Oncologia-Ematologia

Ca testa-collo, regime a base di docetaxel meglio di quello con cisplatino

La combinazione di chemioradioterapia postoperatoria a base di docetaxel più cetuximab ha portato a un miglioramento della sopravvivenza globale (OS) e della sopravvivenza libera da malattia (DFS) rispetto a quella con cisplatino, senza tossicità inattese in pazienti con un carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ad alto rischio nello studio RTOG-0234 del Radiation Therapy Oncology Group, un trial di fase II appena pubblicato sul Journal of Clinical Oncology.

Lo studio ha coinvolto 238 pazienti con un carcinoma a cellule squamose del distretto testa-collo in stadio III e IV, sottoposti a radioterapia (60 Gy) più cetuximab una volta alla settimana e cisplatino (30 mg/m2) o docetaxel (15 mg/m2) una volta alla settimana.

L’OS a 2 anni è risultata del 69% nel braccio trattato con cisplatino e 79% in quello trattato con docetaxel, mentre la DFS a 2 anni è stata del rispettivamente 57% e del 66%.

In precedenza, due ampi studi di fase III, il RTOG 9501 e l'EORTC 22.931, avevano mostrato entrambi un lieve, ma significativo, vantaggio di sopravvivenza nei pazienti con un tumore del distretto testa- collo sottoposti alla radioterapia e alla chemioterapia adiuvante in concomitanza. I risultati di tali studi avevano portato a incorporare il cisplatino nel regime adiuvante per i pazienti affetti da questi tumori e ad alto rischio.

Lo svantaggio di tale strategia, però, è che l'aggiunta di cisplatino alla radioterapia aumenta la tossicità. Inoltre, molti di questi pazienti non sono idonei alla terapia combinata a causa del performance status scadente, dell’età avanzata o di un’insufficienza renale.

Inoltre, i pazienti con tumori dell'orofaringe p16-positivi (43 su 54) hanno mostrato un miglioramento notevole della sopravvivenza rispetto a coloro che avevano tumori p16-negativi.

Gli eventi avversi non ematologici più comuni di grado elevato sono stati la mucosite, la disfagia e il rash cutaneo, sia nel braccio trattato con cisplatino sia in quello trattato con docetaxel. I pazienti nel braccio cisplatino, tuttavia, hanno mostrato maggiore frequenza di tossicità ematologiche di grado 3-4 rispetto a quelli nel braccio docetaxel (27,8% contro 14,2%), l’incidenza delle tossicità ritenute inaccettabili da parte degli sperimentatori è risultata superiore nel braccio docetaxel avevano tossicità da chi conduce lo studio (12,3% nel braccio docetaxel contro 9,3% nel braccio cisplatino).

Gli autori hanno anche confrontato la DFS ottenuta in questo studio con quella osservata nel braccio sottoposto alla chemioradioterapia dello studio RTOG-9501, nel quale il braccio cisplatino ha mostrato un hazard ratio di 0,76 rispetto al controllo (P = 0,05) e il braccio docetaxel un hazard ratio di 0,69 (P = 0,01), corrispondenti a un miglioramento assoluto della DFS a 2 anni rispettivamente del 2,5% e 11,5%.

"La somministrazione della chemioradioterapia postoperatoria (con cisplatino o docetaxel una volta a settimana, più 60 Gy) con cetuximab una volta alla settimana per i pazienti con un carcinoma a cellule squamose della testa e del collo con caratteristiche patologiche ad alto rischio è fattibile e tollerato, con una tossicità prevedibile” scrivono gli autori nelle conclusioni.

Inoltre, sottolineano, “il regime a base di docetaxel e cetuximab più la radioterapia  mostra risultati particolarmente promettenti con un miglioramento sia della DFS sia dell’OS rispetto ai controlli storici del RTOG e appare meritevole di ulteriori indagini in pazienti ad alto rischio con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo”.

Poiché le conclusioni di questo studio si basano sul confronto con un controllo storico, i risultati devono essere ulteriormente validati in un trial clinico di fase III con un braccio di controllo. Il regime a base di docetaxel più cetuximab è attualmente al vaglio degli sperimentatori in un trial clinico di fase II/III.

Paul M. Harari, et al. Postoperative Chemoradiotherapy and Cetuximab for High-Risk Squamous Cell Carcinoma of the Head and Neck: Radiation Therapy Oncology Group RTOG-0234. J Clin Oncol 2014; doi: 10.1200/JCO.2013.53.9163.

leggi