Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Maternità e malattie reumatiche: le 5 cose da sapere


Gravidanza non più un tabù per le donne con malattie reumatiche. Al via #anchiomamma


Magna via Francigena, una camminata lunga 180 chilometri per i malati di fibromialgia


I progressi per i malati di fibromialgia per il riconoscimento della malattia


Nella cura della fibromialgia la Cannabis terapeutica funziona?


Una legge in arrivo per il riconoscimento della fibromialgia


Ci sono delle agevolazioni per i pazienti con fibromialgia?


Le ricerche scientifiche dell’AISF: camera iperbarica, registro sulla Cannabis e nordic walking


Ci sono dei fattori psicologici che predispongono alla fibromiagia?


Fibromialgia: i campanelli di allarme di natura fisica


Per curare la fibromialgia: si possono utilizzare le tecniche di neurostimolazione? PRO e CONTRO


Dobbiamo aspettare la diagnosi di fibrolmialgia secondo i criteri standard o possiamo intervenire prima? PRO e CONTRO


Algodistrofia: le 5 cose da sapere per una cura efficace


Conosciamo meglio l'algodistrofia, quali sono i sintomi, come si diagnostica e come si cura


Cosa è l’intelligenza artificiale? Prime applicazioni in medicina


Reumatologia: ruolo in terapia del sarilumab, un nuovo anti IL-6


Interessamento polmonare e cardiaco delle vasculiti: come contrastarlo?


Spondilortriti: la complessità va gestita con un approccio multidisciplinare


Health coaching: cosa è, a chi si rivolge, quali sono i suoi vantaggi


Un bilancio delle attività dell’ Osservatorio Epidemiologico GISEA


Attività del golimumab nella vita reale: dati dal registro Biobadaser


Perché l’artrite psoriasica è così difficile da trattare?


ARTICOLI

Artrite reumatoide, dati “real world” confermano efficacia tocilizumab, da solo o in combinazione

Il trattamento con tocilizumab (TCZ) sottocute, da solo o in terapia di combinazione, è un trattamento efficace nell'artrite reumatoide (AR), in particolare nei pazienti con risposta insoddisfacente ai farmaci anti-TNF o in monoterapia con DMARDs. Qu[...]

Spondilite anchilosante e fratture al rachide, quale ruolo per i farmaci biologici?

I farmaci biologici (DMARDb) non sembrano avere un effetto, nel medio termine, sul rischio di frattura spinale legata alla spondilite anchilosante (AS), stando ai risultati di uno studio osservazionale longitudinale di coorte, basato su registro, di [...]

Uveite associata ad JIA, documentata efficacia di adalimumab

Adalimumab rappresenta un trattamento efficace e sicuro in pazienti con uveite associata ad artrite idiopatica giovanile (JIA) cronica, ad insorgenza precoce, o nell'uveite anteriore idiopatica, con risposta non soddisfacente agli steroidi per via to[...]

Lupus, nuova misura di outcome misura risposta a farmaco sperimentale

LLDAS (Lupus Low Disease Activity State), una nuova misura di outcome nei trial sul trattamento farmacologico del lupus, potrebbe in futuro configurarsi come valido endpoint per misurare la risposta ai farmaci testati. E' quanto è stato dimostrato in[...]

Osteoporosi maschile, storia pregressa cadute predice fratture indipendentemente da FRAX

I risultati di una metanalisi, pubblicata su JBMR, hanno dimostrato che una storia pregressa individuale di cadute potrebbe essere di aiuto nella predizione del rischio di fratture ossee, indipendentemente dalla densità minerale ossea e da altri fatt[...]

Malattie infiammatorie croniche, al via workshop su Economia e Farmaci

Analizzare l'impatto economico e sociale della disabilità legata alle malattie infiammatorie in gastroenterologia, dermatologia, reumatologia e apparato respiratorio, che colpiscono milioni di pazienti. Questo l'obiettivo del ‘Workshop di Economia e [...]

Artrite idiopatica giovanile sistemica, OK ai FANS... ma non per tutti

Stando ai risultati di uno studio pubblicato online su Pediatric Rheumatology, che comunque necessita di conferme in trial clinici futuri, il trattamento monoterapico con FANS è in grado di portare a malattia clinicamente inattiva parte della popola[...]

