Roche ha presentato una rassegna dei nuovi farmaci attualmente sottoposti a studi di fase iniziale e i cui dati sono stati presentati al 46° congresso annuale dell'ASCO.
La pipeline oncologica di Roche e Genentech comprende 22 nuovi farmaci sperimentali in fase di sviluppo clinico, per cinque dei quali entro il 2013 è prevista la presentazione della domanda di autorizzazione.

Questi farmaci comprendono l'anticorpo-farmaco coniugato T-DM1, i nuovi anticorpi terapeutici pertuzumab e GA101 e le molecole innovative RG7204 (inibitore di BRAF modificato) e GDC-0449 (inibitore del segnale di Hedgehog), mirate contro diverse mutazioni nell'ambito dei segnali che incidono sulla proliferazione tumorale.

La nuova generazione di anticorpi
Farmaci anticorpo-coniugati: all'ASCO 2010 vengono presentati i dati di fase Ib/II riguardanti la combinazione di T-DM1 e pertuzumab per la terapia del tumore della mammella HER2-positivo in stadio avanzato. T-DM1 è un innovativo "anticorpo armato", che combina il trastuzumab, un anticorpo terapeutico, con il DM1, un agente citotossico che viene somministrato direttamente sul tumore. Attualmente Roche e Genentech possiedono 50 nuovi promettenti anticorpi armati in diverse fasi di ricerca e di sviluppo iniziali.

Anticorpi glicoingegnerizzati
Roche e Genentech sono pionieri anche nel campo della glicoingegnerizzazione, una tecnologia che stimola la capacità di un anticorpo monoclonale di indurre una risposta immunitaria contro le cellule tumorali. Attualmente Roche sta sviluppando diversi anticorpi glicoingegnerizzati, tra cui RG7159 (GA101) per il trattamento delle neoplasie maligne dei linfociti B (leucemia  linfatica cronica e linfoma Non-Hodgkin) e RG7160 (GA201), che si lega al recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR) e ha fornito risultati iniziali promettenti nel trattamento del tumore del colon-retto. I dati riguardanti queste due molecole  saranno presentati all'ASCO.

Target innovativi mirati contro le cellule tumorali
Le mutazioni nell'ambito dei percorsi che normalmente controllano la crescita, la moltiplicazione e la sopravvivenza delle cellule rappresentano una causa frequente del cancro. Roche sta studiando numerosi bersagli presenti in queste reti di segnalazione mutate, come Ras, Raf, MEK, Akt, PI3 chinasi e il segnale di Hedgehog. All'ASCO saranno presentati i dati riguardanti molte molecole Roche appartenenti a questo gruppo, in particolare gli inibitori di Raf, PI3 chinasi e del segnale di Hedgehog.

Principali abstract presentati all'ASCO sulla pipeline oncologica Roche di fase iniziale.

Farmaci anticorpo-coniugati  e Inibitori della Dimerizzazione di HER
Uno studio di Fase Ib/II su trastuzumab-DM1 (T-DM1) con pertuzumab per le pazienti affette da carcinoma mammario HER2-positivo localmente avanzato o metastatico che sono state trattate precedentemente con trastuzumab (Abstract 1012).
Attraverso questo studio di fase iniziale è stata valutata una combinazione innovativa di T-DM1, un farmaco anticorpo-coniugato, con il pertuzumab, un inibitore della dimerizzazione di HER in donne colpite da tumore della mammella HER2 positivo trattato.
T-DM1 combina trastuzumab con DM1, un chemioterapico molto potente, utilizzando un legante stabile, che mantiene integro T-DM1 finché non raggiunge le cellule tumorali. T-DM1 conserva l'attività anticancro di trastuzumab, che individua le cellule tumorali e si lega a esse, permettendo a trastuzumab di bloccare i segnali fuori controllo responsabili dello sviluppo del tumore. Inoltre attiva la risposta del sistema immunitario contro il cancro. Poi, una volta internalizzato dalle cellule tumorali, T-DM1 le distrugge liberando DM1.

