Roche ha annunciato i nuovi dati di efficacia di Fase II ottenuti dal composto sperimentale GA101 (RG 1759) nel trattamento del linfoma Non-Hodgkin (NHL) recidivato/refrattario, una forma comune di neoplasia del sangue. GA101 è il primo anticorpo monoclonale anti-CD20 glicoingegnerizzato di tipo II concepito specificamente per potenziare la distruzione delle cellule B neoplastiche inducendo altre cellule immunitarie ad attaccarle o inducendo direttamente la morte cellulare.  I dati sono stati presentati al 52º Congresso Annuale dell'American Society of Hematology (ASH) di Orlando, Florida.

I risultati hanno dimostrato tassi di risposta promettenti in pazienti molto difficili da trattare con NHL indolente o aggressivo che non hanno risposto a diversi trattamenti precedenti, tra cui un trattamento con rituximab. I dati di efficacia presentati sono emersi da due studi di Fase II condotti su GA101 nel trattamento di pazienti affetti da NHL recidivato/refrattario indolente o aggressivo.

Nel primo studio di Fase II nel NHL aggressivo, i pazienti erano stati sottoposti a precedenti trattamenti (mediana di 3 linee di terapia) e il 63% non aveva risposto o riportava progressione della malattia entro 6 mesi di trattamento con rituximab. Quasi un terzo dei pazienti ha risposto al trattamento con GA101 (11 su 40 pazienti, il 24% nella coorte 400 mg, il 32% in quella 1600/800 mg). Per i pazienti non più risponsivi a rituximab, il tasso di risposta è stato del 25% nella coorte 1600/800 mg.

Nel secondo studio di Fase II nel NHL indolente recidivato/refrattario, i pazienti erano stati sottoposti a precedenti trattamenti (mediana di 3 linee di terapia) e il 55% non aveva risposto o riportava progressione della malattia entro 6 mesi di trattamento con rituximab. Nella popolazione totale con NHL indolente, che era stata pesantemente pretrattata, il 55% dei pazienti ha risposto al trattamento con GA101 con una sopravvivenza libera da progressione (PFS) mediana di 11,3 mesi nella coorte 1600/800 mg (nella coorte 400 mg, il tasso di risposta è stato pari al 17% con 6 mesi di PFS mediana). Per i pazienti non più risponsivi a rituximab, il tasso di risposta è stato del 50% nella coorte 1600/800 mg.

GA101
GA101 è un anticorpo monoclonale (mAB) anti-CD20 glicoingegnerizzato sperimentale che bersaglia e si lega alla proteina CD20 presente sulle cellule B neoplastiche che provocano alcuni tipi di neoplasie del sangue come il linfoma non-Hodgkin (NHL) e la leucemia linfatica cronica (CLL). GA101 è stato concepito specificamente per potenziare la distruzione delle cellule neoplastiche, o inducendo altre cellule immunitarie ad attaccarle o inducendo direttamente la morte cellulare. GA101 è il primo mAB anti-CD20 glicoingegnerizzato di tipo II ad entrare in studi clinici sul NHL e il CLL ed è attualmente sperimentato in una serie di studi di Fase III, che includono confronti diretti con rituximab.