Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

I temi caldi della seconda edizione del congresso nazionale G.E.O.D.E.I.T


Terapia dell'artrite reumatoide, come agiscono le small molecules?


Farmaci inibitori del TNF, il loro utilizzo oggi in artrite reumatoide


Bisfosfonati, utilizzo nell’osteoartrosi e in altre patologie


Edemi ossei nella patologia ossea, caratteristiche cliniche e manifestazioni


Prevenzione delle fratture, importanza della valutazione istomorfometrica


Densitometria ossea, utilizzo oggi e nuove frontiere


Vitamina D e calcio in soggetti con osteoporosi, chi e quando trattare


Edemi ossei nell’osteoartrosi, quando usare la terapia sistemica


Rimodellamento periprotesico, cosa si intende?


Il ruolo del citrato nella salute ossea


Fratture ossee, prevenzione attraverso il denosumab


Fratture vertebrali, fattori di rischio ed epidemiologia


Prevenzione delle fratture, il ruolo dei farmaci neoformatori


Cosa si intende per rimodellamento osseo?


Algodistrofia, studio italiano conferma l'efficacia del neridronato anche per via intramuscolare


I biosimilari e i farmaci biologici “originator”: a che punto siamo nel 2019?


Arterite di Takayasu: definizione, diagnosi e trattamento


Artrite psoriasica: una patologia complessa con un trattamento dalle diverse sfaccettature


Come influisce la gravidanza sul corso naturale di malattia lupica e viceversa


Lupus: le novità della classificazione


Malattie infiammatorie intestinali: importanza della gestione multidisciplinare con il gastroenterologo


ARTICOLI

Osteoporosi in post-menopausa, denosumab meglio associato a calcio e vitamina D che da solo

La supplementazione orale di calcio e vitamina D potrebbe rivelarsi efficace per migliorare la densità minerale ossea nelle donne in post-menopausa, affette sia da osteoporosi (OP) che da artrite reumatoide (AR), in trattamento con denosumab. Lo conf[...]

Infezioni articolari, l’antibioticoterapia orale potrebbe bastare!

Il ricorso all’antibioticoterapia orale nelle prime 6 settimane dal riscontro di infezioni a carico del tessuto osseo e articolare sembra dare esiti non inferiori all’antibioticoterapia endovena. Questo il messaggio proveniente dai risultati di uno s[...]

Artrite reumatoide, quanto è rilevante, a fini clinici, la sieroconversione?

Una sottoanalisi del trial IMPROVED, condotto in pazienti con artrite reumatoide (AR) all’esordio e pubblicata su Arthritis Research & Therapy, ha mostrato che le variazioni sierologiche dei livelli autoanticorpali non si associano con l’attività di [...]

Chirurgia revisione intervento cuffia rotatori, il rischio non aumenta con unica iniezione steroidi

Stando ai risultati di uno studio di recente pubblicazione su Arthroscopy, non sembra esservi un’associazione tra una singola iniezione alla spalla di corticosteroide (effettuata entro l’anno precedente l’intervento artroscopico di riparazione delle [...]

Arterite cellule giganti, le recidive si riducono se si aggiunge MTX ai glucocorticoidi

Stando ai risultati di uno studio caso-controllo Usa, pubblicato su the Journal of Rheumatology, l'aggiunta di metotressato al trattamento con glucocorticoidi sarebbe in grado di ridurre di ben 2 volte il rischio di recidive in pazienti con arterite [...]

Spondiloartrite assiale all'esordio, etanercept rallenta progressione danno radiografico

Il ricorso ad un trattamento a lungo termine con un farmaco anti-TNF (etanercept) sembra rallentare la progressione del danno a carico dell'articolazione sacroiliaca in pazienti con spondiloartrite assiale all'esordio (axSpA). Questo il responso di u[...]

Artrite reumatoide, punteggio MBDA migliora la predittività di risposta al rituximab

La determinazione di un punteggio “spia” dei livelli di 12 marker di infiammazione, rilevati mediante prelievo ematico (MBDA score), è in grado di migliorare la predittività di risposta al trattamento con rituximab (RTX) in pazienti affetti da artrit[...]

Artrite reumatoide, denosumab inibisce l'erosione ossea in pazienti con determinati biomarker

Nei pazienti con artrite reumatoide positivi al fattore reumatoide, agli anticorpi anti-citrullina o altri biomarker di malattia, denosumab può rappresentare un'opzione terapeutica per inibire l'erosione ossea. E' quanto emerge dai risultati di uno s[...]