Anticorpi Umani Glicoingegnerizzati
Attività dell'anticorpo monoclonale specifico per il CD20 GA101 collegato a rituximab nella macroglobulinemia di Waldenstrom, e applicabilità sui pazienti che esprimono Fc Gamma  RIIIA-158 F/F (Abstract 8112) 
Studio di Fase I PK/PD di RO5083945 (GA201), il primo anticorpo monoclonale anti-EGFR glicoingegnerizzato con citotossicità cellulo-mediata anticorpo-dipendente ottimizzata (Abstract 2522)-
Questi studi di fase iniziale hanno valutato GA101 e GA201, due anticorpi ottenuti mediante glicoingegnerizzazione e mirati, rispettivamente, contro le proteine CD20 ed EGFR. GA101 è attualmente oggetto di studi di fase II/III per l'uso nei tumori del sangue dei linfociti B CD20-positivi, come il linfoma Non-Hodgkin e la leucemia linfatica cronica, mentre GA201 è sottoposto a studi clinici di fase I per l'impiego in diversi tumori solidi, tra cui il tumore della testa e del collo in stadio avanzato.

Inibitore del Percorso Hedgehog (GDC-0449/RG3616)
Analisi di Safety di uno studio di Fase II randomizzato dell'inibitore del percorso Hedgehog GDC-0449 vs placebo con FOLFOX o FOLFIRI e bevacizumab nei pazienti con tumore del colon-retto metastatico non precedentemente trattato  (Abstract 3530).
Uno studio di Fase I pharmacokinetic sullo  Sonic Hedgehog Antagonist GDC-0449 nei pazienti pediatrici con medulloblastoma ricorrente o refrattario:  A Pediatric Brain
Tumor Consortium Study (PBTC 25) (Abstract CRA9501).
Questi studi presentano i risultati riguardanti GDC-0449 (RG3616), un inibitore molecolare, di piccole dimensioni, della via di segnalazione di Hedgehog, somministrabile per via orale. La via di segnalazione di Hedgehog viene attivata in modo anomalo in alcuni tipi di tumore come il tumore del colon-retto, il medulloblastoma (un tumore cerebrale) e il carcinoma delle cellule basali (un tumore cutaneo). Si ritiene che GDC-0449 sia in grado di inibire due tipi di iperattività di questa via di segnalazione: all'interno della cellula tumorale (provocata da mutazioni nella via) o nelle cellule circostanti (provocata da iperespressione di Hedgehog).

Inibitore di BRAF Mutante (RG7204/PLX4032)
Reazioni in fase iniziale FDG-PET al PLX4032 nel melanoma avanzato Braf mutante  (Abstract 8529) -
PLX4032 (RG7204), un inibitore RAF mutante selettivo : caratteristiche cliniche e istologiche delle neoplasie cutenee associate a terapia in uno studio di Fase I  (Abstract 8592) - Domenica 6 giugno 2010,8:00 - 12:00 CST, South Hall A2
PLX4032 nei pazienti con carcinoma del colon-retto metastatico con tumori che presentano il gene  BRAF mutante  (Abstract 3534)
Mutazioni del gene BRAF sono riscontrabili nella metà circa dei melanomi allo stadio avanzato e anche in altri tipi di tumore, tra cui il tumore del colon-retto (10% dei casi circa). RG7204 (PLX4032) è un potenziale inibitore di prima classe delle mutazioni di BRAF che danno origine al cancro. Due studi presentati all'ASCO confermano ulteriormente il profilo di safety e di efficacia riscontrato in un precedente studio di fase I di RG7204 in soggetti con melanoma allo stadio avanzato che presentano mutazione del gene BRAF.

Inibitori di Chinasi PI3 (GDC-0941/RG7321, GDC-0980/RG7422)
Uno studio First-in-human di Fase I che valuta l'inibitore Pan-PI3K  GDC-0941 Administered QD or BID nei pazienti con tumori solidi in stadio avanzato  (Abstract 2541)
Uno studio First-in-human di Fase I  che valuta l'inibitore duale PI3K/mTOR GDC-0980 Administered QD nei pazienti con tumori solidi in stadio avanzato o nei linfoma Non-Hodgkin (Abstract 3079)
La via di segnalazione di PI3K, che controlla diversi aspetti della moltiplicazione cellulare, risulta spesso iperattiva e mutata in una vasta gamma di tumori.
Roche e Genentech hanno iniziato l'arruolamento dei pazienti per uno studio di fase I della combinazione dell'inibitore di PI3K (GDC-0941/RG7321) con un inibitore di MEK (GDC-0973/RG7420) nei tumori solidi. MEK appartiene alla via di segnalazione RAS-RAF, che è coinvolta anche nella crescita tumorale. Questo approccio, consistente nella sperimentazione contemporanea di due farmaci sperimentali, rappresenta una metodica mirata completamente nuova nel campo della terapia oncologica. L'inibizione contemporanea di due vie parallele di crescita tumorale può risultare più efficace per il trattamento dei pazienti oncologici in cui lo sviluppo del tumore sia il risultato di diverse mutazioni.