Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Radioterapia nel tumore della prostata, sviluppi e collaborazione con altre specialità


Tumore della prostata, come riconoscerlo e diagnosticarlo precocemente


PDTA come gestione del rischio clinico nel tumore della prostata


Tumore della prostata, la best practice dell'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo


PDTA del tumore della prostata, i risultati ad un anno dall'attivazione all'Ospedale Buccheri La Ferla


Tumore della prostata, all'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo è attivo un PDTA certificato


B-SIDE, il primo spettacolo teatrale che porta in scena l'emofilia


Sindromi mielodisplastiche, terapia ferro-chelante con deferasirox allunga la sopravvivenza senza eventi


Emofilia A: sbarca in Italia emicizumab, si apre una nuova era per i pazienti con inibitori


Emofilia A e inibitori del fattore VIII, cosa sono e come gestire il problema


Qual è la spesa farmaceutica al netto di rimborsi condizionati e pay back?


Il costo del mieloma multiplo nella real life italiana


Il percorso di assistenza e di cura del paziente con mieloma multiplo


Evoluzione nella cura del mieloma multiplo. Il problema delle recidive


Quali sono i problemi che devono affrontare i pazienti guariti da un tumore?


Quale sarà l'impatto dei biosimilari nella realtà italiana? Ce lo rivela uno studio del CEIS


Oncologia italiana a livelli di eccellenza. Aspetti positivi del modello del nostro Paese


Linfoma follicolare ritrattato, lenalidomide aggiunta a rituximab allontana la progressione


Beta-talassemia, luspatercept riduce il bisogno di trasfusioni nei pazienti anemici


Sindromi mielodisplastiche, con luspatercept servono meno trasfusioni nei pazienti anemici


Linfoma follicolare, obinutuzumab si conferma meglio di rituximab nel ritardare la progressione


Linfoma diffuso a grandi cellule B, aggiunta di polatuzumab può raddoppiare la sopravvivenza nei casi non idonei al trapianto


ARTICOLI

Possibile correlazione tra batteri intestinali buoni e risposta a immunoterapia

I pazienti oncologici che presentano alte concentrazioni di batteri intestinali ‘buoni' sembrano avere maggiori probabilità di rispondere all'immunoterapia, una scoperta che potrebbe aprire una nuova strada per ottimizzare l'impiego degli inibitori d[...]

Glioblastoma progressivo, nessun vantaggio aggiungendo bevacizumab

L'aggiunta di bevacizumab alla lomustina per il trattamento di pazienti con glioblastoma progressivo non ha comportato un miglioramento significativo della sopravvivenza globale (OS). Questo il risultato dello studio 26101 della European Organisation[...]

Linfoma di Hodgkin, brentuximab vedotin aggiunto a regimi standard migliora gli outcome

Due varianti del regime standard eBEACOPP, utilizzato nel trattamento del linfoma di Hodgkin classico, che prevedono l'aggiunta di brentuximab vedotin, hanno dato percentuali di risposta completa e remissione comparabili a quelli che si ottengono con[...]

Rischio linfoma aumentato nei pazienti con IBD sia con gli anti-TNF sia con le tiopurine

I pazienti con malattia infiammatoria intestinale (IBD) che vengono trattati con una tiopurina in monoterapia, un inibitore del fattore di necrosi tumorale (TNF) in monoterapia o una combinazione di questi agenti potrebbero avere un rischio aumentato[...]

Cancro gastrico in fase avanzata, in terza linea immunoterapia con avelumab non batte la chemio

L'anticorpo anti-PD-L1 avelumab non è riuscito a dimostrare una sopravvivenza globale superiore rispetto alla chemioterapia come trattamento di terza linea per pazienti con tumore gastrico irrisolvibile, ricorrente o metastatico, mancando l' endpoint[...]

Lurbinectedina promettente contro il sarcoma di Ewing avanzato

Lurbinectedina ha dimostrato una chiara attività antitumorale come un agente singolo in pazienti con sarcoma di Ewing avanzato o recidivato in uno studio di fase II presentato al congresso annuale della Connective Tissue Oncology Society (CTOS) a Wai[...]

Warfarin possibile scudo contro diversi tumori

Assumere l'anticoagulante warfarin potrebbe avere un effetto protettivo nei confronti di una vasta gamma di tumori nelle persone di età superiore ai 50 anni. A suggerirlo è un ampio studio osservazionale condotto in Norvegia e pubblicato di recente s[...]

