle parti molli avanzato. Ad alimentare le speranze sono i risultati di uno studio di fase 2 presentato a Roma, al congresso della Connective Tissue[...]

Carcinoma della vescica, molto promettente terapia neoadiuvante con pembrolizumab

Il trattamento neoadiuvante con l’inibitore di PD-1 pembrolizumab si è dimostrato sicuro e ha fatto sì che una percentuale significativa di pazienti con carcinoma della vescica muscolo-invasivo sia arrivato alla cistectomia radicale avvendo raggiunto[...]

Tumore ovarico avanzato, risultati simili con chemio neoadiuvante oppure citoriduzione iniziale

Un'analisi aggregata di due studi randomizzati evidenzia che la chemioterapia neoadiuvante e la chirurgia citoriduttiva iniziale producono esiti simili nelle pazienti con carcinoma ovarico avanzato, anche se quelle con malattia in stadio IV vanno meg[...]

Immunoterapia, poco frequente la sospensione per effetti avversi reumatici

L'effetto avverso più diffuso legato agli inibitori dei checkpoint immunitari sembra essere l'artrite infiammatoria. È quanto emerge da uno studio retrospettivo della Mayo Clinic di Rochester, pubblicato di recente su Arthritis & Rheumatology. Dall’a[...]

Carcinoma epatico avanzato, in seconda linea nuove prospettive con regorafenib

Lo scenario di trattamento dei pazienti con epatocarcinoma avanzato sta cambiando in modo radicale, anche grazie all’approvazione da parte dell’Agenzia italiana del farmaco di un nuovo agente mirato per la terapia di seconda linea, dopo il trattament[...]

L'emofilia va in scena con B-side

Sulle note di grandi pezzi nati come B-Side e poi divenuti celebri di Doors, Queen, Pearl Jam e altri grandi artisti è stata creata una pièce teatrale per raccontare agli adolescenti e non solo com'è la vita con una patologia molto rara, ma anche com[...]

Cancro al polmone, studio italiano: biopsia liquida utile per predire il beneficio di chemio e immunoterapia. #ESMO18

La biopsia liquida può essere uno strumento valido per prevedere e monitorare il beneficio clinico nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato trattati con la chemioterapia e con l'immunoterapia? A questa domanda ha cercato di[...]

Sarcomi: in arrivo nuovi farmaci molecolari e immunoterapia

La ricerca va avanti e offre importanti novità anche per i sarcomi, tumori rari con circa 5 diagnosi ogni 100 mila abitanti in Italia ogni anno, non più ‘orfani' di possibilità terapeutiche. Questi e altri temi saranno affrontati al meeting annuale [...]

Cancro al seno avanzato con PIK3CA mutato, alpelisib ritarda la progressione. #ESMO18

L'aggiunta di alpelisib al farmaco ormonale fulvestrant prolunga in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS), quasi raddoppiandola, in pazienti affette da carcinoma mammario avanzato con recettori ormonali positivi (HR+) e neg[...]

Carcinoma epatocellulare pretrattato, efficacia di cabozantinib confermata in diversi sottogruppi. #ESMO18

Nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato trattati con l'inibitore multichinasico cabozantinib in seconda e terza linea, il beneficio di sopravvivenza, sia globale (OS) sia libera da progressione (PFS), si ottiene indipendentemente dai livel[...]

Mieloma multiplo, mai abbassare la guardia. Si vince con la ricerca

I due campioni olimpici di scherma Elisa Di Francisca e Aldo Montano testimonial della campagna di sensibilizzazione promossa da AIL in collaborazione con Lampada di Aladino con il contributo non condizionante di Celgene con l'obiettivo di far conosc[...]

Melanoma avanzato BRAF+, beneficio di sopravvivenza di dabrafenib/trametinib adiuvante confermato anche a 4 anni. #ESMO18

I pazienti con melanoma in stadio III BRAF-mutato sottoposti al trattamento adiuvante per 12 mesi con l’inibitore di BRAF dabrafenib più l’inibitore di MEK trametinib continuano a mostrare nel tempo un beneficio significativo in termini di sopravvive[...]

Cancro al seno triplo negativo, atezolizumab migliora la sopravvivenza nelle pazienti PD-L1 positive. #ESMO2018

Per la prima volta un farmaco immunoterapico mostra un chiaro beneficio nel cancro al seno e la cosa più importante è che questo vantaggio si ottiene nella forma più difficile da trattare, il cancro al seno triplo negativo, che non risponde alla tera[...]

Risposte molto incoraggianti con entrectinib in diversi tipi di tumori NTRK-positivi. #ESMO18

Più della metà dei pazienti con tumori solidi che presentano fusioni dei geni NTRK 1/2/3 ha risposto al trattamento con entrectinib, un farmaco frutto anche della ricerca italiana, in tre studi di cui è stata presentata un’analisi aggregata durante i[...]