L’antagonista di NK1 aprepitant sembra efficace nel ridurre la nausea e il vomito nei pazienti in terapia con oxaliplatino, secondo i risultati dello studio SENRI presentato a Barcellona in occasione del 17° World Congress on Gastrointestinal Cancer 2015.

Aprepitant è un antagonista selettivo dei recettori per la sostanza P/neurochinina-1 (NK1), uno dei mediatori, insieme alla serotonina e all'istamina, coinvolti nell'insorgenza del vomito indotto dalla chemioterapia.

Lo studio SENRI ha valutato l’efficacia di aprepitant come farmaco antiemetico in pazienti con carcinoma al colon retto trattati con chemioterapia a base di oxaliplatino in Giappone. Nello studio, i partecipanti sono stati randomizzati a ricevere un antagonista del recettore 5-HT3 + desametasone + aprepitant o fosaprepitant o la stessa terapia senza aprepitant, durante il primo ciclo di chemioterapia. Tutti i pazienti sono stati trattati con aprepitant durante il secondo ciclo di chemioterapia. L’endpoint principale dello studio era la percentuale di pazienti senza nausea e vomito da chemioterapia.

Il trial ha arruolato 413 pazienti provenienti da 25 centri in Giappone. Un numero significatovamente superiore di partecipanti trattati con aprepitant non ha presentato nausea e vomito da chemioterapia sia durante il trattamento, che in fase tardiva (95,7% vs. 83,6% e 95.7% vs. 84,7%, rispettivamente), rispetto al gruppo di controllo. Nel gruppo di controllo, il 64% delle donne ha avuto una risposta completa rispetto all'81% degli uomini. Nel gruppo trattato con aprepitant, il 78% delle donne ha avuto una risposta completa rispetto al 90% degli uomini. Nelle donne, il tasso di risposta completa, quindi assenza di nausea e vomito, era significatovamente superiore con aprepitant.

“Questo studio dimostra che la combinazione dei tre farmaci antiemetici aumenta significativamente l’incidenza di nausea e vomito da chemioterapia”, spiegano gli autori. “I nostri dati dimostrano che questa combinazione di farmaci può rappresentare una valida opzione di trattamento antiemetico nei pazienti con tumore al colon retto sottoposti a chemioterapia a base di oxaliplatino. I maggiori risultati sono stati osservati nelle donne che presentano più frequentemente nausea e vomito durante la chemioterapia. L’aggiunta di aprepitant ha aumentato il tasso di risposta completa sia negli uomini che nelle donne, dal 64% al 78% nelle donne e dall’81% al 90% negli uomini”, concludono li autori.

A phase III trial of aprepitant in colorectal cancer patients receiving oxaliplatin-based chemotherapy (SENRI Trial).