Cancro avanzato dell'intestino, combinazione di 3 terapie mirate anti BRAF migliora la sopravvivenza

Nuovi dati hanno dimostrato per la prima volta che una combinazione di terapie mirate può migliorare la sopravvivenza nei pazienti con cancro all'intestino avanzato. I risultati dello studio di fase III BEACON CRC hanno dimostrato che la tripla terapia mirata alle mutazioni del BRAF nei tumori colorettali metastatici progressivi ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale e la risposta oggettiva rispetto alle cure standard.

Nuovi dati hanno dimostrato per la prima volta che una combinazione di terapie mirate può migliorare la sopravvivenza nei pazienti con cancro all'intestino avanzato. I risultati dello studio di fase III BEACON CRC hanno dimostrato che la tripla terapia mirata alle mutazioni del BRAF nei tumori colorettali metastatici progressivi ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale e la risposta oggettiva rispetto alle cure standard. (1)

I dati, riportati al World Congress on Gastrointestinal Cancer 2019 dell'ESMO, suggeriscono che la combinazione di tre farmaci - encorafenib, binimetinib e cetuximab- dovrebbe sostituire la chemioterapia per un paziente su sette con cancro metastatico del colon-retto che presentano una mutazione di BRAF.

"Questi risultati sono molto interessanti perché da molti anni cerchiamo di curare il cancro colo-rettale BRAF-mutato. E' incoraggiante vedere un miglioramento così significativo nella sopravvivenza globale e nella risposta in pazienti con una biologia tumorale così aggressiva. Speriamo che questo porterà presto ad un maggiore accesso a questo trattamento per i pazienti in cui esiste attualmente un bisogno non soddisfatto", ha detto l'autore dello studio Dr Scott Kopetz, dell'UT MD Anderson Cancer Center, Houston, USA.

Kopetz ha spiegato che la combinazione di tre farmaci si basa sulla crescente comprensione dell'attivazione di geni del cancro come il BRAF e gli effetti delle terapie mirate. "Il cancro del colon-retto non risponde alla sola terapia BRAF perché le cellule tumorali dopo il trattamento iniziale si adattano attraverso altri meccanismi. Con questa triplice terapia mirata, stiamo usando una combinazione molto scientificamente logica per inibire il BRAF e altri meccanismi", ha sottolineato.

Commentando la rilevanza dei nuovi dati, il Prof Andrés Cervantes dell'Istituto di Ricerca Biomedica INCLIVA, Università di Valencia, Spagna, ha sottolineato che sarà importante per tutti i pazienti con cancro colorettale essere testati per le mutazioni BRAF alla luce dei risultati del BEACON CRC. "Ora abbiamo un trattamento specifico che può cambiare il decorso naturale della malattia nei pazienti con mutazioni BRAF ed è migliore della precedente terapia, quindi è essenziale che i pazienti siano sottoposti a test di routine".

Ha anche evidenziato l’assenza di chemioterapia nella combinazione mirata utilizzata nello studio. "In molti altri tipi di cancro, e in particolare nel cancro del colon-retto, è comune che le terapie biologiche mirate siano usate in combinazione con la chemioterapia. Il fatto che possiamo offrire questa combinazione mirata senza bisogno di chemioterapia è un'ottima notizia per i pazienti, non da ultimo per gli effetti collaterali che tipicamente sperimentano con la chemioterapia", ha aggiunto.

"Attualmente, la terapia mirata dovrebbe probabilmente essere limitata al gruppo di pazienti trattati nello studio BEACON CRC, che era andata in professione dopo una o due precedenti linee di chemioterapia. Tuttavia, è importante che ne venga studiato l'uso in altri ambienti in cui possono beneficiare anche più pazienti con mutazioni BRAF, compresi quelli con malattia metastatica meno avanzata e possibilmente nell'ambiente adiuvante dopo l'intervento primario con intento curativo", ha concluso Cervantes.

Risultati dello studio
Nello studio globale BEACON CRC (NCT02928224), 665 pazienti con tumore colorettale mutante BRAF V600E-mutante che avevano progredito dopo uno o due regimi precedenti in ambiente metastatico sono stati randomizzati per ricevere la terapia a triplo strato, la terapia a doppio strato (encorafenib e cetuximab) o la scelta dello sperimentatore a base di irinotecan o acido folinico, fluoruracil e irinotecan (FOLFIRI) e cetuximab.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 9 mesi (intervallo di confidenza del 95% [CI]: 8, 11,4) per la terapia triplo bersaglio rispetto a 5,4 mesi (95% CI: 4,8, 6,6,6) per la terapia standard (hazard ratio [HR] 0,52; 95% CI: 0,39, 0,7, p<0,0001).

Il tasso di risposta oggettiva confermata dalla revisione centrale in cieco per la terapia mirata tripla era del 26% (95% CI: 18, 35) rispetto al 2% (95% CI: 0,7, p<0,0001) per la terapia standard.

La sopravvivenza globale mediana per la combinazione di doppiette è stata di 8,4 mesi (95% CI: 7,5, 11) rispetto alla terapia standard (HR 0,6; 95% CI: 0,45, 0,79, p<0,0003). Lo studio non è stato sviluppato per confrontare terapie a base di triplette e doppie terapie, ma le analisi future esploreranno quali pazienti hanno maggiori probabilità di beneficiare delle combinazioni tripla e doppia.

Il trattamento mirato BRAF V600E è stato ben tollerato, con eventi avversi di grado 3 o superiore osservati nel 58% dei pazienti trattati con terapie tripletta, nel 50% dei pazienti del gruppo del doppio e nel 61% di quelli del gruppo della terapia standard.

Uno studio in corso (ANCHOR-CRC) sta studiando gli effetti della triplice terapia come trattamento di prima linea per i pazienti con carcinoma colorettale metastatico BRAF V600E-mutato.

Bibliografia
1. LBA-006 ‘BEACON CRC: a randomized, 3-Arm, phase 3 study of encorafenib and cetuximab with or without binimetinib vs. choice of either irinotecan or FOLFIRI plus cetuximab in BRAF V600E–mutant metastatic colorectal cancer’ will be presented by Scott Kopetz during Session XX: Colorectal Cancer (Part I) on Saturday, 6 July 09:20-10:05 CEST. Annals of Oncology 30 (Supplement 4): iv137–iv151, 2019