Artrite reumatoide, la menopausa ne accelera il declino funzionale

L'artrite reumatoide (AR) peggiora dopo la menopausa, probabilmente a causa dei più ridotti livelli ormonali ai quali è esposto il sesso femminile in questa fase della vita della donna. A queste conclusioni è giunto uno studio USA di recente pubblica[...]

Gotta e allopurinolo, quanto è sicuro il trattamento T2T nei pazienti con nefropatia cronica?

Il trattamento T2T con allopurinolo è un'opzione terapeutica sicura ed efficace per ridurre l'iperuricemia nella gotta anche in pazienti con clearance della creatinina (CrCL)

Artrite reumatoide e infezioni, rituximab a dose ridotta abbatte il rischio

Il trattamento di pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) con dosi ridotte di rituximab (RTX), rispetto a quelle solitamente utilizzate per la terapia di mantenimento a lungo termine, sembra ridurre il rischio di infezioni gravi, stando ai risult[...]

AR all'esordio e progressione radiografica di malattia, MTX meglio in combinazione da subito che da solo

I risultati di uno studio olandese che ha utilizzato i dati provenienti dal registro DREAM - the Dutch Rheumatoid Arthritis Monitoring registry) hanno dimostrato che l'adozione di un protocollo T2T (treat-to-target), basato sulla combinazione di meto[...]

Artrite virale da chikungunya, MTX sembra essere efficace

MTX, farmaco storico nonché farmaco àncora nel trattamento delle artriti, potrebbe essere efficace anche nel trattamento dell'artrite cronica persistente dopo infezione dal virus chikungunya. Sono queste le conclusioni di una review sistematica di le[...]

Polimialgia reumatica e arterite cellule giganti, il rischio di fratture è elevato

Sia i pazienti affetti da polimialgia reumatica (PMR) che quelli affetti da arterite a cellule giganti (GCA) presentano un innalzamento del rischio fratturativo di pari entità rispetto alla popolazione generale. Lo dimostrano i risultati di uno stud[...]

Artrite reumatoide, identificati predittori risposta ad etanercept

Età più giovane, valori ridotti al basale di BMI e HAQ, ridotta attività di malattia: queste le caratteristiche dei pazienti con artrite reumatoide (AR) che, stando ad un'analisi post-hoc dei risultati dello studio PRESERVE, pubblicata su Arthritis R[...]

Osteoporosi e rischio frattura, come utilizzare al meglio i marker di neoformazione ossea?

L'osservazione di variazioni legate al trattamento per l'osteoporosi dei marker di formazione ossea potrebbe essere utile nel prevedere la riduzione di fratture vertebrali legata all'impiego di farmaci anti-riassorbimento osseo. Questo il messaggio c[...]

Artrite reumatoide e marker anemia, dati real world promuovono tocilizumab

Il trattamento con tocilizumab (TCZ), inibitore del recettore di IL-6, effettuato in pazienti affetti da artrite reumatoide (AR), si associa ad un deciso miglioramento dei marker di anemia. Questi i risultati di uno studio osservazionale real world, [...]

Spondiloartrite assiale, riduzione infiammazione e progressione radiografica con certolizumab in Fase 3

Gli outcome ottenuti mediante imaging a 4 anni dall'inizio del trattamento con certolizumab pegol (CTZ) in pazienti con spondiloartrite assiale (axSpA) hanno mostrato una ridotta progressione radiografica di malattia. Questi i risultati di RAPID-axSp[...]

Artrite psoriasica, conferme di efficacia per apremilast in fase 3 nei pazienti naive ai farmaci biologici

Il trattamento monoterapico con apremilast di pazienti affetti da artrite psoriasica naive ai farmaci biologici è più efficace del placebo già a 2 settimane. Questi i risultati dello studio ACTIVE che suffragano l' impiego del farmaco nell'artrite ps[...]

Muoviti anche tu: l'osteoporosi si vince in 15 mosse

Muoviti anche tu”: è questo il claim della campagna informativa lanciata dalla Società Italiana dell'Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS). Rivolta ai cittadini con osteoporosi, prevede una serie di strumenti[...]

Fratture anca, lo screening per l'osteoporosi ne previene una su quattro

Lo screening per l'osteoporosi (OP), pur non riducendo il tasso complessivo di fratture, potrebbe al contrario essere utile per prevedere la riduzione di fratture dell'anca in toto nei 5 anni successivi. Queste le conclusioni di un trial clinico rand[...]