Ca al polmone, nivolumab in seconda linea efficace anche nei tumori con bassa espressione di PD-L1

L'inibitore dei checkpoint immunitari nivolumab agisce legandosi al recettore PD-1, ma i livelli del suo ligando PD-L1 nei tumori polmonari non sono predittivi di come il paziente risponderà al farmaco. Lo si evince da un'analisi post-hoc dello studio CheckMate057, presentata a Vienna in occasione della World Conference on Lung Cancer, patrocinata dall'International Association for the Study of Lung Cancer.

L’inibitore dei checkpoint immunitari nivolumab agisce legandosi al recettore PD-1, ma i livelli del suo ligando PD-L1 nei tumori polmonari non sono predittivi di come il paziente risponderà al farmaco. Lo si evince da un’analisi post-hoc dello studio CheckMate057, presentata a Vienna in occasione della World Conference on Lung Cancer, patrocinata dall’International Association for the Study of Lung Cancer.

"Sebbene una maggiore attività clinica di nivolumab sia correlata a un aumento dell’espressione tumorale di PD-L1, i pazienti trattati con nivolumab con un’espressione bassa o nulla di PD-L1 hanno una probabilità di risposta comparabile, risposte più durevoli, una sopravvivenza globale paragonabile e un minor numero di eventi avversi correlati al trattamento rispetto ai pazienti trattati con docetaxel” ha detto Solange Peters, dell’Università di Losanna, durante la sua presentazione.

Di conseguenza, nivolumab è ora lo standard di cura per il trattamento di seconda linea del tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC) con istologia squamosa o non squamosa avanzato, indipendentemente dall’espressione di PD-L1 da parte del tumore, ha detto la Peters.

L'approvazione del farmaco nel 2015 da parte della Food and Drug Administration è il frutto dell’esito positivo dello studio CheckMate057. In questo trial, pubblicato sul New England Journal of Medicine, in pazienti non selezionati con NSCLC non squamoso avanzato o recidivante che avevano smesso di rispondere a un regime chemioterapico a base di platino, il trattamento con nivolumab ha portato a una sopravvivenza globale significativamente superiore rispetto a un regime a base di docetaxel durante un follow-up lungo fino a 18 mesi

Ma una valutazione più dettagliata dei dati di sopravvivenza ha mostrato un modello inaspettato di rischio di decesso precoce tra i pazienti trattati con nivolumab. Durante i primi 3 mesi di trattamento, infatti, sono morti 15 pazienti in più nel braccio nivolumab rispetto al braccio docetaxel. Questo andamento, tuttavia, si è rapidamente invertito nei 3 mesi successivi, quando i decessi sono stati 9 in più nel gruppo trattato con docetaxel rispetto al gruppo trattato con nivolumab, ha riferito la Peters. A 12 mesi dall'inizio del trattamento, la sopravvivenza globale è risultata del 51% nel gruppo nivolumab e 39% nel gruppo docetaxel.

L'analisi post hoc ha mostrato una tendenza a un rischio di decesso più alto durante i primi 3 mesi di trattamento con nivolumab tra i pazienti con caratteristiche prognostiche più sfavorevoli, una malattia più aggressiva e un’espressione di PD-L1 nel tumore bassa o assente.

Anche se nei pazienti con tumori con livelli elevati di espressione di PD-L1 la percentuale di risposta a nivolumab è stata migliore, i pazienti con espressione nulla di PD-L1 hanno mostrato una risposta a nivolumab più o meno equivalente alla risposta a docetaxel tra i pazienti assegnati alla chemioterapia.

"Si sono ottenute risposte profonde e durature a nivolumab a prescindere dal livello di espressione di PD-L1" ha detto la Peters. Tra i pazienti con tumori con un’espressione di PD-L1 inferiore all'1%, la percentuale di risposta complessiva è stata del 9% nel braccio nivolumab e 15% nel braccio docetaxel. Tra i pazienti con tumori con un’espressione di PD-L1 pari all’1% o superiore, la percentuale di risposte obiettive è stata del 31% con nivolumab e 12% con docetaxel.

In un'analisi chiave che ha escluso i pazienti deceduti durante i primi 3 mesi di trattamento, il pattern di risposte a nivolumab e il suo vantaggio rispetto a docetaxel sono risultati simili tra i pazienti con espressione bassa o nulla di PD-L1 e tra tutti i pazienti arruolati nello studio. In quest’analisi, il rischio di decesso dopo 3 mesi è risultato ridotto del 34% nel braccio nivolumab tra i pazienti con espressione bassa o nulla di PD-L1 e del 31% in tutta la popolazione dello studio.

S. Peters, et al. Analysis of Early Survival in Patients with Advanced Non-Squamous NSCLC Treated with Nivolumab vs Docetaxel in CheckMate 057. WCLC 2017; abstract OA03.05.