Sarcoma dei tessuti molli, su The Lancet il primo studio che mostra aumento sopravvivenza con eribulina

Eribulina migliora la sopravvivenza globale rispetto alla dacarbazina in pazienti con sarcoma dei tessuti molli in fase avanzata. Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology.

Eribulina migliora la sopravvivenza globale rispetto alla dacarbazina in pazienti con sarcoma dei tessuti molli in fase avanzata. Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology.

Perché uno studio di fase II non-randomizzato aveva dimostrato l’attività e la tollerabilità di eribulina in pazienti con sarcoma dei tessuti molli avanzato o metastatico, in uno studio di fase III i ricercatori hanno cercato di confrontare la sopravvivenza complessiva in pazienti che hanno ricevuto eribulina con quella di pazienti che hanno ricevuto dacarbazina.

Per lo studio internazionale, in aperto, i ricercatori hanno arruolato 452 pazienti di 18 anni o più con liposarcoma avanzata o leiomiosarcoma di grado intermedio o ad alto grado che avevano ricevuto almeno due precedenti terapie sistemiche per la malattia avanzata, tra cui un'antraciclina.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale 1: 1 a ricevere eribulina mesilato 1,4 mg / m2 per via endovenosa nei giorni 1 e 8, o dacarbazina 850-1200 mg / m2 per via endovenosa al giorno 1, ogni 21 giorni fino alla progressione della malattia.

I risultati hanno mostrato che la sopravvivenza mediana globale è stata di 13,5 mesi (95% CI, 10,9 - 15,6) con eribulina vs 11,5 mesi (95% CI, 9,6-13,0) con dacarbazina (HR, 0,77; 95% CI, 0,62-0,95; P =. 0169).

Per quanto riguarda la sicurezza, gli eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati nel 99% dei pazienti che hanno ricevuto eribulina rispetto al 97% di coloro che hanno ricevuto dacarbazina. Grado 3 o gli eventi avversi più elevati sono stati più frequentemente nel gruppo eribulina rispetto al gruppo dacarbazina, e 1 decesso nel braccio eribulina è stato considerato correlato al trattamento.

Nel mese di gennaio 2016, la Food and Drug Administration ha approvato eribulina per il trattamento di pazienti con liposarcoma non resecabile o metastatico che hanno ricevuto un precedente regime contenente antracicline.
Leiomiosarcomi e liposarcomi costituiscono circa il 30% di tutti i casi di sarcomi dei tessuti molli si sviluppano dalle cellule nei tessuti che circondano il corpo come il grasso, muscolo, nervi, tessuti fibrosi e sangue. I leiomiosarcomi si formano da cellule della muscolatura liscia e possono iniziare in qualsiasi parte del corpo, mentre i liposarcomi  originano nelle cellule adipose e possono anche verificarsi in qualsiasi parte del corpo.

Schöffski P, Chawla S, Maki RG, et al. Eribulin versus dacarbazine in previously treated patients with advanced liposarcoma or leiomyosarcoma: a randomised, open-label, multicentre, phase 3 trial [published online ahead of print February 10, 20016]. Lancet. doi: 10.1016/S0140-6736(15)01283-0.