Limitare l'uso di placebo nei trial su farmaci oncologici, nuova raccomandazione Fda

Gli studi randomizzati e controllati con placebo sono un caposaldo della ricerca clinica di qualità. Tuttavia, la Food and Drug Administration (Fda) ha da poco diffuso la bozza di un documento destinato alle aziende, nel quale si raccomanda di limitare l'uso del placebo nelle sperimentazioni cliniche sui farmaci oncologici e oncoematologici.

Gli studi randomizzati e controllati con placebo sono un caposaldo della ricerca clinica di qualità. Tuttavia, la Food and Drug Administration (Fda) ha da poco diffuso la bozza di un documento destinato alle aziende, nel quale si raccomanda di limitare l'uso del placebo nelle sperimentazioni cliniche sui farmaci oncologici e oncoematologici.

Nel testo, l’agenzia Usa osserva che l'uso del placebo in studi randomizzati in doppio cieco condotti nell’ambito di un programma di sviluppo di farmaci presenta a volte "questioni preoccupanti di carattere sia pratico che etico".

Tuttavia, il disegno che prevede l’impiego del placebo può essere utile o preferito nelle sperimentazioni che riguardano una terapia di mantenimento, negli studi su farmaci aggiuntivi a terapie già consolidate e in quelli su terapie adiuvanti in setting nei quali lo standard di cura è la sorveglianza.

Pro e contro del placebo
Nella sezione di background del nuovo documento, l'agenzia spiega che i placebo sono utilizzati molto spesso negli studi clinici randomizzati e controllati, in doppio cieco, perché possono limitare la probabilità di osservazioni distorte, dal momento che sia gli sperimentatori sia i pazienti non sanno quale trattamento stiano facendo i pazienti. Questo, a sua volta, può anche ridurre il numero di pazienti che abbandonano la prova e consentire una valutazione imparziale delle misure di outcome, specie quelle più soggettive, come la qualità della vita.

Tuttavia, le tossicità associate a un trattamento attivo possono compromettere il cieco, perché sulla base di esse sia i partecipanti sia i ricercatori potrebbero capire quali pazienti stanno assumendo il placebo e quali no.

Inoltre, se è disponibile una terapia efficace standard, ma in uno studio clinico i pazienti idonei ricevono invece un placebo, si pone una questione etica rilevante.
Sorgono ancora più problemi se lo studio rimane in cieco qualora i pazienti manifestino una progressione della malattia o tossicità gravi, osserva l'agenzia. Per esempio, un paziente che partecipa a uno studio sull’immunoterapia, assegnato dalla randomizzazione al gruppo di controllo, potrebbe essere trattato inutilmente per eventi attribuiti al farmaco sperimentale, per esempio con agenti tra cui prodotti immunosoppressivi come i glucocorticoidi ad alto dosaggio, ciclofosfamide, antagonisti dell'interleuchina-6 o infliximab per gestire questi sintomi, che in realtà non sono correlati al farmaco.

Mantenere il cieco può avere anche un impatto negativo su un paziente in cui la malattia sta progredendo. Per esempio, in questo modo, il fatto di stare partecipando a uno studio in cui si mantiene il cieco potrebbe impedire a un paziente del gruppo placebo di essere trattato con una terapia approvata o ritardare la somministrazione di tale terapia, oppure potrebbe impedirgli l'accesso a un'altra sperimentazione clinica.

Le nuove raccomandazioni Fda sull'uso del placebo
Nel nuovo documento, l’Fda raccomanda, quindi, di adottare un disegno dello studio che preveda il controllo con un placebo solo in determinate circostanze, per esempio quando lo standard di cura è la sorveglianza, quando il farmaco in sperimentazione viene aggiunto a un’altra terapia o quando l'endpoint destinato a supportare un’affermazione nella scheda tecnica ha un alto grado di soggettività.

Inoltre, l'agenzia offre alcune indicazioni per capire quando si può prendere in considerazione uno studio controllato con placebo:
•    gli sponsor del trial dovrebbero fornire il razionale per il disegno dello studio; ciò è particolarmente importante se la somministrazione del placebo implica una procedura chirurgica ‘fittizia’ o richiede comunque metodi invasivi;
•    l’Fda non richiede il mantenimento del cieco a livello di ogni singolo paziente al momento della recidiva o della progressione della malattia, quindi, a meno che non siano disponibili opzioni terapeutiche adeguate per quel paziente, l'agenzia raccomanda in quel caso di togliere il cieco quando la malattia si ripresenta o progredisce;
•    quando il paziente manifesta un evento avverso che sembra essere correlato al farmaco, l’Fda raccomanda di togliere il doppio cieco (sia del paziente sia dello sperimentatore) se il trattamento di tale effetto collaterale richiede uno o più farmaci o una procedura invasiva, ma sottolinea nel contempo che dopo la rimozione del cieco quel paziente non dovrebbe essere tolto dal trial;
•    si dovrebbe fornire una descrizione dettagliata del protocollo e del piano di analisi statistica della proposta di studio sia per il cieco (compreso se gli effetti fisiologici o avversi associati al prodotto sperimentale possano impedire l’impostazione di un cieco efficace) sia per un eventuale sblocco del cieco (tra cui le informazioni relative a situazioni nelle quali dovesse essere necessaria la rimozione del cieco);
•    qualora si mantenga il cieco anche nel caso in cui la malattia si ripresenta o progredisce o si verifica un evento avverso sospetto, il documento di consenso informato che si sottopone al paziente per la sua partecipazione al trial dovrebbe specificare i rischi e i potenziali svantaggi di questo approccio e il protocollo dovrebbe comprendere anche la giustificazione del potenziale rischio aggiuntivo.

La bozza del documento potrà essere commentata dagli utenti per 60 giorni.

leggi