Leucemia mieloide cronica, conferme di efficacia a lungo termine per nilotinib in prima linea

Nilotinib č altamente efficace nel trattamento della leucemia mieloide cronica in fase cronica come terapia di prima linea, anche se la tossicitā cardiovascolare associata al trattamento č relativamente comune. A dimostrarlo sono i dati di follow-up a lungo termine dello studio GIMEMA, pubblicati di recente online sulla rivista Hematogica.

Nilotinib è altamente efficace nel trattamento della leucemia mieloide cronica in fase cronica come terapia di prima linea, anche se la tossicità cardiovascolare associata al trattamento è relativamente comune. A dimostrarlo sono i dati di follow-up a lungo termine dello studio GIMEMA, pubblicati di recente online sulla rivista Hematogica.

Nilotinib, un inibitore delle tirosin-chinasi di seconda generazione, è stato approvato come terapia di prima linea per la leucemia mieloide cronica sulla base dello studio ENESTnd. Lo studio GIMEMA è quello con il follow-up più lungo ad oggi disponibile su questo farmaco in questo setting. Ha coinvolto 73 pazienti con leucemia mieloide cronica arruolati nel 2007 e nel 2008 e ha ora un follow-up di minimo 6 anni..

I partecipanti sono stati trattati con nilotinib 400 mg due volte al giorno. L'età media era di 51 anni e il 27% aveva non meno di 65 anni. Dopo 6 anni, il 75% del campione era ancora in trattamento con il farmaco in studio.

La sopravvivenza globale a 6 anni è risultata del 96%. In un paziente la malattia ha progredito verso la fase blastica durante il trattamento con nilotinib, dopo 6 mesi, e il paziente è morto . Altri due pazienti sono deceduti mentre erano in remissione (uno affetto da demenza di 75 anni e uno con insufficienza cardiaca di 90 anni).

Gli autori hanno osservato che, analogamente a quel che accade in molti studi clinici, l'età media alla diagnosi era inferiore rispetto a quella dei pazienti della maggior parte dei registri, il che potrebbe aver contribuito alla percentuale elevata di OS.

Altri 13 pazienti hanno interrotto il trattamento con nilotinib; sei di questi sono ora in terapia con imatinib, tre stanno prendendo dasatinib, e quattro i pazienti stanno partecipando a uno studio sulla remissione senza trattamento. Il motivo principale che ha portato alla sospensione di nilotinib sono stati gli eventi avversi (in 11 pazienti), nella maggior parte dei casi (8 pazienti) di tipo cardiovascolare, tra cui arteriopatia periferica ostruttiva, stenosi carotidea, angina pectoris e fibrillazione atriale. Il tempo mediano trascorso dall’inizio della terapia con nilotinib all’evento cardiovascolare è stato di 42 mesi e l'età media di insorgenza è risultata di 69 anni.

La probabilità cumulativa di ottenere una risposta molecolare maggiore (MMR) dopo 6 anni è risultata del 98% e un paziente ha mostrato una perdita confermata della MMR.

"L’incidenza degli eventi avversi cardiovascolari con la dose iniziale di 400 mg due volte al giorno rimane significativa e giustifica l'utilizzo della dose più bassa di 300 mg due volte al giorno, che è quella attualmente registrata per la terapia di prima linea della leucemia mieloide cronica in fase cronica" scrivono gli autori. "L'equilibrio tra efficacia e sicurezza dipenderà dalle caratteristiche del paziente e dall'obiettivo della terapia, sia esso limitato alla sopravvivenza o, più ambiziosamente, al conseguimento di una remissione senza trattamento".

G. Gugliotta, et al. Long-term outcome of a phase 2 trial with nilotinib 400 mg twice daily in first-line treatment of chronic myeloid leukemia. Haematologica 2015 : doi:10.3324/haematol.2015.129221
Leggi