PharmaMar comunica che i dati dello studio multicentrico di fase 3 SAR3007, resi noti dal dipartimento Ricerca e sviluppo di Janssen, LLC (Janssen), hanno evidenziato un significativo miglioramento della sopravvivenza libera da progressione (PFS) dopo il trattamento con trabectedina (YONDELIS®) rispetto al trattamento con dacarbazina in pazienti con liposarcoma (LPS) o leiomiosarcoma (LMS) avanzato precedentemente trattati con antracicline e sottoposti ad almeno un regime chemioterapico aggiuntivo.
Il SAR3007 è il più grande studio randomizzato di fase 3 mai condotto su questa popolazione di pazienti. Questi dati sono stati resi pubblici ieri in una presentazione orale al Meeting annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) tenutosi a Chicago, IL.
Il sarcoma dei tessuti molli (STS) è un tipo di tumore che ha origine nei tessuti molli che connettono, sostengono e circondano altre strutture anatomiche, come muscoli, tessuto adiposo, vasi sanguigni, nervi, tendini e il rivestimento delle articolazioni. LPS e LMS sono tra i più comuni tipi di STS degli adulti e costituiscono il 40-50% circa di tutti i casi di STS.
"Il sarcoma avanzato dei tessuti molli è una patologia complessa e rara, e i pazienti che ne vengono colpiti hanno bisogno di nuove opzioni di trattamento, autorizzate dalla FDA", ha detto George Demetri, MD, Direttore del Center for Sarcoma and Bone Oncology presso il Dana-Farber Cancer Institute e professore presso la Harvard Medical School. "Nel sarcoma dei tessuti molli, la stabilizzazione della patologia costituisce un rilevante parametro di valutazione riguardo al successo del trattamento dei pazienti con malattia avanzata. I dati di sicurezza provenienti da questo studio si sono dimostrati coerenti con gli eventi avversi registrati in precedenti studi e durante l'uso clinico della trabectedina in tutti quei Paesi, al di fuori degli Stati Uniti, in cui tale molecola è stata autorizzata per il trattamento di questa malattia tanto aggressiva."
La trabectedina è stata autorizzata per il trattamento del STS avanzato come singolo agente in 77 Paesi situati in Nord America, Europa, Sud America e Asia con il nome commerciale YONDELIS®. Il 24 novembre 2014, Janssen ha presentato alla Food and Drug Administration una New Drug Application (Richiesta di autorizzazione per nuovo farmaco) relativa a YONDELIS® alla quale il 3 febbraio 2015 è stata garantita una procedura di Priority Review (esame con priorità).
In questo studio randomizzato di fase 3 controllato con farmaco attivo in pazienti con LPS o LMS avanzato, la trabectedina ha ridotto significativamente il rischio di progressione della malattia o di decesso del 45% rispetto a quanto osservato nei pazienti che hanno ricevuto dacarbazina (rapporto di rischio [HR] = 0,550; p <0,0001; mediana [M] 4,2 rispetto a 1,5 mesi, rispettivamente), con risultati convalidati tramite verifica affidata di radiologi indipendenti. Il miglioramento della PFS conseguente al trattamento con trabectedina è stato costantemente osservato in tutti i sottogruppi clinicamente rilevanti, ulteriormente sostenuto da un aumento del tasso di risposta obiettiva, da una più lunga durata della risposta e da un più elevato tasso di beneficio clinico rispetto alla dacarbazina. Poiché l'analisi ad interim della sopravvivenza complessiva (OS) non ha soddisfatto l'endpoint primario OS, i risultati finali della OS sono in fase di accertamento, e saranno presentati in un incontro futuro. I risultati degli endpoint secondari di efficacia sono invece maturi.
I risultati di sicurezza sono stati coerenti con i ben caratterizzati profili di sicurezza di entrambi gli agenti, evidenziando più comunemente un grado di tossicità 3-4 per la trabectedina rispetto ai gruppi trattati con dacarbazina, con diminuzione della conta assoluta dei neutrofili (40% rispetto a 25%), riduzione delle piastrine (19% rispetto a 20%) e transitori aumenti delle transaminasi epatiche, tra cui l'alanina transaminasi (ALT), (29% rispetto a 1%). I decessi correlati al trattamento farmacologico sono stati del 2,1% nei pazienti del gruppo di trattamento con trabectedina rispetto allo 0% del gruppo di trattamento con o dacarbazina.
Informazioni sullo studio SAR3007
Lo studio multicentrico di fase 3 SAR3007 ha confrontato gli effetti del trattamento con trabectedina (YONDELIS®) rispetto alla dacarbazina in pazienti con liposarcoma (LPS) o leiomiosarcoma (LMS) avanzato precedentemente trattati con antracicline e sottoposti ad almeno un regime chemioterapico aggiuntivo. L'endpoint primario è stato la sopravvivenza complessiva (OS), mentre gli endpoint secondari comprendevano sopravvivenza libera da progressione (PFS), tempo alla progressione (TTP), tasso di risposta obiettiva (ORR), durata della risposta (DOR), gravità dei sintomi e sicurezza. Entrambi i trattamenti sono stati somministrati per infusione endovenosa ogni tre settimane, con trabectedina alla dose di 1,5 mg/m2 in 24 ore rispetto a dacarbazina alla dose di 1 g/m2 in 20-120 min. Il novantaquattro percento dei partecipanti allo studio si trovava negli Stati Uniti.
Informazioni sul sarcoma dei tessuti molli
Il sarcoma dei tessuti molli è un tipo di tumore che ha origine nei tessuti molli che connettono, sostengono e circondano altre strutture anatomiche, come muscoli, tessuto adiposo, vasi sanguigni, nervi, tendini e il rivestimento delle articolazioni. Si stima che nel 2015, solo negli Stati Uniti, verranno diagnosticati circa 12.000 nuovi casi di sarcoma dei tessuti molli e che tale patologia porterà al decesso circa 4.870 pazienti. Il leiomiosarcoma è un tipo aggressivo di sarcoma dei tessuti molli che colpisce la muscolatura liscia, come quella dell'utero, del tratto gastrointestinale o quella che riveste i vasi sanguigni.  Il liposarcoma ha origine nelle cellule adipose e benché si manifesti con maggiore frequenza nella coscia e nella cavità addominale, può insorgere nelle cellule adipose di qualsiasi altra parte del corpo.