Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Quali sono le conseguenze della spondilite anchilosante e perchè bisogna curarla subito


Spondilite anchilosante: le 5 cose che un paziente deve sapere


SaichelaSA: una campagna web per far conoscere la spondiloartrite anchilosante e come sconfiggerla


Dolore dell'artrosi: efficacia analgesica dei FANS a confronto


Quanto calcio serve per contrastare la osteosarcopenia?


Osteosarcopenia: tutto quello che hai sempre voluto sapere


Osso e muscolo sono interdipendenti e comunicano tra loro


Interazione endocrino-metabolica tra osso e muscolo scheletrico


Maternità e malattie reumatiche: le 5 cose da sapere


Gravidanza non più un tabù per le donne con malattie reumatiche. Al via #anchiomamma


Magna via Francigena, una camminata lunga 180 chilometri per i malati di fibromialgia


I progressi per i malati di fibromialgia per il riconoscimento della malattia


Nella cura della fibromialgia la Cannabis terapeutica funziona?


Una legge in arrivo per il riconoscimento della fibromialgia


Ci sono delle agevolazioni per i pazienti con fibromialgia?


Le ricerche scientifiche dell’AISF: camera iperbarica, registro sulla Cannabis e nordic walking


Ci sono dei fattori psicologici che predispongono alla fibromiagia?


Fibromialgia: i campanelli di allarme di natura fisica


Per curare la fibromialgia: si possono utilizzare le tecniche di neurostimolazione? PRO e CONTRO


Dobbiamo aspettare la diagnosi di fibrolmialgia secondo i criteri standard o possiamo intervenire prima? PRO e CONTRO


Algodistrofia: le 5 cose da sapere per una cura efficace


Conosciamo meglio l'algodistrofia, quali sono i sintomi, come si diagnostica e come si cura


ARTICOLI

Arterite a cellule giganti, in fase III tocilizumab mantiene la remissione senza steroidi

Roche ha annunciato i risultati positivi emersi dallo studio di fase III GiACTA, che ha valutato tocilizumab in pazienti affetti da arterite a cellule giganti (ACG). Si tratta della più ampia sperimentazione mai condotta sull'ACG e della prima ad avv[...]

Sclerosi sistemica inattiva: ridurre gradualmente l'impiego di GC si può (in alcuni pazienti)

Il trattamento con glucocorticoidi (GC) può essere gradualmente ridotto e sospeso in alcuni pazienti con sclerosi sistemica (Ssc) inattiva, in particolare in quei pazienti che mostrano una minore disabilità iniziale, stando ad uno studio italiano di [...]

Sclerosi sistemica, delude macitentan in Fase III

Il trattamento con macitentan (inibitore recettoriale delle endoteline) non riduce la comparsa di nuove ulcere digitali ischemiche in pazienti affetti da sclerosi sistemica (Ssc) ma, al contrario, aumenta leggermente l'incidenza di eventi avversi (AE[...]

Vasculiti ANCA-associate, ok in fase II per inibitore recettoriale componente 5a del complemento

Il trattamento di pazienti affetti da vasculiti ANCA-associate con il farmaco sperimentale CCX168, un inibitore recettoriale della componente 5a del sistema del complemento, è paragonabile, per efficacia, al trattamento con lo SoC, rappresentato dagl[...]

Artrite reumatoide, quale legame tra obesità e remissione di malattia?

L'obesità avrebbe effetti negativi su alcuni outcome legati all'artrite reumatoide, quali la probabilità di raggiungere la condizione di remissione di malattia. Un BMI elevato, inoltre, avrebbe anche un impatto negativo sull'attività di malattia nonc[...]

Sindromi periodiche associate alla criopirina (CAPS), conferme di safety a lungo termine con anakinra

In pazienti affetti da sindromi periodiche associate alla criopirina (note con l'acronimo CAPS), sia adulti che pediatrici, il trattamento a lungo termine con anakinra fino a 5 anni è sicuro e ben tollerato, con una concentrazione della maggior parte[...]

Artrite reumatoide all'esordio, combinazione certolizumab-MTX superiore alla monoterapia con MTX

I pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) all'esordio, trattati con una combinazione a base di certolizumab pegole (CTZ) in associazione con MTX a dose ottimizzata sperimentano una risposta clinica sostenuta e una riduzione significativa dell'att[...]

