Tumori, con chemio a basse dosi alopecia si riduce del 99%. A Monza nasce la scuola internazionale di metronomica

Farmaci anticancro a basso dosaggio, anche tutti i giorni. È la chemioterapia metronomica, una innovativa strategia che prevede una terapia orale con una frequenza che va dal quotidiano alle due/tre volte alla settimana. A marzo a Monza inizieranno i primi corsi dell'International School of Metronomic Chemotherapy, una iniziativa resa possibile grazie a un grant incondizionato dei Laboratories Pierre Fabre.

Farmaci anticancro a basso dosaggio, anche tutti i giorni. È la chemioterapia metronomica, una innovativa strategia che prevede una terapia orale con una frequenza che va dal quotidiano alle due/tre volte alla settimana.

“Non solo ha una tossicità diretta sulle cellule tumorali - afferma Marina Cazzaniga, Direttore del Centro di ricerca di Fase I - ASST Monza - ma anche un effetto sul loro microambiente, poiché inibisce l'angiogenesi neoplastica, in altre parole il meccanismo di formazione di nuovi vasi sanguigni, responsabile di crescita tumorale e metastasi. La sua efficacia è dimostrata in alcune forme di tumore al seno, del polmone, linfomi, neoplasie pediatriche e in molti casi di tumori in stadio avanzato. Non è solo efficace, ma ha anche un profilo di bassa tossicità, è in grado di modulare la risposta immunitaria, riduce gli effetti collaterali - meno dell’1% presenta alopecia e la tossicità neurologica è inferiore al 5% - e può portare alla cronicizzazione della malattia. Senza contare l’enorme risparmio economico che offre una terapia “a domicilio”.

A marzo inizieranno i primi corsi dell’International School of Metronomic Chemotherapy, una iniziativa resa possibile grazie a un grant incondizionato dei Laboratories Pierre Fabre.

“Con questa scuola, gratuita e accessibile online, abbiamo voluto offrire, nell’interesse dei pazienti e della ricerca, una piattaforma educazionale che rende disponibili tutte le conoscenze accumulate in questi anni di studi” annuncia la Dott.ssa Cazzaniga, fondatrice e presidente della scuola. “Vogliamo migliorare la divulgazione di questo particolare tipo di trattamento, i suoi meccanismi d'azione caratteristici, i risultati più recenti su diversi tipi di tumore, oltre a contribuire allo scambio scientifico tra medici, clinici e ricercatori. La scuola accoglie laureandi in Medicina, oncologi, radioterapisti, chirurghi, ginecologi, infermieri, farmacisti e farmaco-economisti di tutto il mondo”.



Nel 2019 nella sola Europa si stimano 3,9 milioni di nuovi casi e oltre 1,9 milioni di morti per cancro. In Italia, dove la proiezione è di 373.300 nuovi casi di tumore, mediamente ogni giorno oltre 485 persone muoiono a causa di una neoplasia.

“La chemioterapia metronomica ha un potenziale enorme – sottolinea la Dott.ssa Cazzaniga - pensiamo solo all’accesso alle cure nei Paesi poveri, dove anche riuscire a raggiungere un ospedale è tutt’altro che semplice. Inoltre i farmaci che usiamo non sono molto costosi. A breve avremo i risultati di un nuovo studio in real life, ma quello che abbiamo condotto negli ultimi anni ci ha riservato risultati sorprendenti: la terapia sarebbe efficace non solo negli stadi più avanzati di tumore al seno in cui l’ormonoterapia ha fallito, ma anche in quelli meno avanzati. Le opportunità di impiego della metronomica si allargano ogni giorno”.

Gioco di squadra per il successo della terapia, con un ruolo chiave per l’infermiere clinico. La Dott.ssa Olga Trevisi, Infermiera di Ricerca clinica, Centro di ricerca di Fase I - ASST Monza racconta la sua esperienza: “la Terapia Metronomica rende il paziente soggetto di cura e non oggetto di cura. L’infermiere affianca il paziente nel suo percorso mettendo in atto strategie assistenziali che necessitano di un approccio con il paziente assolutamente innovativo”.

Al centro dunque c’è il paziente. Interessante la testimonianza della signora Antonella Parma: “sembrerà poca cosa, ma con questa terapia non ho perso i capelli, come sarebbe potuto accadere con la chemio tradizionale – dichiara la donna, in trattamento con la terapia metronomica da 9 mesi - inoltre non sono costretta ad eseguire spesso gli esami del sangue. Faccio i miei controlli quando vado in ospedale a ritirare le compresse per la terapia. Sostanzialmente posso continuare a fare la mia vita”.

“Dobbiamo lavorare sulla giusta dose di farmaco – conclude Cazzaniga – poiché ad oggi appare chiaro che dosi e tempi di somministrazione differenti dello stesso farmaco inducono effetti diversi sulla cellula tumorale e su quello che la circonda, ovvero il cosiddetto micro-ambiente tumorale. Modulando la dose e la cadenza di somministrazione possiamo avere azioni ed effetti diversi: sui vasi tumorali, sulla stimolazione della risposta immunitaria oppure sulle cellule staminali tumorali. A giugno presenteremo i risultati di uno studio sui profili farmacocinetici. L’attività scientifica sulla concentrazione ottimale di farmaco è determinante nel futuro della chemioterapia metronomica. Ma dovremo occuparci anche di comprendere quali pazienti possano beneficiarne in modo sostanziale, quali farmaci possano essere indicati, quale impostazione del trattamento