Sarcomi dei tessuti molli, la radioterapia potrebbe passare da 5 settimane a 5 giorni senza perdita di efficacia

Oncologia-Ematologia

Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell'UCLA Jonsson Comprehensive Cancer Center ha scoperto che il trattamento del sarcoma dei tessuti molli con radioterapia somministrata per un periodo di tempo significativamente più breve è probabilmente altrettanto efficace quanto un ciclo di trattamento convenzionale molto più lungo.

Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell'UCLA Jonsson Comprehensive Cancer Center ha scoperto che il trattamento del sarcoma dei tessuti molli con radioterapia somministrata per un periodo di tempo significativamente più breve è probabilmente altrettanto efficace quanto un ciclo di trattamento convenzionale molto più lungo.

Il sarcoma, un raro tipo di cancro dei tessuti molli (per esempio, muscoli, nervi, grasso o tessuto fibroso) o delle ossa, colpisce ogni anno circa 13.000 persone di tutte le età negli Stati Uniti. Molte persone con una diagnosi di sarcoma dei tessuti molli ricevono un ciclo di cinque settimane di radioterapia (ogni giorno dal lunedì al venerdì). Da quattro a cinque settimane dopo, il tumore viene rimosso con un intervento chirurgico.

In questo studio presso l'UCLA, leader nazionale nella cura dei pazienti affetti da sarcoma, i ricercatori hanno utilizzato un regime di radioterapia condensato di cinque giorni che riduce notevolmente la durata del trattamento e il tempo necessario per l'intervento chirurgico.

"L'accorciamento della radioterapia da cinque settimane a cinque giorni è stato un cambiamento molto significativo per i pazienti", ha detto l'autore principale Dr. Anusha Kalbasi, professore assistente di oncologia delle radiazioni nella divisione di oncologia molecolare e cellulare. Cinque settimane di trattamenti giornalieri sono un impegno gravoso per i pazienti". Il quotidiano andirivieni può essere costoso e richiedere molto tempo, e può davvero interferire con il lavoro, la scuola o l'attività genitoriale". Quindi trovare un modo per abbreviare in sicurezza il trattamento con radiazioni è un progresso significativo nel migliorare la qualità delle cure per i pazienti con tumori difficili da trattare come il sarcoma".

I ricercatori hanno arruolato 52 adulti all'UCLA ai quali è stato diagnosticato un sarcoma dei tessuti molli degli arti o del tronco - dove questi tumori si verificano più comunemente - che era localizzato e non si era diffuso in altre parti del corpo. I partecipanti sono stati sottoposti a una forma condensata di radioterapia per cinque giorni, seguita da un intervento chirurgico. Il team ha poi analizzato e seguito la coorte per una media di 2 anni e mezzo.

I ricercatori hanno osservato  meno del 6% dei pazienti con almeno due anni di follow-up sulla sperimentazione clinica aveva avuto una recidiva del loro tumore, che è alla pari con gli studi che utilizzano il regime convenzionale di cinque settimane.

"Il motivo principale per cui trattiamo i pazienti affetti da sarcoma con radiazioni prima dell'intervento chirurgico è quello di evitare che il tumore si ripresenti dove è stato rimosso", ha detto Kalbasi, che è anche membro del Jonsson Cancer Center. "Come ulteriore vantaggio, in alcuni casi può causare il restringimento del tumore". Finora sembra che il trattamento di cinque giorni stia funzionando altrettanto bene come quello di cinque settimane".

Oltre a studiare i tassi di recidiva dei tumori, i ricercatori hanno anche esaminato attentamente la gravità delle complicanze delle ferite. La chirurgia del sarcoma spesso richiede una grande incisione per rimuovere il tumore e può da sola causare complicazioni della ferita. L'aggiunta di radiazioni prima della chirurgia può rallentare ulteriormente il processo di guarigione. Il team ha voluto assicurarsi che il trattamento condensato di cinque giorni non peggiorasse le complicanze della ferita.

"A lungo termine, l'assunzione di radiazioni prima dell'intervento chirurgico riduce la possibilità di effetti collaterali come gonfiore, rigidità articolare e fibrosi, che contribuiscono notevolmente alla qualità della vita", ha detto Kalbasi. "Ma questo si traduce in un compromesso con un tasso più elevato di complicanze della ferita subito dopo l'intervento". La buona notizia è che il nostro trattamento di cinque giorni non ha aumentato le possibilità di problemi alle ferite dopo l'intervento rispetto al trattamento convenzionale di cinque settimane".

Non solo i ricercatori hanno scoperto che le complicanze delle ferite erano praticamente le stesse per le due terapie, ma hanno anche identificato una nuova serie di biomarcatori che potrebbero indicare quanto sia probabile che un paziente vada incontro a complicanze significative della ferita.

Utilizzando un tampone di DNA di ogni partecipante per testare le mutazioni, il team ha scoperto di poter identificare i biomarcatori genetici che alterano i microRNA associati al rischio di complicazioni della ferita.

"Sappiamo per esperienza che pazienti diversi rispondono alla stessa quantità di radiazioni in modi diversi, e abbiamo sempre creduto che ciò fosse dovuto alla risposta personale del paziente alle radiazioni", ha detto la coautore dello studio la Dott.ssa Joanne Weidhaas, professoressa di oncologia delle radiazioni e direttrice della ricerca traslazionale presso la David Geffen School of Medicine dell'UCLA, che ha condotto gli studi sui biomarcatori. "Questo tipo di biomarcatore ci permette di sapere in anticipo chi può avere o meno un alto rischio di complicanze della ferita e può potenzialmente aiutarci a determinare il miglior tipo di trattamento da offrire ai pazienti. Avere queste informazioni in anticipo è un grande vantaggio, che può davvero far progredire la medicina personalizzata".

Nei due anni trascorsi dall'inizio dello studio, il team ha anche notato un rapido aumento del numero di pazienti che si recavano all'UCLA, un centro di sarcoma ad alto volume, per il trattamento con radiazioni prima dell'intervento chirurgico. Quasi la metà dei partecipanti allo studio ha percorso più di 100 miglia fino all'UCLA per il trattamento con radiazioni. Studi precedenti hanno dimostrato che il trattamento dei sarcomi in un centro ad alto volume con l'esperienza di un team multidisciplinare di sarcomi è associato a risultati migliori.

Il regime di cinque giorni di radioterapia non solo può essere preferito dalle persone che si sottopongono al trattamento, ma si tradurrà anche in un maggior numero di persone che avranno accesso alle cure in centri ad alto volume specializzati nel trattamento di un cancro così raro, ha detto Kalbasi.

Per convalidare ulteriormente i risultati dello studio, il team prevede di continuare a seguire la coorte di pazienti per almeno cinque anni per vedere se, in termini di controllo del cancro e di effetti collaterali a lungo termine, il trattamento con radiazioni per cinque giorni continua ad essere altrettanto sicuro ed efficace del trattamento tradizionale di cinque settimane. L'équipe ha inoltre ampliato la sperimentazione clinica per includere i pazienti che stanno ricevendo anche la chemioterapia prima dell'intervento chirurgico.