Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Le 3 cose che un nefropatico deve sapere sulla vitamina D


Le 3 cose che un nefropatico deve sapere sulla salute delle sue ossa


Conosciamo il professor Maurizio Rossini, il nuovo presidente della SIOMMMS


Siommms, bilancio dei due anni di presidenza 2017-2019


Premio alla carriera del professor Ranuccio Nuti


Le attività del gruppo YES! della SIOMMMS: un caso clinico multidisciplinare


Osteoporosi severa, si aprono nuove possibilità di cura con il romosozumab


Che cos’è l’ipofosfatemia legata al cromosoma X


Ipofosfatemia legata al cromosoma X, che cos’è e come funziona burosumab


Conosciamo la Sindrome di Ehlers-Danlos


Alendronato, è una molecola ancora attuale per la terapia dell'osteoporosi?


Osteoporosi: meglio terapia sequenziale o combinata?


Linee guida della SIOMMMS sulla vitamina D: le 5 principali novità


Osteoporosi, come stimare il rischio di frattura?


Quali sono le complicanze scheletriche del diabete?


I temi caldi della seconda edizione del congresso nazionale G.E.O.D.E.I.T


Terapia dell'artrite reumatoide, come agiscono le small molecules?


Farmaci inibitori del TNF, il loro utilizzo oggi in artrite reumatoide


Bisfosfonati, utilizzo nell’osteoartrosi e in altre patologie


Edemi ossei nella patologia ossea, caratteristiche cliniche e manifestazioni


Prevenzione delle fratture, importanza della valutazione istomorfometrica


Densitometria ossea, utilizzo oggi e nuove frontiere


ARTICOLI

Reumatologia, per la SIR: “garantire sempre libertà prescrittiva e continuità terapeutica”. La società fa ricorso al TAR contro la gara per un solo biosimilare

La Società Italiana di Reumatologia (SIR) ha presentato ricorso al TAR contro la recente decisione di cinque Regioni (Piemonte, Valle d'Aosta, Lazio, Sardegna e Veneto) di unirsi per la gara d'acquisto di un farmaco biosimilare usato per la cura di a[...]

Artrite reumatoide, è possibile prevedere la remissione sostenuta libera da farmaco?

Uno studio pubblicato su Arthritis Research & Therapy ha postulato l’esistenza di alcuni metaboliti in grado di prevedere il raggiungimento della condizione di remissione di malattia libera da farmaco in pazienti affetti da artrite reumatoide sottopo[...]

Gotta, iperuricemia e mortalità, dimostrata relazione #ACR2018

I pazienti affetti da gotta che non raggiungono il target di uricemia consigliato di 6 mg/dl si caratterizzano per una mortalità più elevata. Questo il messaggio proveniente da uno studio spagnolo recentemente presentato al congresso annuale ACR, che[...]

Artrite reumatoide, il tasso di infezioni non aumenta con il numero cicli trattamento rituximab

Il tasso di infezioni gravi in pazienti con artrite reumatoide trattati con rituximab è rimasto sostanzialmente stabile nel corso di un quinquennio di utilizzo del farmaco nella pratica clinica reale: è quanto dimostrano i risultati di uno studio oss[...]

Spondilite anchilosante, conferme di efficacia e sicurezza con secukinumab a 5 anni #ACR2018

Il trattamento con secukinumab è ben tollerato e non si associa all'emersione di nuovi segnali di safety: è quanto emerge dai dati relativi alla fase di estensione a 3 anni del trial di registrazione MEASURE 1, di durata biennale, presentati nel cors[...]

Artrite reumatoide, metà dei pazienti non modifica la terapia come previsto dalla strategia treat-to-target #ACR2018

Tra i pazienti con artrite reumatoide con attività di malattia moderata/alta, da uno a due terzi non ha modificato la terapia nell'anno successivo all'inizio del trattamento per ottenere una bassa attività di malattia, come raccomandato dall'American[...]

Artrite reumatoide a bassa attività, il dosaggio della terapia biologica può essere ridotto, risparmiando anche sui costi #ACR2018

I pazienti con artrite reumatoide che raggiungono una bassa attività di malattia possono ridurre con successo la dose del farmaco biologico, risparmiando sui costi della terapia, secondo i dati di uno studio presentati al congresso annuale all'Americ[...]

