Oncologia-Ematologia

Leucemia mieloide acuta, Servier riporta dati top-line positivi per ivosidenib in fase III

Servier ha annunciato lunedì che ivosidenib in combinazione con la chemioterapia ha raggiunto l'endpoint primario di sopravvivenza libera da eventi (EFS), così come tutti gli endpoint secondari chiave, compresa la sopravvivenza globale (OS). I dati provengono dallo studio di fase III AGILE condotto su adulti con leucemia mieloide acuta (AML) IDH1-mutata precedentemente non trattati.

Servier ha annunciato lunedì che ivosidenib in combinazione con la chemioterapia ha raggiunto l'endpoint primario di sopravvivenza libera da eventi (EFS), così come tutti gli endpoint secondari chiave, compresa la sopravvivenza globale (OS). I dati provengono dallo studio di fase III AGILE condotto su adulti con leucemia mieloide acuta (AML) IDH1-mutata precedentemente non trattati.

L'azienda, che ha recentemente sborsato 1,8 miliardi di dollari in anticipo per acquisire Tibsovo (ivosidenib)  da Agios Pharmaceuticals insieme al resto del suo portafoglio oncologico, ha detto che il farmaco è la prima terapia mirata a mostrare una migliore EFS e OS in combinazione con azacitidina, rispetto alla monoterapia con azacitidina.

"La monoterapia di Tibsovo è stata determinante nel trasformare i risultati per i pazienti adulti con AML refrattaria di nuova diagnosi o recidivati che ospitano una mutazione IDH1", ha notato Susan Pandya, vicepresidente dello sviluppo clinico di Servier. Ha detto che i nuovi dati AGILE "sostengono il beneficio aggiunto dell'inibizione dell'enzima IDH1 mutante in combinazione con la chemioterapia standard nell'impostazione di nuova diagnosi e idonea alla chemioterapia intensiva".

Lo studio ha reclutato 148 pazienti precedentemente non trattati con AML mutata in IDH1 e ritenuti non ammissibili alla chemioterapia intensiva. I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere ivosidenib o placebo, entrambi in combinazione con azacitidina. L'obiettivo primario EFS è stato definito come il tempo al fallimento del trattamento, alla ricaduta dalla remissione o alla morte per qualsiasi causa. Il fallimento del trattamento è stato definito come il mancato raggiungimento della remissione completa (CR) entro la settimana 24.

Oltre all'OS, Servier ha detto che gli endpoint secondari chiave che sono stati soddisfatti hanno incluso CR, CR con recupero ematologico parziale e tasso di risposta obiettivo. L'azienda ha notato che ulteriori iscrizioni sono state recentemente interrotte su consiglio del comitato indipendente di monitoraggio dei dati dello studio a causa di "una differenza di significato clinico" tra i gruppi di trattamento. Un'analisi completa sarà presentata in una futura conferenza medica.

In attesa della decisione Fda sull'indicazione per il cancro del dotto biliare.

Ivosidenib è attualmente approvato negli Stati Uniti come monoterapia per gli adulti con AML recidivata o refrattaria IDH1-mutante e per gli adulti con nuova diagnosi di AML IDH1-mutante che sono ≥75 anni di età o hanno comorbidità che precludono l'uso della chemioterapia di induzione intensiva.

Nel frattempo, il farmaco è in fase di revisione prioritaria da parte della FDA come potenziale trattamento per i pazienti con colangiocarcinoma IDH1-mutante precedentemente trattato. All'inizio di quest'anno, Agios ha riferito che Tibsovo non aveva soddisfatto l'endpoint secondario di OS nello studio di fase III ClarIDHy su pazienti con cancro del dotto biliare. Tuttavia, quello studio aveva già soddisfatto il suo endpoint primario di riduzione del rischio di progressione della malattia o di morte, e Agios ha detto che i risultati complessivi erano abbastanza convincenti che ha chiesto di espandere l'etichetta per il colangiocarcinoma comunque.

Come parte dell'accordo con Servier, Agios ha diritto a ricevere royalties sulle vendite di Tibsovo negli USA.