Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Conosciamo il professor Maurizio Rossini, il nuovo presidente della SIOMMMS


Siommms, bilancio dei due anni di presidenza 2017-2019


Premio alla carriera del professor Ranuccio Nuti


Le attività del gruppo YES! della SIOMMMS: un caso clinico multidisciplinare


Osteoporosi severa, si aprono nuove possibilità di cura con il romosozumab


Che cos’è l’ipofosfatemia legata al cromosoma X


Ipofosfatemia legata al cromosoma X, che cos’è e come funziona burosumab


Conosciamo la Sindrome di Ehlers-Danlos


Alendronato, è una molecola ancora attuale per la terapia dell'osteoporosi?


Osteoporosi: meglio terapia sequenziale o combinata?


Linee guida della SIOMMMS sulla vitamina D: le 5 principali novità


Osteoporosi, come stimare il rischio di frattura?


Quali sono le complicanze scheletriche del diabete?


I temi caldi della seconda edizione del congresso nazionale G.E.O.D.E.I.T


Terapia dell'artrite reumatoide, come agiscono le small molecules?


Farmaci inibitori del TNF, il loro utilizzo oggi in artrite reumatoide


Bisfosfonati, utilizzo nell’osteoartrosi e in altre patologie


Edemi ossei nella patologia ossea, caratteristiche cliniche e manifestazioni


Prevenzione delle fratture, importanza della valutazione istomorfometrica


Densitometria ossea, utilizzo oggi e nuove frontiere


Vitamina D e calcio in soggetti con osteoporosi, chi e quando trattare


Edemi ossei nell’osteoartrosi, quando usare la terapia sistemica


ARTICOLI

Bosentan, efficace sulle ulcere digitali e ben tollorato anche nella ‘real life'

Le ulcere digitali ischemiche sono una delle complicazioni più invalidanti della sclerodermia. Spesso difficili da prevenire e trattare, le ulcere digitali determinano un altissimo rischio di amputazioni e gangrena. Negli ultimi anni, tuttavia, l'uti[...]

Gonartrosi, alcuni benefici con un fattore di crescita dei fibroblasti ricombinante

In uno studio multicentrico proof of concept appena pubblicato online sulla rivista Arthritis & Rheumatology, l'utilizzo del fattore di crescita dei fibroblasti ricombinante umano 18 (rhFGF18, commercializzato da Merck Serono SA) ha mostrato di ralle[...]

Dopo lo stop ad alendronato, scansioni DXA ripetute non predittive delle fratture

L'esecuzione di diverse scansioni DXA (dual-energy X-ray absorptiometry) dopo la sospensione del trattamento con bifosfonati non migliora la capacità di prevedere la fratture cliniche nelle donne in post-menopausa che hanno interrotto la terapia con [...]

Artrite reumatoide, oggi i pazienti vivono più a lungo

L'aspettativa di vita dei pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) è aumentata notevolmente negli ultimi 25 anni. Lo ha detto Sam Norton, del King's College di Londra, durante i lavori del congresso annuale della British Society for Rheumatology, [...]

Tofacitinib, Inibitore delle Janus Chinasi, efficace e sicuro nell'artrite reumatoide

Il trattamento con tofacitinib, per oltre 48 mesi, è sicuro ed efficace in pazienti con artrite reumatoide attiva da moderata a grave. E' quanto emerge dai risultati di uno studio pubblicato sulla rivista The Journal of Rheumatology.

Osteoartrosi, duloxetina meglio di tramadolo e idromorfone

Il trattamento con duloxetina per via orale, in generale, apporta gli stessi giovamenti per l'osteoartrosi (OA) rispetto ad altri trattamenti usati dopo la prima linea secondo quanto dimostrato attraverso il punteggio WOMAC dopo circa 12 settimane di[...]

Monoterapia in AR più diffusa di quanto si pensi, ma tocilizumab è efficace anche così

Tocilizumab, un inibitore del recettore dell'interleuchina 6, è l'unico agente biologico impiegato nel trattamento dell'artrite reumatoide per il quale una forte evidenza ne suggerisca l'impiego anche in monoterapia.

Terapie in reumatologia: il paziente riesce sempre a capire cosa dice il medico?

Il rapido cambiamento delle terapie farmacologiche in reumatologia dall'avvento dei biologici, unito ad un approccio, quello del treat-to-target, sempre più efficace, stanno rapidamente cambiando la comunicazione fra medico e paziente, a vantaggio di[...]

