Oncologia-Ematologia

Terapia genica per l'emofilia B di uniQure e CSL, domanda all'Fda prevista per inizio 2022

All'evento di R&D organizzato da uniQure l'azienda ha divulgato i risultati aggiornati della sperimentazione di fase III HOPE-B, che dimostrano come la terapia genica basata sul virus adeno-associato cinque (AAV5) etranacogene dezaparvovec abbia permesso ai pazienti con emofilia B di mantenere l'attività del fattore IX (FIX) a livelli quasi normali dopo un anno dalla somministrazione. 

All'evento di R&D organizzato da uniQure l’azienda ha divulgato i risultati aggiornati della sperimentazione di fase III HOPE-B, che dimostrano come la terapia genica basata sul virus adeno-associato cinque (AAV5) etranacogene dezaparvovec abbia permesso ai pazienti con emofilia B di mantenere l'attività del fattore IX (FIX) a livelli quasi normali dopo un anno dalla somministrazione.

Sulla base di un recente feedback della FDA, un'analisi finale di HOPE-B è ora prevista a 18 mesi e sarà necessaria per sostenere le domande di autorizzazione alla commercializzazione, con un deposito negli Stati Uniti che dovrebbe essere presentato nel primo trimestre del 2022.

HOPE-B comprendeva 54 maschi adulti con emofilia B grave o moderatamente grave che hanno ricevuto una singola infusione endovenosa di etranacogene dezaparvovec a una dose di 2 x 1013 gc/kg. L'endpoint primario era l'attività di FIX a 26 settimane, che uniQure ha precedentemente detto essere stato raggiunto, mentre gli obiettivi secondari hanno valutato il tasso di sanguinamento annualizzato (ABR) e l'uso della terapia sostitutiva FIX, entrambi a un anno.

Attività del FIX al 41,5% del normale 
Nell'ultima analisi, l'azienda ha detto che l'attività media di FIX a 52 settimane post-infusione era il 41,5% del normale, rispetto al 39% del normale a 26 settimane. Ha notato che i risultati inoltre hanno continuato a non mostrare alcun legame clinicamente significativo tra gli anticorpi neutralizzanti preesistenti a AAV5 (NAbs) e l'attività FIX per la maggior parte dei pazienti.

La maggior parte dei soggetti non ha riportato sanguinamenti dopo il trattamento. Una singola dose di etranacogene dezaparvovec ha ridotto l'ABR che richiede un trattamento dell'80% a 52 settimane, a 0,68 episodi di sanguinamento all'anno. Nello stesso periodo, la terapia genica ha anche abbassato significativamente il tasso annualizzato di sanguinamenti spontanei che richiedono un trattamento dell'85%, a 0,18 episodi all'anno. L'azienda ha detto che 52 dei 54 pazienti non hanno più bisogno di infusioni profilattiche di terapia sostitutiva. Per i due non rispondenti, ha notato che un paziente aveva ricevuto solo una dose parziale a causa di una reazione all'infusione, mentre il secondo aveva un titolo NAb preesistente insolitamente alto.

In termini di sicurezza, l'azienda ha detto che etranacogene dezaparvovec continua ad essere "generalmente ben tollerato", senza eventi avversi gravi legati al trattamento e senza inibitori di FIX segnalati. I risultati di HOPE-B devono essere presentati alla riunione annuale della Società internazionale sulla trombosi e l'emostasi (ISTH) il mese prossimo.

L’Fda richiede una conferma  dei dati a più lungo termine
UniQure e il partner CSL Behring hanno avuto recenti colloqui con la FDA durante i quali l'agenzia ha confermato che per giudicare la durata dell'effetto del trattamento, vuole vedere i dati dei pazienti seguiti per almeno un periodo di 52 settimane a partire da quando hanno raggiunto livelli di FIX allo stato stazionario, piuttosto che quando la terapia genica è stata somministrata. Secondo uniQure, tutti i pazienti HOPE-B hanno raggiunto l'attività FIX allo stato stazionario entro 26 settimane.

"Di conseguenza, ora condurremo come unico endpoint primario un'analisi di non inferiorità di ABR a 78 settimane dopo la somministrazione", ha detto l'azienda, notando che tutti i pazienti dovrebbero aver completato le loro 78 settimane di visite di follow-up entro la fine del terzo trimestre del 2021, per consentire un potenziale deposito normativo all'inizio del prossimo anno.