Ca ovarico, Ema approva niraparib per le donne con recidiva

La Commissione Europea ha approvato l'immissione in commercio di niraparib come monoterapia per il trattamento di mantenimento di pazienti adulte con carcinoma ovarico epiteliale sieroso, carcinoma delle tube di Falloppio o carcinoma peritoneale prim[...]

Lurbinectedina promettente contro il sarcoma di Ewing avanzato

Lurbinectedina ha dimostrato una chiara attività antitumorale come un agente singolo in pazienti con sarcoma di Ewing avanzato o recidivato in uno studio di fase II presentato al congresso annuale della Connective Tissue Oncology Society (CTOS) a Wai[...]

Emofilia A, emicizumab efficace anche senza gli inibitori

Oggi Roche ha annunciato i risultati positivi dello studio di fase III HAVEN 3 che ha valutato emicizumab in soggetti adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni) con emofilia A e senza inibitori al fattore VIII. La superiorità verso la t[...]

Emofilia A, efficacia e sicurezza degli agenti bypassanti. Il primo compie 40 anni.

L'emofilia è una malattia genetica rara potenzialmente invalidante per la quale, a tutt'oggi, non è ancora disponibile una cura definitiva. Il 30% dei pazienti sviluppa inibitori verso i quali si può agire con una terapia a base di agenti bypassanti.[...]

Ca mammario HER2+, no tossicità cardiaca a lungo termine con trastuzumab

L'aggiunta di trastuzumab alla chemioterapia con antracicline e taxani non si traduce in un peggioramento degli outcome cardiaci a lungo termine nelle donne alle quali era stato diagnosticato un cancro al seno in stadio iniziale HER2-positivo (HER2+)[...]

Cediranib attivo nel sarcoma alveolare delle parti molli

Il trattamento con l’inibitore delle tirosin chinasi (TKI) del recettore del VEGF cediranib si è associato a una riduzione significativa della somma delle lesioni marker target rispetto al placebo in pazienti affetti da sarcoma alveolare delle parti [...]

Mieloma multiplo, venetoclax promettente nel setting recidivato/refrattario

L'inibitore della proteina anti-apoptotica BCL-2 venetoclax presenta un profilo di sicurezza accettabile e si è dimostrato attivo a dosaggi fino a 1200 mg al giorno in pazienti con mieloma multiplo recidivato/refrattario in uno studio di fase I pubbl[...]

5-fluoruracile topico efficace contro la neoplasia vaginale intraepiteliale

Il chemioterapico 5-fluorouracile (5-FU) somministrato per via topica è più efficace rispetto all'escissione chirurgica o all'ablazione laser nel trattamento della neoplasia vaginale intraepiteliale (VIN) di grado elevato. Lo evidenziano i risultati [...]

Cancro infantile: FIAGOP, UE disattende promesse sullo sviluppo di nuovi medicinali oncologici pediatrici

A 10 anni dall’entrata in vigore del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici restano ancora in gran parte disattese le speranze delle migliaia di bambini e adolescenti che, in Italia e in Europa, affrontano l’espe[...]

Farmacocinetica migliore ed aumentata protezione, ecco cosa contraddistingue un nuovo farmaco per l'emofilia A

Contro l'emofilia A servono molecole facili da utilizzare, con parametri farmacocinetici migliori rispetto al fattore VIII standard e che consentono una aumentata protezione. Tutte queste caratteristiche sono rappresentate nel farmaco octocog alfa pr[...]

Ca alla prostata, terapia di deprivazione androgenica non aumenta il rischio di Alzheimer

Gli uomini anziani trattati con la terapia di deprivazione androgena (ADT) per un cancro della prostata non sembrano essere a rischio aumentato di sviluppare una demenza o la malattia di Alzheimer, stando ai risultati di uno studio appena pubblicato[...]

Ca al seno, dopo i 5 anni di terapia endocrina rischio recidiva perdura fino a 20 anni

Anche dopo aver fatto 5 anni di terapia endocrina adiuvante, le donne alle quali era stato diagnosticato un cancro al seno in stadio iniziale positivo per il recettore degli estrogeni (ER) mostrano un tasso costante di recidive per un arco di tempo l[...]

Pembrolizumab promettente nel carcinoma esofageo

L'inibitore del checkpoint immunitario PD-1 pembrolizumab ha mostrato una buona attività antitumorale in pazienti con carcinoma esofageo PD-L1-positivo, pesantemente pretrattati, nello studio di fase Ib KEYNOTE-028, da poco pubblicato sul Journal of [...]