Martedì 29 Ottobre, al Circolo Filologico di Milano, verrà presentato il sito www.fondazionemattioli.it realizzato dall’IRCCS-Istituto ‘Mario Negri’ e dalla Fondazione Mattioli per spiegare a un pubblico non specializzato su come procede la ricerca sui tumori ginecologici.

“Nel sito – sostiene la Presidente della Fondazione, Paola Mosconi, che guida anche il Laboratorio per il cittadino in sanità dell’IRCCS-Istituto Mario Negri – verranno presentati in modo semplice e divulgativi i metodi usati sia nella ricerca preclinica – dalle cellule staminali, all’angiogenesi, alla genomica, sia nella ricerca clinica con studi multicentrici. La ricerca scientifica, benché complessa, non deve spaventare, al contrario è importante che i cittadini la conoscano sempre più per capire meglio l’evoluzione dei risultati ottenuti. Nell’interesse di una buona e corretta informazione la Fondazione si sta, appunto muovendo per facilitare la comprensione dei metodi della ricerca pre-clinica e clinica”.

La multidisciplinarietà della ricerca è fondamentale per ottenere risultati che arrivino quanto prima alla persona con malattia. La ricerca pre-clinica e la ricerca clinica devono continuamente comunicare per capire la potenzialità di ogni nuovo dato disponibile dalla ricerca. La Fondazione Nerina e Mario Mattioli Onlus in stretta collaborazione con il Dipartimento di Oncologia dell’IRCCS-Istituto Mario Negri ha proprio lo scopo di facilitare questo scambio, in particolare nell’ambito dei tumori ginecologici.

“Questo convegno – afferma Maurizio D’Incalci, Capo del Dipartimento di Oncologia dell’IRCCS-Istituto Mario Negri – è una occasione importante per avvicinare cittadini e pazienti alla ricerca, farne capire la complessità e la necessità che rigorose metodologie di ricerca vengano sviluppate per arrivare, ad esempio, a migliorare il trattamento del tumore dell’ovaio”.

In Italia ogni anno si verificano circa 17 nuovi casi di tumore all’ovaio su 100.000 donne, purtroppo nel 60-70 % dei casi il tumore si diagnostica quando è in fase avanzata, cioè quando il tumore si è diffuso ai tessuti circostanti. I tumori dell’ovaio rappresentano il sesto tipo di cancro più comune nelle donne europee nonché la prima causa di morte per tumore nella sfera genitale femminile.

Dal 1995, la Fondazione Nerina e Mario Mattioli Onlus ha contribuito a sviluppare e catalizzare la collaborazione inter-disciplinare e favorire il rapido trasferimento di conoscenze tra laboratorio e clinica, nella speranza di ottenere benefici per tutte le pazienti affette da tumori dell’apparato genitale femminile, in particolare il tumore dell’ovaio.