Myriad Genetics ha annunciato di aver siglato un accordo con AstraZeneca per lo sviluppo di strumenti diagnostici di accompagnamento da utilizzarsi negli studi clinici condotti sul farmaco olaparib per il trattamento di diverse forme di tumore, incluso il tumore al seno con mutazione di BRCA e il tumore ovarico.


Uno strumento diagnostico di accompagnamento è un dispositivo destinato specificamente a selezionare i pazienti con un’affezione o predisposizione già diagnosticata che risultano idonei per una terapia mirata. 


In agosto, l’Fda aveva approvato il test Investigational Device Exemption (IDE) for BRACAnalysis(R) sviluppato da Myriad per identificare le pazienti con mutazione di BRCA associata a tumore al seno o alla mammella.


In base all’accordo, Myriad istituirà un laboratorio specifico per l’utilizzo del test all’interno del centro di ricerca americano di Salt Lake City  in conformità alle norme dell’Fda per gli strumenti diagnostici di accompagnamento e utilizzerà il dispositivo per selezionare le pazienti con mutazione di BRCA arruolate negli studi clinici condotti su olaparib per la terapia del tumore al seno e ovarico. I termini specifici dell’accordo non sono stati resi noti.


Olaparib fa parte della classe dei PARP-inibitori. PARP e BRCA sono enzimi coinvolti nella riparazione del DNA. Circa il 10% delle donne con cancro alle ovaie e il 5% di quelle con cancro al seno sono portatrici di una mutazione dei geni BRCA1 o BRCA2, che le pone ad alto rischio di sviluppare queste due neoplasie. Diversi studi clinici hanno evidenziato che con olaparib si ottengono percentuali di risposta significative nelle donne con tumori al seno o all’ovaio con mutazioni dei geni BRCA1 o BRCA2. Inattivando PARP si accumulano nel nucleo delle cellule frammenti danneggiati di DNA, con conseguente arresto della crescita e della divisione cellulare, fino ad arrivare alla morte delle cellule tumorali. Le mutazioni di BRCA1 o BRCA2 possono essere utilizzate come biomarker predittivi della risposta a olaparib.