Oncologia ed Ematologia

Carcinoma prostatico resistente alla castrazione: apalutamide migliora il dolore e la qualità di vita

L'aggiunta di apalutamide al trattamento di deprivazione androgenica (ADT) ha migliorato il tempo alla progressione del dolore e altre misure relative alla qualità della vita nei pazienti con carcinoma della prostata sensibile alla castrazione metastatico (mCSPC), nello studio di fase III TITAN. Il trial è stato presentato all'11° Congresso europeo sui tumori urologici.

L'aggiunta di apalutamide al trattamento di deprivazione androgenica (ADT) ha migliorato il tempo alla progressione del dolore e altre misure relative alla qualità della vita nei pazienti con carcinoma della prostata sensibile alla castrazione metastatico (mCSPC), nello studio di fase III TITAN. Il trial è stato presentato all’11° Congresso europeo sui tumori urologici.

I dati relativi all’efficacia del farmaco rispetto al placebo nell’aumentare la sopravvivenza globale (OS) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) erano già stati presentati lo scorso anno e hanno portato all’approvazione del farmaco per la terapia di questa popolazione di pazienti.

"Oltre al beneficio sostanziale negli end point primari di TITAN su sopravvivenza globale e di sopravvivenza libera da progressione radiografica, con apalutamide la qualità di vita globale relativa alla salute è stata preservata compresi i pazienti con alto o basso volume di malattia, l'uso precedente di docetaxel, o il trattamento precedente per la malattia localizzata," ha detto Agarwal, professore associato di medicina presso l'Università dello Utah e direttore del programma oncologico genitourinario presso il Huntsman Cancer Institute, entrambi a Salt Lake City, Utah, durante una presentazione dei dati.

I risultati dello studio clinico TITAN, pubblicati nel luglio 2019 sul New England Journal of Medicine, avevano mostrato un tasso di PFS a 24 mesi del 68,2% con apalutamide e del 47,5% con placebo (HR, 0,48; 95% CI, 0,39-0,60; P <.0001). Il tasso di OS era dell’82,4% a 24 mesi nel gruppo apalutamide e del 73,5% nel gruppo placebo (HR, 0,67; 95% CI, 0,51-0,89; P = 0,005), con una riduzione del rischio di morte inferiore del 33% nel gruppo sperimentale.

Gli endpoint secondari dello studio comprendevano il tempo alla progressione del dolore, che è stata valutata utilizzando il Brief Pain Inventory-Short Form (BPI-SF). Altri endpoint secondari includevano il tempo all’inizio della chemioterapia, il tempo all’uso cronico di oppiacei e il tempo alla comparsa di eventi avversi scheletrici.

I nuovi dati presentati al congresso europeo sono stati valutati tramite questionari e includevano gli outcome riportati dai pazienti per quanto riguarda l'efficacia e gli effetti avversi (AA). Questi includevano il questionario BPI-SF, Brief Fatigue Inventory (BFI), Functional Assessment of Cancer Therapy-Prostate (FACT-P), e il questionario EuroQoL Group EQ-5D-5L. BPI-SF e BFI sono stati completati per 7 giorni consecutivi (da -6 a 1 giorno di ogni visita di ciclo), poi a 4, 8 e 12 mesi durante il follow-up. FACT-P e EQ-5D-5L sono stati completati al ciclo 1 fino al ciclo 7, poi a ogni altro ciclo fino alla fine del trattamento e a 4, 8 e 12 mesi durante il follow-up.

Il tempo alla progressione del dolore era maggiore nel gruppo assegnato a apalutamide, rispetto al gruppo placebo. I pazienti che hanno presentato episodi di dolore più gravi al basale sono quelli che hanno ottenuto i migliori risultati.

La qualità della vita e la fatica sono stati i risultati più critici che sono stati valutati sulla base dei questionari. L'aggiunta di apalutamide all'ADT in questi pazienti non ha aumentato l'intensità della fatica. I punteggi mediani di intensità della fatica al basale sono stati 1,29 per il gruppo apalutamide e 1,43 per il gruppo placebo, con il tempo mediano di intensità della fatica non raggiunto in entrambi i gruppi e il 25° percentile di 9,2 mesi e 11,0 mesi, rispettivamente (HR, 1,09; 95% CI, 0,88-1,35; P = 0,4428). Allo stesso modo, l'interferenza della fatica non è stata influenzata dall'aggiunta di apalutamide, con un 25° percentile di 10,2 mesi contro 10,5 mesi con placebo (HR, 1,01; 95% CI, 0,81-1,26; P = 0,9256).

Sulla base del punteggio totale FACT-P e dei dati EQ-5D-5L, l'HRQOL è stato conservato con l'aggiunta di apalutamide ad ADT. Il tempo medio di deterioramento del punteggio totale di FACT-P è stato di 8,9 mesi e 9,2 mesi con apalutamide e placebo, rispettivamente (HR, 1,0; 95% CI, 0,9-1,2; P = 0,854).

L'eruzione cutanea era un evento avverso frequente con apalutamide, e la misura in cui l'eruzione cutanea associata al trattamento ha interferito con il QOL è stata valutata utilizzando il questionario FACT-P. I risultati del questionario erano simili tra i due gruppi di trattamento.

Lo studio TITAN è uno studio in doppio cieco, di fase III, che ha arruolato 1052 pazienti con mCSPC che sono stati randomizzati 1:1 al gruppo apalutamide (n = 525) o placebo (n = 527). Tutti i pazienti avevano un background di ADT e almeno una lesione alla scansione ossea, che indicava metastasi a distanza. I pazienti che avrebbero potuto ricevere l'ADT fino a 6 mesi prima della randomizzazione sono stati selezionati e stratificati in base al punteggio di Gleason (≤7 vs ≥8) e al trattamento precedente con docetaxel (sì vs no). Di questi pazienti, il 16,4% era stato sottoposto a prostatectomia o aveva ricevuto una radioterapia per malattia localizzata; il 10,7% aveva ricevuto una precedente terapia con docetaxel; il 62,7% aveva una malattia estesa e il 37,3% aveva una malattia poco estesa. Lo studio è stato condotto in 260 siti di 23 paesi.

Agarwal N, Mcquarrie K, Bjartell A et al. Patient-reported outcomes (PROs) from TITAN: A phase 3, randomized, double-blind study of apalut¬amide (APA) versus placebo (PBO) added to androgen deprivation therapy (ADT) in patients (pts) with metastatic castration-sensitive prostate cancer (mCSPC). Ann Oncol. 2019;30(suppl 5):330-331.