Il trattamento con abiraterone aumenta la percentuale di risposta nei pazienti con tumore alla prostata resistente alla castrazione. E’ il risultato di uno studio presentato a Washington, in occasione del meeting 2011 dell’American Urological Association (AUA).

Risultati di studi precedenti avevano mostrato che il trattamento con abiraterone aumenta la sopravvivenza generale di pazienti con tumore alla prostata resistente alla castrazione di 3,9 mesi.

I nuovi risultati mostrano che il 14% dei pazienti in trattamento con il farmaco presenta una risposta, rispetto al 2,8% dei controlli (P<0,00019). Questo risultato è stato ottenuto utilizzando il metodo RECIST un sistema di valutazione per stabilire la risposta al trattamento nei tumori solidi.

Il trial ha arruolato 797 pazienti con tumore alla prostata resistente alla castrazione metastatico che non avevano risposta ad almeno un trattamento precedente che includeva docetaxel. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere abiraterone o placebo.

Nello studio, 55 dei 392 pazienti con la patologia misurabile al basale, in trattamento con abiraterone, hanno raggiunto una risposta RECIST oggettiva, rispetto a 5 dei 181 pazienti del gruppo di controllo.

Circa il 19% dei pazienti in trattamento con abiraterone ha interrotto il trattamento a causa di eventi avversi, rispetto al 23% dei controlli. L’11% dei pazienti in trattamento con il farmaco ha abbandonato lo studio a causa di eventi avversi gravi, rispetto al 145 del gruppo assegnato al placebo.

Abiraterone agisce bloccando un enzima che ha un ruolo fondamentale nella produzione di testosterone in tutte le regioni del corpo eliminando così in maniera più radicale, rispetto ai farmaci attualmente disponibili, la fonte che alimenta questo tipo di tumore. Abiraterone inibisce la sintesi degli androgeni. Il farmaco blocca la formazione di testosterone inibendo in maniera irreversibile l'enzima CYP17A1 (CYP450c17), una liasi nota anche come 17α-hydroxylase/C17, 20. Si tratta di un complesso del citocromo P450 coinvolto nella formazione di DHEA e androstenedione che viene poi metabolizzato in testosterone.

Abiraterone è stato scoperto e sviluppato dalla società biotech Cougar Biotechnology. Nel maggio del 2010, per poter entrare in possesso del farmaco, Johnson & Johnson, ha acquisito Cougar Biotechnology sborsando un miliardo di dollari.

Il farmaco è stato approvato lo scorso aprile dall’Fda per la terapia del tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione, in pazienti che hanno già ricevuto una chemioterapia a base di docetaxel. Disponibile per via orale, il farmaco viene utilizzato in combinazione con il prednisone. Il farmaco è commercializzato da Johnson & Johnson con il marchio Zytiga.

Abiraterone Acetate Plus Low-Dose Prednisone Has a Favorable Safety Profile, Improves Survival and Produces PSA and Radiographic Responses in Metastatic Castration-Resistant Prostate Cancer Progressing After Docetaxel-Based Chemotherapy: Results From COU-Aa-301, A Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled, Phase III Study. Abstract 705