Bazedoxifene associato ad estrogeni coniugati si conferma valida alternativa all'uso di progestinici in menopausa

Dopo la pubblicazione dei risultati dello studio SMART-4 nel giugno 2013, un nuovo studio di fase III randomizzato e controllato conferma il buon profilo di efficacia e sicurezza di bazedoxifene (BZA, Conbriza, Pfizer) in associazione a estrogeni con[...]

Poderosa revisione “ombrello” sulla vitamina D a 360°, individuate le associazioni più probabili

Sul BMJ sono stati pubblicati i risultati di una poderosa review della letteratura riguardante l'efficacia della vitamina D nella prevenzione e nel trattamento di molteplici obiettivi di salute. Sono state vagliate oltre 100 tra revisioni sistematich[...]

Artrosi del ginocchio, pochi benefici con sprifermina nella riparazione della cartilagine

L' utilizzo di sprifermina, un fattore di crescita dei fibroblasti ricombinante sviluppato da Merck KGaA in collaborazione con Nordic Bioscience, ha mostrato un beneficio limitato nella stimolazione della riparazione della cartilagine nell'artrosi de[...]

Artrosi del ginocchio, dall'OARSI notizie deludenti per la glucosamina

Il trattamento di lunga durata con glucosamina, con o senza condroitina, non ha effetti sui sintomi o sulla progressione della malattia nei pazienti con artrosi del ginocchio. E' quanto emerso da uno studio appena presentato al Congresso mondiale del[...]

Migliorare la gestione e la cura delle malattie reumatiche in gravidanza

Le malattie reumatiche si caratterizzano per una varietà di disturbi cronici e multi-sistemici, di per se’ già difficili da controllare. La gravidanza rappresenta una vera e propria sfida per il medico, che deve porre ancor più attenzione alla sicure[...]

Artrosi del ginocchio, pochi benefici con sprifermina nella riparazione della cartilagine

L' utilizzo di sprifermina, un fattore di crescita dei fibroblasti ricombinante sviluppato da Merck KGaA in collaborazione con Nordic Bioscience, ha mostrato un beneficio limitato nella stimolazione della riparazione della cartilagine nell'artrosi de[...]

Lupus refrattario, fa ben sperare il trapianto di staminali mesenchimali

Il trapianto allogenico di cellule staminali mesenchimali si è dimostrato promettente come trattamento per il lupus eritematoso sistemico (LES) refrattario in uno studio multicentrico di fase I/II appena pubblicato su Arthritis Research & Therapy.

Infezioni in AR: dopo la prima minor rischio di nuove infezioni con abatacept ed etanercept

Fra i pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) ricoverati per un'infezione durante il trattamento con anti-TNF, abatacept ed etanercept sono i biologici associati con un rischio ridotto di infezioni successive.

Artrite Reumatoide in fase precoce, il fumo di sigaretta accelera la progressione radiografica

Fumare al momento della diagnosi di artrite reumatoide (AR) in fase precoce è davvero un pericoloso fattore di rischio, perché può portare ad una più rapida progressione radiografica della malattia. A sostenerlo i risultati dello studio SWEFOT.

Artrite reumatoide, bene in fase II il nuovo anti IL-6 sirukumab

Sirukumab, un anticorpo monoclonale sperimentale diretto contro l'interleuchina-6 (IL-6), si è dimostrato efficace nel ridurre i segni e i sintomi dell'artrite reumatoide (AR) in uno studio multicentrico di fase II, randomizzato e controllato, appena[...]

Artrite Reumatoide e etanercept, se e quando interrompere il metotrexato

I pazienti con Artrite Reumatoide (AR) che raggiungono una bassa attività di malattia o la remissione dopo 6 mesi di trattamento con etanercept in combinazione con metotrexato, proseguendo con etanercept in monoterapia rimangono stabili, dopo 12 o 24[...]

Artrite reumatoide, olokizumab efficace e sicuro secondo uno studio di fase IIb

Olokizumab, anticorpo monoclonale umanizzato anti interleuchina 6, secondo uno studio di fase IIb avrebbe determinato, rispetto al placebo, una riduzione statisticamente significativa del Disease Activity Score-28 (DAS28, calcolato su proteina C reat[...]