Lupus, belimumab a lungo termine migliora la fatigue e la qualità della vita

I pazienti con lupus eritematoso sistemico che hanno ricevuto un trattamento a lungo termine con belimumab in aggiunta allo standard di cura, hanno mostrato miglioramenti nella fatigue e nelle misure di qualità della vita correlate alla salute, secon[...]

Artrite psoriasica, risultati promettenti con bimekizumab, doppio inibitore IL-17A/17F #ACR2018

In pazienti con artrite psoriasica l'anticorpo monoclonale bimekizumab, un farmaco sviluppato dalla belga UCB che neutralizza sia l'interleuchina (IL) -17A che 17F, si è dimostrato molto efficace nel migliorare le manifestazioni cutanee e articolari [...]

Spondilite anchilosante, ixekizumab efficace fin dalla prima settimana #ACR2018

Nei pazienti con spondiloartrite assiale radiografica attiva e precedente risposta inadeguata o intolleranza a uno o due inibitori del fattore di necrosi tumorale, il trattamento con ixekizumab comporta miglioramenti significativi rispetto al placebo[...]

Artrite reumatoide, terapia biologica più efficace sul danno alle grandi articolazioni se avviata al momento giusto

Nei pazienti con artrite reumatoide trattati con farmaci biologici antireumatici modificanti la malattia, la strategia terapeutica deve tenere conto di parametri come lo stadio della malattia, il punteggio a 18 mesi dell'Health Assessment Questionnai[...]

Artrite reumatoide, upadacitinib batte adalimumab in Fase 3 #ACR2018

Presentati al congresso ACR i risultati di un altro studio del programma di studi clinici SELECT per la registrazione d'impiego del farmaco nell'artrite reumatoide (studio SELECT-COMPARE), che ha dimostrato come la monosomministrazione giornaliera di[...]

Malattia psoriasica, metanalisi attesta efficacia e sicurezza secukinumab ed ustekinumab, con alcune differenze #ACR2018

Se si mettono a confronto i nuovi DMARDb e i DMARDts nel trattamento della malattia psoriasica, secukinumab e ustekinumab sembrano essere le opzioni di trattamento più efficaci con le manifestazioni di malattia attiva (artrite psoriasica nel caso di [...]

Artrite reumatoide, baricitinib conferma safety anche nel lungo termine #ACR2018

I risultati di un’analisi di safety sull’impiego a lungo termine di baricitinib, condotto in pazienti con artrite reumatoide e basata sui risultati di più studi registrativi nonché della fase di estensione a lungo termine di un trial clinico, hanno [...]

20 ottobre: Giornata mondiale dell'Osteoporosi

Fratture da fragilità, non solo ostacolo all'invecchiamento in buona salute, ma anche minaccia silenziosa per il Sistema Sanitario Nazionale.

Sclerosi sistemica, infezioni causa più frequente di ospedalizzazione

I risultati di uno studio pubblicato su Rheumatology hanno dimostrato che le ospedalizzazioni di pazienti con sclerosi sistemica (SSc) a causa di infezioni rappresentano la causa più comune di ricovero ospedaliero e di morte intra-ospedaliera associa[...]

World Osteoporosis Day: ipovitaminosi D, fratture vertebrali, aderenza alle terapie. I 3 punti chiave della European Society of Endocrinology

A Bruxelles l'European Society of Endocrinology incontra 10 europarlamentari e propone un'agenda condivisa per arginare l'impatto socioeconomico dell'Osteoporosi in Europa. Lotta all'ipovitaminosi D, diagnosi precoce delle fratture vertebrali, access[...]

Malattia di Still, inibizione IL-6 non convince del tutto

Uno studio giapponese di recente pubblicazione su ARD ha documentato l’esistenza di alcuni benefici clinici derivanti dall’impiego di tocilizumab nella malattia di Still. Tuttavia, non l’endpoint centrale non è stato soddisfatto, lasciando aperte anc[...]

Spondiloartrite periferica, perchè usare da subito i biologici paga!

E' inutile pensare di raggiungere la remissione di spondiloartrite periferica con i DMARDs da soli: i biologici vanno usati da subito. Questo, in estrema sintesi, il messaggio proveniente dalla fase di estensione di uno studio presentato nel corso de[...]

Artrite idiopatica giovanile, bene canakinumab anche nel lungo termine

Un’analisi dei risultati ottenuti nelle fasi di estensione di due trial clinici di fase 3 ha dimostrato che la risposta al trattamento con canakinumab, in pazienti con artrite idiopatica giovanile (AIG), rimane sostenuta nel tempo e si associa ad una[...]