Tumore rettale in stadio yp II/III, FOLFOX in adiuvante dimostra un miglioramento della DFS

I pazienti con carcinoma del retto resecato presentano una sopravvivenza libera da malattia (DFS) più prolungata se al regime con fluorouracile/leucovorin (FL) viene aggiunto oxaliplatino.
I dati a lungo termine dello studio ADORE sono stati presentati da Tae Won Kim, MD, dell'University of Ulsan College of Medicine, Seoul, Corea, all' ASCO Meeting, tenutasi dall'1 al 5 giugno scorso a Chicago.

I pazienti con carcinoma del retto resecato presentano una sopravvivenza libera da malattia (DFS) più prolungata se al regime con fluorouracile/leucovorin (FL) viene aggiunto oxaliplatino.
I dati a lungo termine dello studio ADORE sono stati presentati da Tae Won Kim, MD, dell'University of Ulsan College of Medicine, Seoul, Corea, all’ ASCO Meeting, tenutasi dall'1 al 5 giugno scorso a Chicago.

La DFS a 6 anni è stata infatti del 68,2% per FOLFOX (leucovorin, 5-FU, oxaliplatino), rispetto al 56,8% per il regime FL (HR stratificato, 0,63; 95% per l'IC, 0,43-0,93; P = 0,018).
Lo studio ADORE ha incluso 321 pazienti con carcinoma rettale resecato e stadio yp II/III postoperatorio dopo chemioradioterapia preoperatoria con fluoropirimidine. I pazienti sono stati sottoposti a chemioterapia adiuvante con FL o FOLFOX per 4 mesi. L'endpoint primario era la DFS. Al follow-up mediano di 74.1 mesi, ci sono stati 46 eventi DFS nel braccio FOLFOX e 65 nel braccio FL.

Sebbene si sia verificata una differenza nella DFS per l'intera popolazione di pazienti assegnati a FOLFOX, un'analisi in sottogruppi ha identificato i pazienti che maggiormente beneficiano di questo regime: quelli in stadio III, ypN2, istologia ad alto grado, tumore con regressione minima e assenza di invasione linfovascolare o perineurale. Lo stadio caratterizzato da “yp” si riferisce alla stadiazione finale dopo chemioradioterapia neoadiuvante (y) e all'esame patologico postoperatorio (p).

I ricercatori hanno anche esaminato i risultati in rapporto allo stadio della malattia. Quest’analisi fornisce ulteriori informazioni per la selezione dei pazienti. Tra quelli con stadio yp III, la DFS a 6 anni è stata del 63,2% per FOLFOX rispetto al 48,3% per FL, con una differenza del 14,9% (HR stratificato, 0,59; IC 95%, 0,38-0,92; P = 0,0019).

Per lo stadio yp II si è registrata una differenza non significativa dell'8,3%; la DFS a 6 anni era del 77,8% per FOLFOX e del 69,5% per FL. In termini di sopravvivenza globale, non ci sono state differenze nei risultati tra i due bracci dello studio. La percentuale di OS a 6 anni è stata del 78,1% per il FOLFOX, rispetto al 76,4% per il FL.

Commentando questi risultati, Cathy Eng, del Centro per il Cancro dell'Anderson MD dell'Università del Texas, ha affermato "I dati dello studio ADORE sono i migliori finora disponibili a indicare il fatto che FOLFOX in adiuvante, nei pazienti con stadio yp III, migliora la DFS nel tradizionale modello terapeutico che prevede la chemioradiazione neoadiuvante". Ha poi aggiunto che, sebbene lo studio ADORE non abbia dimostrato un miglioramento della OS, pochi studi in questo setting lo hanno fatto.

Anche Mehmet Sitki Copur, MD, del Centro San Francesco per il Cancro, Grand Island, Nebraska, ha espresso le sue valutazioni circa i risultati dello studio: "Dopo la chemioradioterapia, il 20% dei pazienti affetti da cancro rettale ottiene una risposta patologica completa, mentre dal 25% al 70% finiscono per non essere in grado di ricevere o completare la chemioterapia adiuvante, per svariati motivi. L’indicazione alla chemioterapia adiuvante in pazienti con cancro rettale è stata in realtà estrapolata da due grandi metanalisi e dai dati sul tumore del colon.

Con lo studio ADORE, ora disponiamo di dati prospettici che dimostrano un miglioramento complessivo della DFS con FOLFOX. Le analisi per sottogruppi forniscono ulteriori informazioni per l'uso selezionato di questo regime. È anche interessante anche vedere che, dal 94% al 96% dei pazienti ha completato i cicli pianificati di chemioterapia adiuvante con una dose-intesity che varia dall'86% al 95%.

Yong Sang Hong et al. Long-term results of the ADORE trial: Adjuvant oxaliplatin, leucovorin, and 5-fluorouracil (FOLFOX) versus 5-fluorouracil and leucovorin (FL) after preoperative chemoradiotherapy and surgery for locally advanced rectal cancer. Presentato all’ASCO Meeting 2018