Nuova indicazioni in arrivo per encorafenib: il cancro del colon retto

Oncologia-Ematologia

Il 30 aprile 2020 il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) ha adottato un parere positivo raccomandando una modifica dei termini dell'autorizzazione all'immissione in commercio del medicinale encorafenib (Braftovi) estendendone le indicazioni alla terapia del cancro colon rettale. 

Il 30 aprile 2020 il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) ha adottato un parere positivo raccomandando una modifica dei termini dell'autorizzazione all'immissione in commercio del medicinale encorafenib (Braftovi) estendendone le indicazioni alla terapia del cancro colon rettale.

Il titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio di questo medicinale è Pierre Fabre Medicament.

Più precisamente, il Chmp ha dato parere positivo all’utilizzo del farmaco in combinazione con cetuximab, per il trattamento di pazienti adulti con cancro colorettale metastatico (CRC) con una mutazione BRAF V600E, che hanno ricevuto una precedente terapia sistemica.
Encorafenib è già indicato in combinazione con binimetinib per il trattamento di pazienti adulti con melanoma non resecabile o metastatico con mutazione BRAF V600. Per questa indicazione è stato di recente rimborsato dal Ssn.