Oncologia ed Ematologia

Emoglobinuria parossistica notturna, danicopan ha successo nello studio registrativo in aggiunta agli anti C5

Un'analisi ad interim prespecificata dello studio di fase III ALPHA che valuta il danicopan (ALXN2040), un inibitore orale del fattore D in fase di sperimentazione, come aggiunta alla terapia con inibitori del C5 ravulizumab o eculizumab ha mostrato risultati positivi di alto livello nei pazienti con emoglobinuria parossistica notturna (PNH) che presentano un'emolisi extravascolare (EVH) clinicamente significativa. 

Un'analisi ad interim prespecificata dello studio di fase III ALPHA che valuta il danicopan (ALXN2040), un inibitore orale del fattore D in fase di sperimentazione, come aggiunta alla terapia con inibitori del C5 ravulizumab o eculizumab ha mostrato risultati positivi di alto livello nei pazienti con emoglobinuria parossistica notturna (PNH) che presentano un'emolisi extravascolare (EVH) clinicamente significativa.

Danicopan è un farmaco orale in fase di sviluppo da parte di Alexion,  l’unità di AstraZeneca dedicata alle malattie rare, come aggiunta alla terapia con inibitori del C5 ravulizumab o eculizumab per i pazienti con PNH che presentano un'EVH clinicamente significativa. Sulla base dei risultati ottenuti, l'azienda prevede di avviare le procedure regolatorie nei prossimi mesi.

Il farmaco è progettato per inibire selettivamente il fattore D, una proteina del sistema del complemento che svolge un ruolo chiave nell'amplificazione della risposta del sistema del complemento. Danicopan ha ottenuto la designazione di Breakthrough Therapy dalla Food and Drug Administration statunitense e lo status di PRIority MEdicines (PRIME) dall'Agenzia Europea dei Medicinali. Danicopan ha inoltre ottenuto la designazione di farmaco orfano negli Stati Uniti e la designazione di farmaco orfano nell'UE per il trattamento della PNH. Alexion sta inoltre valutando danicopan come potenziale monoterapia per l'atrofia geografica in uno studio clinico di Fase II.

Lo studio ALPHA è stato progettato per arruolare 84 pazienti con PNH che presentano un'emolisi extravascolare clinicamente significativa. I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere danicopan o placebo in aggiunta alla terapia con inibitori del C5, Ultomiris (ravulizumab) o Soliris (eculizumab). L'obiettivo principale dello studio è la variazione dell'emoglobina rispetto al basale a 12 settimane, mentre gli endpoint secondari chiave includono l'evitamento delle trasfusioni e la variazione del punteggio di fatica del Functional Assessment of Chronic Illness Therapy (FACIT).

Secondo un'analisi ad interim prespecificata, prevista quando il 75% dei partecipanti ha completato le 12 settimane di trattamento, danicopan ha dimostrato di essere superiore rispetto al placebo, con miglioramenti statisticamente significativi e clinicamente significativi dei livelli di emoglobina, dell'evitare le trasfusioni e del punteggio FACIT Fatigue rispetto al basale. AstraZeneca ha sottolineato che danicopan è stato ben tollerato e che non ci sono state differenze clinicamente significative nei risultati di sicurezza tra i due gruppi.

Il professor Jong-Wook Lee, MD, del Dipartimento di Ematologia del Seoul St. Mary's Hospital dell'Università Cattolica di Corea e sperimentatore dello studio ALPHA, ha dichiarato: "Gli inibitori del C5 sono un'opzione terapeutica comprovata per i pazienti affetti da PNH, tuttavia una piccola percentuale di loro può continuare a sperimentare anemia e onere trasfusionale a causa di EVH clinicamente significativa, che tuttavia non è pericolosa per la vita. Questi dati dimostrano che il danicopan ha il potenziale per risolvere l'EVH clinicamente significativa, consentendo ai pazienti di rimanere in trattamento standard con Ultomiris o Soliris".

Marc Dunoyer, CEO dell'unità Alexion di AstraZeneca, ha osservato che "questi sono i primi risultati positivi di Fase III per un inibitore orale del fattore D e dimostrano il potenziale della terapia aggiuntiva con danicopan".
L'azienda prevede di presentare ulteriori dati dello studio in occasione di un prossimo meeting medico.