La combinazione di erlotinib e sorafenib non ha raggiunto l’endpoint principale dello studio di fase III SEARCH, condotto in pazienti con carcinoma epatocellulare non resecabile. L’aggiunta di erlotinib non ha infatti migliorato la sopravvivenza generale, rispetto al solo sorafenib. Lo hanno annunciato le azidsnde che pdoducono e commercializzano i due farmaci: Bayer, Onyx Pharmaceuticals e Astellas.

Il trial SEARCH (Sorafenib and Erlotinib, a rAndomized tRial protoCol for the treatment of patients with Hepatocellular carcinoma) ha randomizzato 720 pazienti con epatocarcinoma in stadio avanzato, randomizzati a ricevere 400 mg di sorafenib due volte al giorno più 150 mg di erlotinib o placebo.

Dallo studio è emerso che l’anti-EGFR erlotinib, aggiunto alla terapia con sorafenib non ha migliorato la sopravvivenza generale dei pazienti con epatocarcinoma avanzato rispetto al solo sorafenib.

I risultati completi dello studio verranno resi noti in occasione di uno dei prossimi incontri scientifici sulla malattia.

Sorafenib, per ora indicato contro il carcinoma epatocellulare e il carcinoma a cellule renali avanzato, è un inibitore delle tirosin-chinasi che agisce sulla via di segnalazione Ras-Raf. Il farmaco è stato sviluppato da in modo congiunto da Bayer e Onyx. Erlotinib è un anti-EGFR, commercializzato congiuntamente da Astellas e Genentech, utilizzato per la terapia del tumore al polmone.

Carcinoma epatocellulare
A livello mondiale il tumore al fegato è la sesta malattia oncologica più diffusa (749.000 nuovi casi), la terza causa di mortalità per tumore (692.000 casi) e il 7% di tutti i tipi di tumore. Il carcinoma epatocellulare rappresenta più del 90% dei tumori primitivi del fegato. Le epatiti croniche di tipo B e C sono riconosciute a livello mondiale come il maggior fattore di rischio per l’HCC, ancor più se si è in presenza di co-infezione con questi tipi di virus. La cirrosi epatica (post-epatica, post-etilica, da malattia autoimmune) rappresenta un altro fattore di rischio per lo sviluppo di questo tumore.