Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Alla scoperta delle CAR T-cells: cosa sono, chi può giovarsene e quali sfide pongono?


CAR T-cells, una rivoluzione nella cura dei tumori del sangue


Leucemia linfatica cronica: che cos'è e come scoprirla?


Linfoma follicolare, novità in terapia dal congresso ASH 2018


Leucemia linfatica cronica: come si cura e quali novità dal congresso americano ASH


CAR T-cells: quali sono le prospettive future?


Leucemia linfatica cronica, novità dal congresso ASH 2018 sulla terapia di prima linea


Prevenzione delle trombosi le ultime novità dal convegno post-ASH 2018


CAR T-cells: novità per la cura del linfoma diffuso a grandi cellule B dall’ASH 2018


Leucemia linfatica cronica: novità su biologia e prognosi: novità dal convegno post-ASH 2018


Leucemia linfatica cronica, novità dal congresso ASH 2018 sulla terapia di salvataggio


Mieloma multiplo, novità dal congresso ASH 2018 sulla terapia di salvataggio


Terapia delle sindromi mielodisplastiche: stato dell’arte e novità dal congresso ASH 2018


Ultime novità sulla terapia dei difetti acquisiti della coagulazione. Convegno post-ASH 2018


Terapia del linfoma di Hodgkin: novità dal post-ASH 2018


Gestione della policitemia vera novità dal convegno post-ASH 2018


Terapia del linfoma diffuso a grandi cellule B: ultime novità dal convegno post-ASH 2018


Mieloma multiplo, novità dall'ASH 2018 sulla terapia iniziale


Quali novità nel trapianto allogenico per la leucemia mieloide acuta?


Dal congresso americano ASH 2018 tante innovazioni in ematologia: quali ricadute per i pazienti?


Cosa fare quando le sindromi mielodisplastiche evolvono in leucemia acuta?


Leucemie acute: quali novità in terapia dal congresso americano ASH 2018?


ARTICOLI

Ca endometriale metastatico, axalimogene filolisbac promettente sulla sopravvivenza

Il trattamento con l'immunoterapia mirata sperimentale axalimogene filolisbac (indicata anche con la sigla AXAL) ha portato a un miglioramento del 52% della sopravvivenza globale (OS) rispetto ai dati storici aggregati, in un gruppo di donne con un c[...]

Tumore polmone avanzato ALK-positivo: alectinib bene in Fase III nei non responder a crizotinib

Roche ha reso noti i dati top line dello studio di fase III ALUR, dai quali è emerso che alectinib ha determinato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione (PFS) nei pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccol[...]

Contraccettivi orali possono proteggere a lungo termine da alcuni tumori

I contraccettivi orali sono stati spesso messi sul banco degli imputati, ma ora nuovi risultati di uno studio di coorte nel quale le donne sono state seguite per più di 40 anni mostrano che i loro benefici superano i rischi, in quanto possono offrire[...]

Mieloma multiplo, galinpepimut-S promettente per i pazienti ad alto rischio

Il farmaco immunoterapico galinpepimut-S ha dimostrato di offrire un beneficio clinico in pazienti con mieloma multiplo ad alto rischio già sottoposti al trapianto autologo di cellule staminali in uno studio di fase II, di cui Sellas Life Sciences ha[...]

Ca al seno, ipocolesterolemizzanti potrebbero ridurre il rischio di recidiva

Le donne con un cancro al seno in stadio precoce con recettori ormonali positivi (HR+) che assumono farmaci ipocolesterolemizzanti mentre stanno facendo la terapia endocrina adiuvante potrebbero vedere ridotto il loro rischio di recidiva. A suggerirl[...]

Linfoma non-Hodgkin aggressivo, oltre l’80% di risposte con singola infusione di KTE-C19 nello studio ZUMA-1

Il trattamento con KTE-C19, l’immunoterapia con CAR T cells anti-CD19 messa a punto da Kite Pharma. ora indicata con un nome un po’ impronunciabile, axicabtagene ciloleucel, si è dimostrato attivo ed efficace contro il linfoma non-Hodgkin a cellule B[...]

Ca renale a cellule chiare, nessun beneficio da sunitinib o sorafenib adiuvanti

Né sunitinib né sorafenib somministrati come terapia adiuvante, cioè dopo la chirurgia, hanno mostrato di offrire vantaggi significativi in termini di sopravvivenza globale (OS) o sopravvivenza libera da malattia (DFS) rispetto al placebo ai pazienti[...]

