Secondo un nuovo studio presentato poche settimane fa al Congresso Annuale dell’American Society of Hematology (ASH) di News Orleans, l’acido zoledronico riduce il rischio di morte in modo superiore al pamidronato nei pazienti con mieloma multiplo. Inoltre, il primo farmaco riduce significativamente il rischio di eventi scheletrici rispetto al controllo.

Come spiegato dagli esperti, le cellule del mieloma producono una sostanza che stimola gli osteoclasti, responsabili della distruzione del tessuto osseo e, di conseguenza, i pazienti affetti da mieloma sono spesso soggetti a fratture ossee. La distruzione del tessuto osseo si verifica in circa l’80% dei pazienti con mieloma multiplo e, in questi soggetti, la terapia profilattica con bifosfonati può ridurre gli eventi scheletrici e migliorare la sopravvivenza.

Negli Stati Uniti, attualmente, per questa indicazione sono disponibili due bifosfonati, l’acido zoledronico e il pamidronato, entrambi disponibili anche come generici.
Gli esperti hanno identificato 1.343 pazienti trattati dal 2002 al 2009 con acido zoledronico o pamidronato. Di questi, 1.081 sono stati inclusi nell’analisi (383 trattati con acido zoledronico e 635 con pamidronato). Dopo un follow up medio di 26,9 mesi, gli esperti hanno osservato un miglioramento della sopravvivenza generale con l’acido zoledronico, rispetto al pamidronato (32,4 vs 23,4 mesi).

Anche dopo aggiustamento per fattori di confondimento, la sopravvivenza generale era ancora superiore con l’acido zoledronico (16%; hazard ratio [HR] = 0,84; 95% intervallo di confidenza [CI], 0,72-0,98; P=0,023). Inoltre, l’acido zoledronico ha ridotto del 21% il rischio di eventi scheletrici, rispetto al pamidronato (HR = 0,79; 95% CI, 0,68-0,99). Un altro vantaggio dell’utilizzo dell’acido zoledronico era il tempo di infusione del farmaco: 15 minuti rispetto a 120 minuti.

Come spiegano gli esperti, la preoccupazione maggiore riguardo l’uso dell’acido zoledronico è l’aumento del rischio di osteonecrosi della mascella. Tuttavia, recenti studi hanno dimostrato che, attraverso cure preventive e la collaborazione con il dentista, è possibile ridurre al minimo questo rischio.

Comparative Effectiveness on Survival of Zoledronic Acid Versus Pamidronate in Multiple Myeloma. Abstract 3182