Malattia di Behçet, infliximab sicuro ed efficace per l'uveoretinite refrattaria

Nei pazienti con uveoretinite refrattaria correlata alla malattia di Behçet il trattamento con infliximab si è dimostrato efficace e sicuro-. E' quanto emerge dai risultati di uno studio a lungo termine su pazienti giapponesi pubblicato sulla rivista[...]

Tocilizumab efficace per l'arterite a cellule giganti refrattaria, studio di real life

Nei pazienti con arterite a cellule giganti refrattaria, tocilizumab si è dimostrato efficace nel migliorare le manifestazioni cliniche della malattia e i parametri ematici di fase acuta, anche se ha causato una maggiore suscettibilità a infezioni gr[...]

Gotta, risoluzione rapida e completa dei tofi grazie al farmaco biotech pegloticasi

Nei pazienti affetti da gotta, il trattamento con il farmaco pegloticasi ha consentito di abbassare in modo drastico e persistente i livelli di urato sierico e di risolvere nell'arco di 6 mesi o meno i tofi in coloro che rispondevano alla terapia. So[...]

Artrite psoriasica, minore attività della malattia riducendo drasticamente il peso corporeo

I pazienti obesi con artrite psoriasica (PsA) che hanno seguito per sei mesi una dieta a bassissimo contenuto energetico hanno mostrato miglioramenti in molteplici aspetti dell'attività della malattia a livello di articolazioni, entesi e cute, come e[...]

Denosumab riduce il turnover osseo e il rischio di fratture. Lo confermano le biopsie dello studio FREEDOM

Nelle donne in post-menopausa con osteoporosi l'anticorpo monoclonale umano denosumab inibisce la formazione e l'attività degli osteoclasti nell'osso corticale, riducendo l'erosione ossea sia superficiale che profonda. Nel complesso, il farmaco può c[...]

Osteoporosi e fratture fragilità, ancora lontani dall'optimum terapeutico

Una proporzione consistente di pazienti con osteoporosi (OP) è ancora oggi esclusa dall'adozione di trattamenti farmacologici specifici post-frattura, mostrando anche una scarsa aderenza alle raccomandazioni italiane sul trattamento dell'OP. Questo l[...]

Osteoporosi indotta da steroidi, review Usa fa il punto sulla sua gestione. Commento prof. Giustina

Pubblicata su NEJM una review Usa che ha fatto il punto sulla gestione dell'osteoporosi indotta da glucocorticoidi (GIO). I commenti alla review dell'esperto, il prof. Andrea Giustina (Cattedra di Endocrinologia e Metabolismo, Università Vita-Saluta[...]

Gotta, bene anakinra nelle recidive

Cinque giorni di terapia con anakinra, antagonista del recettore di IL-1, possono configurarsi come un'opzione di trattamento efficace per le recidive di gotta. Lo dimostrano i risultati di uno studio pubblicato su Rheumatology che hanno documentato [...]

Artrite reumatoide, conta linfocitaria e predizione del rischio di infezione in pazienti trattati con tofacitinib

La conta linfocitaria assoluta (ALC) è in grado di valutare in modo adeguato il rischio di infezione in pazienti con artrite reumatoide (AR) trattati con tofacitinib. Queste le conclusioni di uno studio pubblicato recentemente su Arthritis & Rheumato[...]

Lupus, una nuova strategia terapeutica dal contrasto alle IgE?

Il trattamento con omalizumab, anticorpo monoclonare diretto contro le IgE, potrebbe rivelarsi un utile trattamento terapeutico add on del lupus eritematoso sistemico: lo suggeriscono i risultati di uno studio di fase 1b, condotto dal prestigioso Nat[...]

Vasculiti ANCA-associate, mofetil micofenolato da utilizzare preferibilmente nelle forme a rischio minore recidive

I risultati di uno studio di non-inferiorità pubblicato recentemente su ARD hanno dimostrato che il trattamento con mofetil micofenolato (MMF) non è inferiore a quello con ciclofosfamide nell'indurre remissione di malattia in pazienti affetti da vasc[...]

Osteoporosi, romosozumab riceve in Giappone la prima approvazione a livello mondiale

Il Ministero della Salute giapponese ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio per romosozumab per il trattamento dell'osteoporosi nei pazienti ad alto rischio di fratture. Questa è la prima approvazione per romosozumab a livello globa[...]