Trapianto di staminali, trapianto di microbiota fecale efficace contro la GVHD acuta

Il trapianto di microbiota fecale potrebbe essere un'opzione efficace per trattare la malattia del trapianto contro l'ospite (graft-versus-host-disease, GVHD) acuta dell'intestino nei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali. A suggerirlo è un interessante studio pilota appena pubblicato su Blood.

Il trapianto di microbiota fecale potrebbe essere un’opzione efficace per trattare la malattia del trapianto contro l’ospite (graft-versus-host-disease, GVHD) acuta dell'intestino nei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali. A suggerirlo è un interessante studio pilota appena pubblicato su Blood.

"Anche se il trapianto allogenico di cellule staminali è un trattamento curativo per varie malattie ematologiche, la GVHD rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità" scrivono gli autori, guidati da Kazuhiko Kakihana, della divisione di ematologia del Komagome Hospital di Tokyo. "I farmaci usati come terapia di prima linea per la GVHD acuta sono i glucocorticoidi, ma solo la metà circa dei pazienti risponde a questo trattamento e non è ancora stato definito alcun trattamento di seconda linea".

Il trapianto di microbiota fecale potrebbe rappresentare un’alternativa terapeutica per la GVHD acuta ma nei pazienti sottoposti al trapianto di staminali implica un possibile rischio di infezione legato al forte stato di immunosoppressione di questi soggetti.

I ricercatori giapponesi hanno quindi eseguito uno studio pilota per testare la sicurezza di questa procedura, a cui hanno sottoposto quattro pazienti che avevano sviluppato una GVHD acuta intestinale dopo un trapianto di cellule staminali eseguito per curare una leucemia mieloide acuta. Di questi, tre avevano una GVHD acuta resistente agli steroidi e uno aveva una GVHD acuta steroide-dipendente.

Il trapianto è stato fatto da donatore e i coniugi dei pazienti e i parenti che avevano superato lo screening per le malattie trasmissibili hanno donato sospensioni fecali con un volume mediano compreso fra 180 ml e 230 ml. Dopo una mediana di 92 giorni dal trapianto di cellule staminali i ricercatori hanno eseguito la prima delle due somministrazioni della sospensione.

Kakihana e i colleghi hanno quindi monitorato la progressione degli effetti avversi la settimana successiva all’ infusione e poi hanno valutato le risposte 28 giorni dopo l'inizio del trattamento.

Ogni paziente ha ricevuto la prima infusione del trapianto di microbiota fecale durante il trattamento con metilprednisolone e mentre stava manifestando le complicanze infettive al momento del primo trapianto.

Il trapianto di microbiota fecale è apparso efficace in tutti i quattro pazienti, riferiscono gli autori. Tre pazienti hanno raggiunto una risposta completa e uno ha ottenuto una risposta parziale. I pazienti con GVHD resistente agli steroidi hanno mostrato un miglioramento dei sintomi gastrointestinali entro alcuni giorni dal trattamento.

Un paziente ha avuto la febbre e manifestato una recidiva di GVHD acuta dopo che i ricercatori avevano somministrato quantità ridotte di metilprednisolone e tacrolimus. Gli autori osservano, tuttavia, che le feci del paziente erano dominate da batteri del genere Escherichia, che in precedenza erano risultati correlati con la GVHD nei topi.

"Il trapianto di microbiota fecale è stato eseguito in sicurezza in pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali e appare promettente come potenziale opzione terapeutica per la GVHD acuta" concludono Kakihana e i colleghi, aggiungendo che servono ora ulteriori valutazioni per confermare la sicurezza e l'efficacia del trapianto di microbiota fecale per la GVHD acuta. 

Inoltre, scrivono gli autori, “nonostante il piccolo numero di pazienti, i nostri risultati sono di grande suggestione per chiarire le associazioni tra microbiota e immunità umana".


K. Kakihana, et al. Fecal microbiota transplantation for patients with steroid-resistant/dependent acute graft-versus-host disease of the gut. Blood. 2016;doi:10.1182/blood-2016-05-717652.
leggi