Gotta, trattamento con allopurinolo legato a rischio meno elevato di fibrillazione atriale

L'impiego di allopurinolo è associato ad una riduzione del rischio di incidenza di fibrillazione atriale in pazienti gottosi anziani, soprattutto se il suo utilizzo supera i 6 mesi. Questo il verdetto di uno studio osservazionale pubblicato sulla riv[...]

Spondiloartriti, smentito aumento rischio oncologico in pazienti trattati con farmaci anti-TNF

Il trattamento con farmaci anti-TNF non è associato ad un incremento del rischio oncologico, sia quello in toto che quello specifico per alcune forme tumorali a maggiore incidenza. Questi i risultati di uno studio osservazionale, basato su dati prove[...]

Artrite reumatoide: farmaci anti-TNF ed effetti sui marker di turnover osseo e la densità minerale ossea

Il trattamento con farmaci anti-TNF di pazienti con artrite reumatoide (AR) si associa, a 6 mesi, ad un iniziale incremento del turnover osseo e a un declino della densità minerale ossea (BMD) a livello dell'anca. Lo studio su Calcified Tissue Intern[...]

Osteoporosi, la misurazione dell'uricemia può migliorare la predizione di malattia e del rischio di frattura.

Gli effetti dei diuretici tiazidici sulla densità minerale ossea potrebbero essere mediati, almeno in parte, dalle variazioni delle concentrazioni sieriche di acido urico. Lo studio su Calcified Tissue International.

Lupus, documentati benefici a lungo termine con rituximab

Il trattamento con rituximab è in grado di assicurare, nel lungo termine (>14 anni di follow-up), una riduzione efficace dell'attività di malattia e dell' incidenza di eventi avversi in pazienti con lupus eritematoso sistemico di entità severa o refr[...]

Maggio: mese mondiale dell'osteoporosi

Il GIOSEG, gruppo di studio italiano che si dedica allo studio delle cause endocrinologiche dell'osteoporosi, aderisce alla dichiarazione congiunta dell'American Society for Bone and Mineral Research, la National Osteoporosis Foundation e la National[...]

Artrite reumatoide, impiego DMARD a lungo termine ritarda necessità ricorso artroplastica

I risultati di uno studio di popolazione canadese hanno indicato che, dopo diagnosi di artrite reumatoide (AR), un'esposizione prolungata al trattamento con i DMARD si associa ad un procrastinamento del ricorso all'artroplastica, con sensibili vantag[...]

Lupus, identificati fattori di rischio associati con la progressione del danno

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista The Journal of Rheumatology ha identificato numerosi fattori di rischio, alcuni dei quali modificabili, associati con la progressione del danno in pazienti affetti da lupus eritematoso sistemico (LES).[...]

Artrite reumatoide e parodontosi: esiste un legame?

Stando ai risultati di una metanalisi pubblicata su Frontiers in Immunology, esisterebbe una forte correlazione tra l'artrite reumatoide (AR) e la malattia parodontale. Tale associazione, documentata quando i pazienti con AR sono messi a confronto co[...]

Vasculiti ANCA-associate, nuovi dati a supporto impiego nuovo farmaco anti-CD20 alternativo a rituximab

Il trattamento con ofatumumab, nuovo farmaco anti-CD20 dimostratosi efficace nell'AR refrattaria al metotressato, rappresenta un'alternativa possibile al rituximab nella terapia di deplezione delle cellule B nelle vasculiti ANCA-associate (AAV). Ciò [...]

Artrite reumatoide, incremento del rischio di herpes zoster in pazienti trattati con tofacitinib

I pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) presentano un innalzamento del rischio di herpes zoster associato al trattamento con tofacitinib rispetto ai farmaci biologici. Questo il verdetto proveniente da una review di una casistica assicurativa m[...]

Dolore da osteoartrosi, risultati positivi in Fase 2/3 da anticorpo monoclonale anti-NGF

Fasinumab (REGN475), anticorpo monoclonale sperimentale anti-NGF, sembra avere, in un trial di Fase 2/3, un'azione analgesica efficace in pazienti con dolore da osteoartrosi (OA) moderato-severo all'anca o al ginocchio, non adeguatamente trattati o i[...]

Artrite reumatoide, un buon controllo della malattia con i farmaci anti-TNF dimezza il rischio cardiovascolare

Nei pazienti affetti da artrite reumatoide (AR), un trattamento efficace sull'attività di malattia, ottenuto con farmaci anti-TNF, è propedeutico al dimezzamento del rischio CV in questa popolazione di pazienti. Questo il verdetto di uno studio pubbl[...]