In uno studio monocentrico appena pubblicato sul New England Journal of Medicine, la terapia antivirale contro il citomegalovirus (CMV), ritenuto tipicamente solo una minaccia per i pazienti immunodepressi, si è associata a un drastico miglioramento della sopravvivenza in un gruppo di pazienti affetti da glioblastoma. 


La sopravvivenza a 2 anni dei 50 pazienti trattati con valganciclovir (Valcyte) nell’ambito di un trial clinico o di un programma di uso compassionevole del farmaco è stata del 62%. E i risultati sono stati ancora migliori nel sottogruppo trattato più a lungo, con una sopravvivenza a 2 anni fino al 70% nei 40 pazienti trattati per almeno 6 mesi e del 90% nei 25 che hanno continuato la terapia con l’antivirale anche dopo il primo semestre.


Tassi di sopravvivenza così alti "non erano mai stati osservati in nessuno degli studi precedenti, quindi il risultato, se veritiero, rappresenta sicuramente un passo avanti", ha commentato Vinay Puduvalli, direttore della divisione di neuroncologia presso il Comprehensive Cancer Center della Ohio State University di Columbus .


Tuttavia, avverte l’esperto, è troppo presto per provare questa strategia nella clinica, per via del disegno retrospettivo dello studio, del fatto che è stato eseguito in un solo centro (il Karolinska Institutet di Stoccolma) e di possibili bias di selezione.


Secondo i tre autori del lavoro, "è improbabile che qualsiasi distorsione nella selezione dei pazienti possa aver prodotto tassi di sopravvivenza così alti", ma i ricercatori concordano sulla necessità di replicare i risultati e di fare un trial randomizzato sull’argomento.


Finora, spiega il team nell’introduzione, il virus è stato in genere considerato solo un importante agente patogeno nei pazienti sottoposti a trapianto, nei malati di AIDS e nei rari casi di malattia da inclusione da CMV nei neonati.


Tutti i pazienti tranne uno degli oltre 250 affetti da glioblastoma tra quelli esaminati per la ricerca, tuttavia, sono risultati positivi al CMV .


In un primo trial in doppio cieco su 42 pazienti (lo studio VIGAS), la terapia con valganciclovir non ha prosotto un rallentamento significativo della crescita del glioblastoma, ma un'analisi esplorativa ha suggerito un vantaggio di sopravvivenza in caso di trattamento di lunga durata (almeno 6 mesi).


Nell’articolo pubblicato ora sul New England gli autori scandinavi riportano un’analisi retrospettiva dell’esperienza fatta nel loro centro aggiungendo l'antivirale alla terapia standard per il glioblastoma in 50 pazienti affetti dal tumore, alcuni arruolati nello studio VIGAS e alcuni trattati nell’ambito di un programma di uso compassionevole del farmaco.


Questo tipo di tumore cerebrale maligno di solito ha una prognosi infausta, con una sopravvivenza globale mediana variabile tra i 12 e i 14 mesi e una sopravvivenza a 2 anni compresa tra il 15% e il 26 %.


Nei 137 controlli con caratteristiche simili a quelli trattati con valganciclovir per stadio di malattia, grado di resezione chirurgica e trattamento di base, la sopravvivenza a 2 anni è stata del 18% e la sopravvivenza mediana di 13,5 mesi. Nel gruppo trattato con l’antivirale, invece, la sopravvivenza mediana è stata di 25 mesi (P < 0,001).


I risultati sono stati particolarmente buoni nei pazienti trattati più a lungo. Nel sottogruppo trattato per almeno 6 mesi, la sopravvivenza globale mediana è stata di 30,1 mesi, mentre nei pazienti che hanno continuato il trattamento con valganciclovir anche in seguito è stata di 56,4 mesi .


Tra i limiti dello studio, al di là del disegno retrospettivo, ci sono l’assenza di dati sugli effetti collaterali o il motivo per cui alcuni pazienti hanno fatto una terapia più lunga rispetto agi altri.


Donald M. O'Rourke, neurochirurgo della University of Pennsylvania di Philadelphia, commentando lo studio, fa notare che sebbene in questo caso si sia esaminato soltanto il trattamento antivirale, il CMV potrebbe con buone probabilità essere “altamente suscettibile " ad altri approcci immunoterapeutici, come ad esempio l’impiego di vaccini, perché la proteina virale si trova nel tumore, ma non nel tessuto sano circostante.


C. Söderberg-Nauclér, et al. Survival in patients with glioblastoma receiving valganciclovir. N Engl J Med 2013;369:985-6
leggi