Secondo alcuni specialisti di oncoematologia, l’inibitore sperimentale della tirosin chinasi di Bruton, ibrutinib, potrebbe cambiare significativamente il trattamento dei pazienti con leucemia linfatica cronica. A dimostrazione di quanto sostenuto, gli esperti hanno presentato due studi al Congresso dell’American Society of Hematology di Atlanta.


Il primo trial è uno studio di fase II/b condotto su 116 pazienti anziani con leucemia linfatica cronica, naive ai trattamenti per la patologia. Nello studio, il tasso di risposta generale (ORR) era del 68% e il tasso di  sopravvivenza senza progressione (PFS) a 26 mesi era del 96% dei pazienti. Nei soggetti con leucemia linfatica cronica refrattaria e recidivante, inclusi i pazienti ad alto rischio, l’ORR era del 71% e il tasso di PFS a 26 mesi era del 75%.


Ibrutinib è stato generalmente ben tollerato e molti eventi avversi erano di grado 1 o 2. I pazienti con un numero ridotto di cellule del sangue all’inizio dello studio , hanno mostrato un miglioramento sostenuto nel tempo della conta piastrinica (78%) e dei livelli di emoglobina (82%) dopo la terapia, senza effetti di tossicità o effetti indesiderati a lungo termine.


Nel secondo studio di fase II presentato ad Atlanta, 40 pazienti con leucemia linfatica cronica ad alto rischio, trattati con la combinazione di ibrutinib e rituximab hanno riportato un ORR dell’83%  e 38 soggetti hanno continuato la terapia senza presentare una progressione della malattia. L’84% dei partecipanti allo studio ha ottenuto una riduzione superiore al 50% della dimensione dei linfonodi. La combinazione di farmaci è stata generalmente ben tollerata con scarsi effetti indesiderati di grado 3 e 4.


Ibrutinib è un inibitore selettivo della tirosin chinasi di Bruton, una proteina avente un'importanza cruciale per la crescita e la differenziazione delle cellule B. Il farmaco è stato sviluppato da Pharmacyclics e Janssen per la terapia della leucemia mieloide cronica, del linfoma mantellare, del linfoma a grandi cellule B e del mieloma multiplo.