Una delle caratteristiche che fa prevedere una risposta duratura a pazopanib da parte dei pazienti affetti da un sarcoma dei tessuti molli avanzato è un livello di emoglobina normale al basale. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori eseguendo un’analisi retrospettiva di due studi realizzati dall’EORTC (il 62043 e il 62072), finalizzata a identificare le caratteristiche dei responder a lungo termine al farmaco e dei pazienti lungo sopravviventi.

Pazopanib è stato approvato di recente sia in Europa sia negli Usa per il trattamento dei sarcomi dei tessuti molli in base ai risultati dei due studi (uno di fase II e l’altro di fase III, condotti dal Soft Tissue and Bone Sarcoma Group dell’EORTC) che hanno evidenziato un vantaggio significativo di pazopanib rispetto al placebo sulla sopravvivenza libera da progressione (PFS). Nei due studi, il 36% dei pazienti ha avuto una PFS superiore a 6 mesi e il 34% è sopravvissuto più di 18 mesi. Questi pazienti sono stati classificati come responder a lungo termine e lungosopravviventi.

Nel lavoro appena pubblicato, Bernd Kasper (dell'Università di Heidelberg) e altri autori hanno combinato i dati di questi responder a lungo termine e dei lungosopravviventi cercando di scoprire quali fossero le caratteristiche associate a questi outcome migliori.

I ricercatori hanno confrontato le caratteristiche dei pazienti suddivisi in quattro sottogruppi in base ai risultati di sopravvivenza: né responder a lungo termine nè lungosopravviventi; responder a lungo termine, ma non lungosopravviventi; non responder a lungo termine, ma lungosopravviventi, e sia responder a lungo termine sia lungosopravviventi.

L’analisi ha confermato l’importanza di fattori prognostici già noti per i pazienti con sarcomi dei tessuti molli in stadio avanzato sottoposti alla terapia sistemica, quali il perfromance status e il grado del tumore. Invece, il livello dell’emoglobina la basale rappresenta una novità.
"È interessante notare che le caratteristiche associate con un buon outcome a lungo termine per i pazienti trattati con pazopanib sono simili a quelle associate a buoni risultati a lungo termine anche con ad altri agenti utilizzati nel sarcoma dei tessuti molli, come il performance status e il grado del tumore primitivo" scrvono gli autori.

Anche l’età sembra influire sull’outcome, in quanto i pazienti sia responder a lungo termine sia lungosopravviventi sono risultati quelli con l'età media più bassa (51 anni) rispetto agli altri gruppi e si è visto che il 41% dei pazienti aveva meno di 40 anni.

I risultati sono stati diversi anche a seconda del sesso, in quanto nei due gruppi di pazienti lungosopravviventi le donne sono risultate più rappresentate degli uomini, mentre nei due gruppi con una sopravvivenza globale inferiore a 18 mesi uomini e donne erano equamente distribuiti.

Inoltre, nei due gruppi dei lungosopravviventi i ricercatori hanno trovato una percentuale più elevata di pazienti con un performance status pari a 0 rispetto ai gruppi con una sopravvivenza inferiore a 18 mesi e hanno visto che più della metà dei soggetti classificati come responder a lungo termine o lungosopravviventi aveva un tumore di basso grado o grado intermedio al basale.

L’analisi multivariata ha poi evidenziato che un basso livello basale di emoglobina era associato a una bassa probabilità di sopravvivenza superiore ai 18 mesi .

"Dodici pazienti (il 3,5%) hanno dimostrato un beneficio clinico di oltre 2 anni con un tempo mediano in trattamento con pazopanib di 2,4 anni e il trattamento più lungo durato 3,7 anni" scrivono i ricercatori. "Come previsto, questi pazienti erano prevalentemente giovani, di sesso femminile, con un buon performance status, avevano più tumori di grado basso o intermedio al momento della diagnosi iniziale e tutti avevano metastasi polmonari”.

B. Kasper, et al. Long-term responders and survivors on pazopanib for advanced soft tissue sarcomas: subanalysis of two European Organisation for Research and Treatment of Cancer (EORTC) clinical trials 62043 and 62072. Ann Oncol 2014; doi: 10.1093/annonc/mdt586.
leggi