Tumori GIST, elevata sopravvivenza a 10 anni con imatinib. Studio su JAMA Oncology

Nove anni fa, i ricercatori del network oncologico americano e canadese SWOG avevano confermato la disponibilità di un nuovo standard di cura per i pazienti con tumori stromali gastrointestinali (GIST) incurabili, ipotizzando che sarebbero potuti sopravvivere anche a lungo se posti in trattamento con imatinib mesilato. Adesso i ricercatori SWOG hanno completato uno studio a lungo termine da cui emerge che quasi un paziente su quattro trattati con imatinib sopravviverà 10 anni, nonostante la malattia. I risultati sono appena stati pubblicati in JAMA Oncology.

Nove anni fa, i ricercatori del network oncologico americano e canadese SWOG avevano confermato la disponibilità di un nuovo standard di cura per i pazienti con tumori stromali gastrointestinali (GIST) incurabili, ipotizzando che sarebbero potuti sopravvivere anche a lungo se posti in trattamento con imatinib mesilato. Adesso i  ricercatori SWOG hanno completato uno studio a lungo termine da cui emerge che quasi un paziente su quattro trattati con imatinib sopravviverà 10 anni, nonostante la malattia. I risultati sono appena stati pubblicati in JAMA Oncology.

"Questa è una scoperta davvero emozionante", ha dichiarato Michael Heinrich, un investigatore SWOG e professore di medicina e biologia cellulare alla Oregon Health & Science University di Portland dove ha sede la SWOG. "Fino a quando imatinib non è arrivato sulla scena, circa 15 anni fa, i pazienti con GIST avanzati avevano una speranza di vita di appena 18 mesi. Ora abbiamo imparato che alcuni potrebbero vivere un decennio o più. E siamo arrivati a capire anche quali sottogruppi di pazienti traggono maggior beneficio della somministrazione di imatinib ".

In uno studio pubblicato da poco su JAMA Oncology, i ricercatori SWOG, la comunità di ricerca internazionale sul cancro sostenuto dal National Cancer Institute, riportano un follow-up dei pazienti inizialmente arruolati in S0033, un trial SWOG sostenuto da altri gruppi della National Clinical Trials Network (NCTN). Si tratta di uno studio di fase III, che ha avuto inizio.
I primi risultati pubblicati nel 2008 avevano confermato imatinib come un trattamento efficace per i pazienti con GIST avanzati, e facevano raccomandare che la terapia iniziasse con una dose giornaliera di 400 mg.

Il team SWOG ha deciso di raccogliere i dati post-studio su pazienti del trial S0033, e dal 2011 al 2015 hanno raccolto informazioni. Come parte della loro ricerca, il team ha utilizzato tecnologie di sequenziamento del DNA di prossima generazione su alcuni campioni di tessuto tumorale prelevati per lo studio S0033, che erano stati depositati in una banca di biospecimen. Il team ha rianalizzato il  tessuto proveniente da 20 pazienti originariamente classificati come aventi un tumore wild-type, uno senza alcuna mutazione di KIT, un gene implicato nell’85-88 per cento di tutti i tumori GIST.

L'analisi ha mostrato che dei 695 pazienti idonei originariamente arruolati nello studio S0033, 189 sono sopravvissuti otto anni o più, con una stima di 10 anni di sopravvivenza globale del 23 per cento,  quasi uno su quattro. Il sequenziamento del DNA ha anche mostrato che i tassi di sopravvivenza erano significativamente più alti nei pazienti con mutazioni del gene KIT (esone-11), se confrontato con i pazienti il cui tumore aveva una mutazione del KIT a carico dell’esone-9 o senza mutazioni KIT o mutazioni nella crescita del gene del recettore del fattore derivato dalle piastrine (Platelet-Derived Growth Factor Receptor Alpha o PDGFRA).

"I nostri risultati dimostrano due cose", ha detto Heinrich. "Uno è che imatinib ha rivoluzionato il trattamento per i pazienti con GIST avanzato. I nostri risultati evidenziano anche l'importanza di archiviare campioni biologici per guidare nuove scoperte scientifiche, e come i test sulle metazioni del tumore sia in grado di ottimizzare il trattamento per i pazienti affetti da cancro."

GIST sono diversi dai tipi più comuni di tumori gastrointestinali a causa del tipo di tessuto in cui iniziano. I GIST appartengono a un gruppo di tumori chiamati sarcomi dei tessuti molli che si sviluppano nei tessuti che sostengono e collegano il corpo, compresi i muscoli, nervi, tendini e articolazioni. GIST è un tumore raro, con circa 6.000 nuovi casi diagnosticati negli Stati Uniti ogni anno.

I ricercatori della Oregon Health & Science University hanno aperto la strada al trattamento dei GIST. Il Dr. Brian Druker, direttore dell’OHSU Knight Cancer Institute, ha condotto l'opera più influente nello sviluppo di imatinib, e ricercatori OHSU aver fatto parte di importanti scoperte nel uso del farmaco per il trattamento di GIST, così come la leucemia mieloide cronica ( CML) e la leucemia linfoblastica acuta (ALL).

Michael Heinrich, Cathryn Rankin, Charles D. Blanke et al. Correlation of Long-term Results of Imatinib in Advanced Gastrointestinal Stromal Tumors With Next-Generation Sequencing Results. JAMA Oncology
leggi