Cancro al seno, risultati non incoraggianti per palbociclib in un setting precoce

Oncologia-Ematologia

In uno studio di Fase III condotto per valutare l'impiego di  palbociclib in donne con tumore al seno in fase precoce positivo per i recettori ormonali (HR+) e negativo per i recettori HER2 č  "improbabile" che il farmaco oncologico possa mostrare un miglioramento significativo nell'endpoint primario di sopravvivenza libera da malattia invasiva (DFS). 

In uno studio di Fase III condotto per valutare l’impiego di  palbociclib in donne con tumore al seno in fase precoce positivo per i recettori ormonali (HR+) e negativo per i recettori HER2 è  "improbabile" che il farmaco oncologico possa mostrare un miglioramento significativo nell'endpoint primario di sopravvivenza libera da malattia invasiva (DFS).

I pazienti che attualmente ricevono il palbociclib nello studio saranno consigliati dai loro medici sui passi successivi e il follow-up a lungo termine di tutti i pazienti procederà come previsto. Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza inattesi nei pazienti che ricevono il palbociclib.

Pfizer ha osservato che il risultato segue un'analisi dell'efficacia e dell'inutilità pianificata in precedenza dal comitato indipendente di monitoraggio dei dati per lo studio PALLAS.

Palbociclib, un farmaco attivo per via orale che agisce inibendo le chinasi ciclina-dipendenti 4 e 6 (CDK 4/6), è stato il primo della sua classe ad essere stato approvato in Italia. E' indicato per il trattamento del carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico positivo ai recettori ormonali (HR) e negativo al recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 (HER2).

Lo studio PALLAS (PALbociclib CoLlaborative Adjuvant Study) confrontava la terapia endocrina adiuvante standard più  palbociclib con la sola terapia endocrina adiuvante standard nelle donne e negli uomini con recettore ormonale positivo (HR+), recettore umano del fattore di crescita epidermico 2-negativo (HER2-) precoce (stadio 2 e 3) del cancro al seno. Il trial nasce d una collaborazione globale guidata dal mondo accademico, che coinvolge più di 400 centri in 21 paesi del mondo.

"Siamo delusi da questo risultato. Il cancro al seno è una delle principali cause di morte in tutto il mondo e ritardare o prevenire lo sviluppo di una malattia metastatica è una significativa necessità insoddisfatta. PALLAS è un grande studio con molti sottogruppi e stiamo collaborando attivamente per determinare se ci sono pazienti che possono beneficiare di un trattamento adiuvante con la combinazione di palbociclib", ha detto Chris Boshoff, Chief Development Officer, Oncology. "Dalla sua approvazione iniziale nel 2015, palbociclib ha contribuito a cambiare il panorama terapeutico per le persone affette da carcinoma mammario metastatico del seno HR+, HER2-. Siamo grati a tutti i pazienti, ai fornitori di assistenza sanitaria e ai nostri partner accademici che hanno dedicato così tanto per rendere possibile questo importante studio".

Le autorità sanitarie e gli investigatori della sperimentazione sono stati informati di questa decisione. Quando saranno disponibili, i risultati completi dello studio PALLAS saranno condivisi con la comunità scientifica in un secondo momento.

Palbociclib è anche in fase di studio in pazienti con cancro al seno precoce ad alto rischio e i risultati dello studio collaborativo PENELOPE-B sono attesi per la fine di quest'anno.

Studio PALLAS
Lo studio, che è stato co-sponsorizzato dall’Austrian Breast & Colorectal Cancer Study Group e dall'Alliance Foundation Trials, è stato avviato nel 2015 ed è stato progettato per valutare se l'aggiunta di palbociclib alla terapia standard avrebbe migliorato la DFS e impedito il ripetersi della malattia.

Lo studio ha arruolato 5796 donne o uomini in pre e postmenopausa con tumore al seno invasivo precoce, HER2-negativo, positivo alle risorse umane e HER2-negativo, compresi quelli a rischio da moderato ad alto rischio di recidiva.

Le pazienti sono state randomizzate per ricevere palbociclib in combinazione con la terapia endocrina adiuvante standard per due anni, seguite da una terapia adiuvante standard continuativa per completare cinque anni contro almeno cinque anni di terapia endocrina adiuvante standard.

La speranza risiede nei sottogruppi
"Siamo delusi da questo risultato", ha osservato Chris Boshoff, chief development officer per l'oncologia presso Pfizer global product development, aggiungendo: "PALLAS è un grande studio con molti sottogruppi e stiamo collaborando attivamente per determinare se ci sono pazienti che possono beneficiare di un trattamento adiuvante con la combinazione a base di palbociclib".

Pfizer ha osservato che non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza inattesi nei pazienti che ricevono palbociclib, aggiungendo che i risultati completi dello studio PALLAS saranno condivisi in un secondo momento. Anche l'inibitore orale CDK 4/6 è in fase di studio in pazienti con cancro al seno precoce ad alto rischio e i risultati dello studio PENELOPE-B sono attesi per la fine dell'anno.

Il farmaco è attualmente approvato per il trattamento di adulti con tumore al seno HR-positivo, HER2-negativo avanzato o metastatico in combinazione con un inibitore dell'aromatasi come terapia endocrina iniziale in donne in postmenopausa o negli uomini, o con fulvestranti in pazienti con progressione della malattia in seguito a terapia endocrina.