L’exemestane, un inibitore dell’aromatasi di terza generazione, peggiora in modo significativo la perdita di massa ossea correlata all'età nelle donne in postmenopausa trattate con il farmaco per la prevenzione del tumore al seno. Lo dimostrano i risultati di un sottostudio dello studio MAP.3, appena pubblicato online su The Lancet Oncology, a firma di Angela Cheung, dello University Health Network di Toronto, in Canada.

Dopo 2 anni di trattamento, la densità minerale ossea è diminuita tre volte di più nel gruppo di donne che avevano ricevuto exemestane che non nel gruppo di controllo, trattato con placebo, anche in presenza di un apporto adeguato di calcio e vitamina D.

Sebbene siano in genere ben tollerati, c’è una certa preoccupazione circa gli effetti degli inibitori dell'aromatasi sulla perdita d’osso e il conseguente aumento del rischio di fratture. Ad oggi, uno dei problemi nell’ottenere evidenze chiare sull'impatto di questi farmaci sulla salute dell’osso è che la maggior parte degli studi sono stati eseguiti usando tamoxifene come confronto ed è noto che quest’ultimo ha un effetto benefici sul tessuto osseo delle donne in postmenopausa.

Secondo evidenze preliminari exemestane potrebbe causare una perdita di massa ossea inferiore rispetto ad altri inibitori dell'aromatasi e potrebbe addirittura stimolare la formazione di nuovo osso.

Per verificare se sia davvero così, Cheung e altri autori hanno effettuato un sottostudio dello studio MAP.3 con l’obiettivo di  quantificare l'effetto di exemestane sulla densità minerale ossea (BMD) e la struttura dell’osso nelle donne in postmenopausa trattate col farmaco.

Lo studio MAP.3 è un trial randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo che ha valutato l'effetto di exemestane nella prevenzione del cancro al seno in oltre 4.500 donne sane in postmenopausa ad alto rischio di sviluppare un cancro al seno. Il trattamento col farmaco ha dimostrato di ridurre il rischio di sviluppare un cancro al seno del 65% rispetto al placebo.

Il sottostudio appena pubblicato ha preso in esame 351 donne non osteoporotiche, di cui 176 erano state trattate con exemestane e 175 con placebo.

Dopo 2 anni di trattamento, nelle donne trattate con exemestane si è vista una perdita significativa di BMD in corrispondenza del radio distale e della tibia distale rispetto all'inizio dello studio.

Nel gruppo exemestane, l’area e lo spessore corticale sono diminuiti di quasi l'8% a fronte di un calo dell'1% nel gruppo placebo. Exemestane ha mostrato di peggiorare maggiormente la perdita ossea a livello corticale che non a livello trasecolare e questa scoperta è importante perché la maggior parte delle fratture in età avanzata (l’80%) sono il risultato di una maggiore perdita di osso corticale piuttosto che trabecolare e sono maggiormente invalidanti.

Nella discussione, gli autori scrivono che prima di prescrivere exemestane per la prevenzione primaria del cancro al seno si dovrebbero soppesarne rischi e benefici caso per caso e in quelle che assumono il farmaco occorre effettuare un controllo regolare delle ossa e assicurare un adeguato apporto di calcio e vitamina D. I ricercatori sottolineano inoltre che sono necessari studi a lungo termine sono necessari per valutare l'effetto dei risultati dello studio sul rischio di frattura.

Nell’editoriale di accompagnamento, Jane Cauley, dell’Università di Pittsburgh, in Pennsylvania, spiega che la maggior parte della perdita di massa ossea si verifica dopo i 65 anni, all'interno del compartimento corticale. Perciò, se gli inibitori dell'aromatasi aumentano la porosità corticale, questo effetto potrebbe essere una causa fondamentale della perdita di resistenza ossea e delle fratture non vertebrali associate al loro uso. Un dato di sicuro non troppo rassicurante circa l'uso di exemestane a fini di prevenzione.

A.M. Cheung, et al. Bone density and structure in healthy postmenopausal women treated with exemestane for the primary prevention of breast cancer: a nested substudy of the MAP.3 randomised controlled trial. The Lancet Oncology 2012; doi:10.1016/S1470-2045(11)70389-8C
leggi