Ca al seno HR+/HER2-, ribociclib in aggiunta a letrozolo efficace anche nelle donne anziane

L'aggiunta dell’inibitore di CDK4/6 ribociclib all’inibitore dell’aromatasi letrozolo come terapia di prima linea ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 40% nelle pazienti anziane con carcinoma mammario avanzato con recet[...]

Leucemia mieloide acuta, azacitadina più acido valproico efficace come mantenimento post-trapianto allogenico

L'azacitadina e l'acido valproico possono essere tranquillamente somministrati in contemporanea come terapia di mantenimento dopo il trapianto allogenico di cellule staminali nei pazienti con leucemia mieloide acuta ad alto rischio. A rivelarlo sono [...]

Aspirina nella prevenzione primaria del cancro del colon-retto, Bayer presenta domanda all’AIFA

Bayer ha reso noto di avere presentato all'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) una domanda di variazione per estendere l’indicazione terapeutica di Cardioaspirin, aggiungendo la prevenzione primaria del cancro al colon-retto come beneficio ulterior[...]

Mieloma multiplo recidivato, carfilzomib migliora la sopravvivenza

L’inibitore del proteasoma di nuova generazione carfilzomib, aggiunto a desametasone, ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) del 21% rispetto alla doppietta bortezomib più desametasone in pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario ne[...]

Obesità e tumori, forti evidenze di collegamento

Ci sono forti prove di un collegamento fra l'adiposità e l'adenocarcinoma esofageo, il mieloma multiplo e il cancro al colon, al retto, alle vie biliari, al pancreas, all'endometrio, al rene e, nella donna in post-menopausa, alla mammella. Questa la [...]

Leucemia mieloide cronica, efficacia di imatinib si mantiene nel tempo

L'efficacia di imatinib nel trattamento della leucemia mieloide cronica persiste nel tempo. A dirlo sono i risultati di quasi 11 anni di follow-up dello studio multicentrico IRIS, appena pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Leucemia mieloide acuta: delude sapacitabina, mancato l’obiettivo di migliorare la sopravvivenza

L’analogo nucleosidico orale sapacitabina non ha centrato l’obiettivo - migliorare la sopravvivenza globale (OS) nei pazienti anziani con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi - nello studio di fase III SEAMLESS. Lo ha annunciato Cyclacel Pharma[...]

Tumori: “diminuiscono i decessi in Italia. Diagnosi e terapie ‘su misura’ con l’oncologia di precisione”

Per la prima volta diminuiscono in Italia i decessi per tumore: 1.134 morti in meno registrate nel 2013 (176.217) rispetto al 2012 (177.351). Migliore adesione ai programmi di screening, efficacia delle campagne di prevenzione e nuove armi stanno evi[...]

A Pavia il crowdfunding per vincere il mesotelioma con le nanoparticelle

I fondi per la ricerca si sa sono sempre troppo pochi, specie nel nostro Paese. Per trovare una nuova cura per combattere il Mesotelioma Pleurico Maligno (MPM) all'Università di Pavia hanno pensato a una modalità di raccolta di risorse al passo coi t[...]

Macroglobulinemia di Waldenstrom, benefici di ibrutinib persistono nel tempo

Il trattamento con ibrutinib in monoterapia ha portato a una percentuale di risposta del 90% dopo un follow-up mediano di 18,1 mesi in pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom refrattari a rituximab. Lo evidenziano i risultati di un sottostudio [...]

Ca seno iniziale HER2+, con aggiunta di pertuzumab alla terapia adiuvante minor rischio di decessi e recidive

L'aggiunta di pertuzumab a trastuzumab e alla chemioterapia adiuvante ha ridotto in modo significativo il rischio di recidiva della malattia invasiva o di morte in pazienti con un carcinoma mammario in fase iniziale HER2-positivo (HER2+) nello studio[...]

Ca alla prostata, aggiungere la chemio alla deprivazione androgenica non migliora gli outcome

L'aggiunta di mitoxantrone più prednisone (MP) alla terapia di deprivazione androgenica (ADT) non migliora gli outcome nei pazienti con carcinoma prostatico clinicamente localizzato. È quanto emerge dallo studio SWOG S9921, un ampio studio multicentr[...]

Leucemia linfoblastica acuta, blinatumomab allunga la vita nei pazienti recidivati o refrattari

Il trattamento con l’anticorpo bispecifico anti-CD19 blinatumomab ha portato a un prolungamento della sopravvivenza globale (OS) rispetto alla chemioterapia standard in pazienti con leucemia linfoblastica acuta a precursori delle cellule B cromosoma [...]