Oncologia-Ematologia

Le statine proteggono contro i danni al cuore delle terapie per il cancro al seno?

Le statine sono ampiamente utilizzate per abbassare il colesterolo e prevenire le malattie cardiache e i decessi correlati. Ma questi farmaci potrebbero anche aiutare a prevenire i danni al cuore causati da alcune terapie per il cancro al seno? Una nuova ricerca presentata all'American College of Cardiology suggerisce che la risposta potrebbe essere sì.

Le statine sono ampiamente utilizzate per abbassare il colesterolo e prevenire le malattie cardiache e i decessi correlati. Ma questi farmaci potrebbero anche aiutare a prevenire i danni al cuore causati da alcune terapie per il cancro al seno? Una nuova ricerca presentata all'American College of Cardiology suggerisce che la risposta potrebbe essere sì.

La chemioterapia con antraciclina, così come il farmaco antitumorale trastuzumab, sono comunemente usate per trattare il cancro al seno. Ricerche separate stimano che quasi 1 donna su 4 con un cancro al seno in stadio precoce riceverà antraciclina o trastuzumab, ma questi stessi trattamenti salvavita sono anche noti per essere tossici per il cuore e, in alcuni casi, possono innescare l'insufficienza cardiaca. In alcune donne, la riduzione della funzione cardiaca può verificarsi entro pochi mesi dall'inizio della terapia antitumorale.

"Finora, ci sono state prove limitate a sostegno della sicurezza e dell'efficacia dell'uso su larga scala di farmaci cardioprotettivi per le pazienti con cancro al seno in stadio precoce. Gli antagonisti dell'angiotensina e i betabloccanti hanno mostrato solo modesti effetti cardioprotettivi negli studi clinici, e questi farmaci sono a volte scarsamente tollerati in questa popolazione a causa dei loro effetti collaterali di stanchezza e vertigini, che molti pazienti hanno già dalle loro terapie per il cancro o il cancro stesso", ha detto David Bobrowski, Università di Toronto, Canada, autore principale dello studio. "I nostri risultati suggeriscono che l'assunzione di statine è associata a un rischio significativamente più basso di sviluppare l'insufficienza cardiaca che richiede cure ospedaliere tra le donne con cancro al seno in fase iniziale che hanno ricevuto una di queste terapie per il cancro".

Infatti, rispetto alle donne che non erano sotto statina prima di sottoporsi al trattamento del cancro, le donne che assumevano statine mentre ricevevano antracicline o trastuzumab avevano un rischio significativamente più basso di sviluppare l'insufficienza cardiaca, rispettivamente il 58% e il 66% nel periodo di follow-up mediano di cinque anni. Il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca era più basso con l'esposizione alla statina sia nella coorte antraciclina (P = 0,01) che in quella trastuzumab (P = 0,02).

"La nostra ricerca espande studi precedenti, di minori dimensioni. Se queste associazioni saranno confermate in uno studio prospettico, questo rappresenterà un importante passo avanti per ottimizzare i risultati del cancro diminuendo il trade-off delle malattie cardiache a lungo termine o dei decessi correlati", ha detto Bobrowski, aggiungendo che questo studio è il più grande per esaminare il ruolo che le statine potrebbero giocare nella protezione contro l'insufficienza cardiaca correlata al trattamento e il primo a mostrare un abbassamento del rischio nelle donne che ricevono trastuzumab con o senza antraciclina a livello di popolazione.

Lo studio in dettaglio
Questo studio basato sulla popolazione ha analizzato le cartelle cliniche di 2.545 donne trattate con antraciclina e 1.345 donne trattate con trastuzumab di età pari o superiore a 66 anni senza una storia di insufficienza cardiaca a cui è stato diagnosticato un cancro al seno in stadio precoce tra il 2007 e il 2017 in Ontario, Canada. Di queste, 953 donne trattate con antraciclina e 568 donne trattate con trastuzumab sono state ritenute in possesso di statine.

L'uso delle statine si basava sul fatto che alle donne fosse stata prescritta una statina entro un anno dall'inizio del trattamento del cancro, ma i ricercatori non sono stati in grado di convalidare se le donne avessero effettivamente assunto la statina.

Per l'analisi, i ricercatori hanno poi confrontato queste donne in un rapporto di 1-1 con donne simili che non usavano la statina, ottenendo 723 paia di donne trattate con antracicline e 399 paia di donne trattate con trastuzumab (età media 69 e 71 anni, rispettivamente).

A differenza della maggior parte degli studi precedenti che si concentravano sul declino della funzione del ventricolo sinistro (la quantità di sangue pompata fuori dal cuore) come indicatore di insufficienza cardiaca, Bobrowski e il suo team hanno esaminato l'insufficienza cardiaca clinicamente palese, definita come una donna che si presenta al pronto soccorso o che viene ricoverata in ospedale con insufficienza cardiaca. Il rischio di visite ospedaliere legate all'insufficienza cardiaca era significativamente più basso con l'esposizione alla statina.

"Il declino della funzione del ventricolo sinistro può essere predittivo dell'insufficienza cardiaca, ma l'insufficienza cardiaca palese dà un risultato più chiaro che ha una maggiore rilevanza per i pazienti affetti da cancro e per i loro medici", ha detto Bobrowski. "I risultati forniscono un impulso per futuri studi prospettici per determinare se l'avvio di una statina prima di ricevere chemioterapia a base di antraciclina o trastuzumab può prevenire efficacemente gli eventi cardiotossici".

Le statine hanno effetti che vanno oltre l'abbassamento del colesterolo, compresa la riduzione dello stress ossidativo e la produzione di radicali liberi nelle cellule del cuore, che Bobrowski ha detto che è compatibile con la comprensione dei medici di come queste terapie per il cancro inducono cardiotossicità. inoltre, perché c'è spesso una sovrapposizione di fattori di rischio tra cancro e malattie cardiovascolari, tra cui il diabete e l'obesità, molti di questi pazienti possono anche beneficiare di terapia statinica basata sulle attuali linee guida per la riduzione del rischio cardiovascolare.

Il cancro al seno è il tumore più comune nelle donne americane, a parte i tumori della pelle. Si stima che 1 donna su 8 svilupperà il cancro al seno a un certo punto della sua vita. "Mentre i tassi di mortalità sono diminuiti, in gran parte a causa della diagnosi precoce e del miglioramento dei trattamenti, ora sappiamo che molte donne svilupperanno in seguito malattie cardiache", ha detto Bobrowski. "È un po' un'arma a doppio taglio; le malattie cardiovascolari sono la principale e concorrente causa di morte tra le più anziane sopravvissute al cancro al seno allo stadio iniziale".

Bobrowski D. Statins are associated with lower risk of heart failure after anthracycline and trastuzumab chemotherapy for early stage breast cancer. ACC 2020.