Oncologia-Ematologia

Cancro al seno metastatico triplo negativo: Fda approva in via definitiva sacituzumab govitecan, primo farmaco che migliora PFS e sopravvivenza globale

L'Fda ha concesso la piena approvazione a sacituzumab govitecan-hziy per pazienti adulti con cancro al seno triplo negativo (TNBC) localmente avanzato o metastatico non resecabile che hanno ricevuto due o pi¨ terapie sistemiche precedenti, almeno una delle quali per la malattia metastatica.

L’Fda ha concesso la piena approvazione a sacituzumab govitecan-hziy per pazienti adulti con cancro al seno triplo negativo (TNBC) localmente avanzato o metastatico non resecabile che hanno ricevuto due o più terapie sistemiche precedenti, almeno una delle quali per la malattia metastatica.

L’ Fda aveva concesso l'approvazione accelerata a sacituzumab govitecan nell'aprile 2020 sulla base del tasso di risposta oggettiva e della durata dei risultati della risposta osservati in uno studio di fase 1/2. È già commercializzato da Gilead con il marchio Trodelvy.

L'approvazione di oggi espande la precedente indicazione del farmaco per includere il trattamento in pazienti adulti con TNBC non resecabile localmente avanzato o metastatico che hanno ricevuto due o più terapie sistemiche precedenti, almeno una delle quali per la malattia metastatica.

L'approvazione è supportata dai dati dello studio di fase 3 ASCENT, in cui sacituzumab govitecan ha dimostrato una riduzione statisticamente significativa e clinicamente rilevante del 57% del rischio di peggioramento della malattia o di decesso (sopravvivenza libera da progressione (PFS)), estendendo la PFS mediana a 4,8 mesi da 1,7 mesi ottenuti con la chemioterapia (HR: 0,43; 95% CI: 0,35-0,54; p<0,0001). Il farmaco ha anche esteso la sopravvivenza globale mediana (OS) a 11,8 mesi contro 6,9 mesi (HR: 0,51; 95% CI: 0,41-0,62; p<0,0001), che rappresenta una riduzione del 49% del rischio di morte.

A livello mondiale, circa due diagnosi di cancro al seno su 10 sono di triplo negativo, una forma di tumore che risulta negativo ai recettori degli estrogeni, ai recettori del progesterone e al recettore di tipo 2 (HER2) del fattore di crescita epidermico umano. Pertanto, questo tumore non risponde ai farmaci per la terapia ormonale o ai farmaci che prendono di mira l'HER2. Si tratta di una forma di tumore con un alto bisogno medico insoddisfatto, basti considerare che dal momento della diagnosi la sopravvivenza media è di 18 mesi.

"Le donne con cancro al seno triplo-negativo hanno storicamente avuto poche opzioni di trattamento efficaci e affrontato una prognosi sfavorevole", ha detto Aditya Bardia, direttore del programma di ricerca sul cancro al seno, Mass General Cancer Center e assistente professore di medicina alla Harvard Medical School, e investigatore principale globale dello studio ASCENT. "L'approvazione odierna della FDA riflette il beneficio statisticamente significativo di sopravvivenza visto nello studio ASCENT e posiziona sacituzumab govitecan-hziy come potenziale standard di cura per il TNBC pretrattato".

"Una diagnosi di TNBC metastatico è spaventosa. Essendo una malattia aggressiva e difficile da trattare, è un progresso significativo avere un'opzione di trattamento approvata dalla Fda con un provato beneficio di sopravvivenza per i pazienti con malattia metastatica che continua a progredire", ha detto Ricki Fairley, fondatore e CEO di Touch, la Black Breast Cancer Alliance. "Per troppo tempo, le persone con TNBC metastatico hanno avuto poche opzioni di trattamento. La notizia di oggi continua il progresso di portare più opzioni per trattare questa malattia devastante".

Come agisce il farmaco
Sacituzumab govitecan è costituito dal metabolita attivo dell'irinotecan, SN-38, collegato con un anticorpo IgG umanizzato diretto contro Trop-2, una glicoproteina della superficie cellulare espressa in oltre il 90% dei casi di TNBC che aiuta il cancro a crescere, dividersi e diffondersi. L’inibitore della DNA topoisomerasi I, SN-38, è un composto chimico tossico per le cellule tumorali ed è circa 200 volte più attivo rispetto all'irinotecan ma non può essere somministrato sistemicamente ai pazienti a causa della sua scarsa solubilità e tossicità. Il linker messo a punto da Immunomedics, la società che lo ha sviluppato prima di essere acquisita da Gilead, che prende il nome di CL2A, permette di produrre coniugati SN-38 solubili in acqua con ottimi rendimenti, oltre a preservare il legame anticorpale e l'attività farmacologica.

Profilo di sicurezza
Tra tutti i pazienti valutabili per la sicurezza nello studio ASCENT (n=482), sacituzumab govitecan ha avuto un profilo di sicurezza coerente con l'indicazione precedentemente approvata. Le reazioni avverse di grado ≥3 più frequenti per il nuovo farmaco rispetto alla chemioterapia a singolo agente erano neutropenia (52% vs. 34%), diarrea (11% vs. 1%), leucopenia (11% vs. 6%) e anemia (9% vs. 6%). Le reazioni avverse che hanno portato all'interruzione del trattamento si sono verificate nel 5% dei pazienti che hanno ricevuto il farmaco.

Iter registrativo in Europa e altri Paesi
Le domande di registrazione per Trodelvy nel TNBC metastatico sono state presentate nel Regno Unito, Canada, Svizzera e Australia come parte del Progetto Orbis, un'iniziativa dell'Oncology Center of Excellence (OCE) della FDA che fornisce un quadro per la presentazione e la revisione contemporanea di prodotti oncologici tra i partner internazionali, così come a Singapore attraverso il nostro partner Everest Medicines. L'Agenzia Europea dei Medicinali ha anche convalidato una domanda di autorizzazione alla commercializzazione per Trodelvy nell'Unione Europea. Tutti i dossier sono basati sui dati dello studio di fase 3 ASCENT.