Linfoma di Hodgkin, brentuximab vedotin aggiunto alla chemio migliora gli outcome nell'anziano

Il coniugato anticorpo-farmaco brentuximab vedotin somministrato in sequenza prima e dopo la chemioterapia standard è apparso efficace e sicuro per i pazienti anziani con linfoma di Hodgkin non trattati in precedenza, in uno studio multicentrico di fase II, non randomizzato, pubblicato di recente su JAMA Oncology.

Il coniugato anticorpo-farmaco brentuximab vedotin somministrato in sequenza prima e dopo la chemioterapia standard è apparso efficace e sicuro per i pazienti anziani con linfoma di Hodgkin non trattati in precedenza, in uno studio multicentrico di fase II, non randomizzato, pubblicato di recente su JAMA Oncology.
Anche i risultati delle valutazioni geriatriche sono risultati fortemente associati alla sopravvivenza dei pazienti.

"Storicamente, i tassi di sopravvivenza dei pazienti anziani con linfoma di Hodgkin, tipicamente definiti come al di sopra dei 60 anni, hanno dimostrato di essere sproporzionatamente e nettamente inferiori rispetto a quelli dei pazienti più giovani” ha spiegato in una nota il primo firmatario dello studio, Andrew M. Evens, direttore del Lymphoma Program presso il Rutgers Cancer Institute del New Jersey, aggiungendo che negli ultimi decenni i pazienti anziani sono stati sottorappresentati negli studi clinici sul linfoma di Hodgkin.

"In questo studio, i tassi di sopravvivenza sono tra i migliori riportati rispetto ai precedenti studi sul linfoma di Hodgkin" ha affermato l’autore.
Nel loro trial, Evens e i colleghi hanno valutato la sicurezza e l'efficacia di brentuximab vedotin prima e dopo la chemioterapia standard, consistente nel regime AVD (doxorubicina, vinblastina e dacarbazina), in pazienti anziani con linfoma di Hodgkin, non trattati in precedenza.

I ricercatori hanno arruolato 48 pazienti di età pari o superiore a 60 anni (età media: 69 anni; range 60-88; il 63% uomini), con un performance status ECOG pari a 1. L'81% dei pazienti aveva una malattia in stadio da III a IV.

La mediana del Cumulative Illness Rating Scale-Geriatric comorbidity score era pari a 7, e il 12% dei pazienti al momento della diagnosi mostrava una perdita della capacità di svolgere le attività quotidiane che prevedono l’impiego di strumenti.

I partecipanti sono stati trattati con due dosi di carico di brentuximab vedotin in monoterapia (1,8 mg/kg ogni 3 settimane) in combinazione con sei cicli di chemioterapia con il regime AVD. Coloro che hanno risposto, sono stati quindi trattati con quattro dosi di brentuximab vedotin come consolidamento.

L’endpoint primario dello studio era il tasso di remissione completa, mentre gli endpoint secondari comprendevano il tasso di risposta obiettiva (ORR), la rilevanza prognostica delle scansioni PET e Tac, la sicurezza, la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni (PFS) e la sopravvivenza globale (OS) a 2 anni.

Nei primi 22 pazienti valutabili dopo la somministrazione iniziale di brentuximab vedotin l’ORR è risultato dell'82% e il tasso di remissione completa del 36%. Dopo sei cicli di AVD, nei 42 pazienti valutabili l'ORR è salito al 95% e il tasso di remissione completa al 90%.

Dopo un follow-up mediano di 23 mesi (range 2-49), nella popolazione intent-to-treat la sopravvivenza libera da eventi (EFS) a 2 anni dell'80% (IC al 95% 65-89), una PFS a 2 anni dell'84% (IC al 95% 69-92) e un’OS a 2 anni del 93% (IC al 95% 80-98).

Nei pazienti con un Cumulative Illness Rating Scale-Geriatric comorbidity score pari a 10 o superiore la PFS a 2 anni è risultata del 45%, mentre in quelli con un punteggio inferiore a 10 pari al 100% (P <0,001). Inoltre, i pazienti che al basale mostravano una perdita delle capacità di svolgere le attività quotidiane strumentale hanno raggiunto la PFS a 2 anni in numero inferiore (25% contro 94%; P < 0,001).

Sul fronte della sicurezza, 20 dei 48 pazienti (il 42%) ha manifestato un evento avverso di grado 3 o 4, i più comuni dei quali sono stati la neutropenia (44%), la neutropenia febbrile e la polmonite (8%) e la diarrea (6%).

Un paziente è deceduto a causa di una pancreatite correlata al trattamento e due sono deceduti a causa della progressione della malattia.
"Nel complesso, la terapia è stata ben tollerata rispetto ad altri studi in cui si sono analizzati pazienti simili. Questi dati cambieranno la pratica clinica nel nostro settore" ha dichiarato Evens nel comunicato.

"I prossimi passi per i pazienti anziani con linfoma di Hodgkin consisteranno nel cercare di mantenere questi robusti tassi di remissione e di sopravvivenza riducendo la chemioterapia" ha concluso l’autore.

A.M. Evens, et al. Multicenter Phase II Study of Sequential Brentuximab Vedotin and Doxorubicin, Vinblastine, and Dacarbazine Chemotherapy for Older Patients With Untreated Classical Hodgkin Lymphoma. J Clin Oncol. 2018; doi:10.1200/JCO.2018.79.0139.
leggi