Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Reumatologia, Annamaria Iagnocco prima italiana eletta alla presidenza dell'Eular


Malattie reumatiche pediatriche, premio alla carriera al Prof. Alberto Martini


Reumatologia, per migliorare l'assistenza serve una rete di centri regionali


Spondilite anchilosante, per secukinumab arrivano anche le conferme a lungo termine


Artrite reumatoide, per upadacitinib conferme cliniche anche dai dati a lungo termine


Artrite reumatoide, conferme dalla vita reale per l’uso di certolizumab nelle donne in età fertile


Terapia infiltrativa intra articolare, ruolo nella cura dell'artrosi


Artrite reumatoide, con i nuovi farmaci andare in remissione di malattia è molto più facile


Artrite reumatoide, per filgotinib arrivano le conferme di efficacia e sicurezza della Fase III


Reumatologia, la ricerca italiana all'avanguardia. Ruolo di FIRA


Artrite psoriasica, secukinumab primo farmaco efficace in tutte le manifestazioni di malattia


I progetti delle reumatologhe italiane al congresso europeo di reumatologia EULAR


Artrite reumatoide, per il paziente la remissione di malattia una conquista da mantenere nel tempo


Quali sono le conseguenze della spondilite anchilosante e perchè bisogna curarla subito


Spondilite anchilosante: le 5 cose che un paziente deve sapere


SaichelaSA: una campagna web per far conoscere la spondiloartrite anchilosante e come sconfiggerla


Dolore dell'artrosi: efficacia analgesica dei FANS a confronto


Quanto calcio serve per contrastare la osteosarcopenia?


Osteosarcopenia: tutto quello che hai sempre voluto sapere


Osso e muscolo sono interdipendenti e comunicano tra loro


Interazione endocrino-metabolica tra osso e muscolo scheletrico


Maternità e malattie reumatiche: le 5 cose da sapere


ARTICOLI

Eziologia autoimmunitaria per l’artrite di Lyme refrattaria agli antibiotici

Uno studio condotto da un’equipe di ricercatori USA, recentemente pubblicato sulla rivista Arthritis & Rheumatism, ha documentato come l’attivazione delle risposta linfocitaria di tipo T e di tipo B ad un autoantigene, osservata nel liquido sinoviale[...]

Lenalidomide opzione efficace nel lupus eritematoso cutaneo

La terapia per il lupus eritematoso cutaneo (CLE) dispone di un limitato armamentario terapeutico. Ciò nonostante, è necessario disporre di opzioni alternative nei soggetti che non rispondono ai trattamenti standard o che vanno incontro a ricadute. U[...]

Delude la vitamina D nell'osteoartrosi al ginocchio

La supplementazione con vitamina D non sembra avere alcun impatto positivo sul progressivo peggioramento del dolore al ginocchio e sulla velocità del processo di perdita di spessore/volume della cartilagine nei soggetti affetti da osteoartrite (OA). [...]

Ppi e decremento massa ossea: il depauperamento si riduce col tempo

I soggetti in trattamento con inibitori di pompa protonica (PPI) mostrano inizialmente livelli di DMO inferiori a quelli osservati nei soggetti non trattati. Tuttavia l'impiego a lungo termine di questi farmaci (>10 anni) non sembra essere più associ[...]

Artrite reumatoide, anti-TNF aumentano il rischio di herpes zoster

I pazienti con artrite reumatoide in terapia con anti-TNF mostrano un aumento del rischio di infezioni, soprattutto di herpes zoster, rispetto ai soggetti trattati con farmaci antireumatici modificanti la malattia (DMARD). La variazione assoluta è co[...]

Nuove linee guida sulle cura delle infezioni nelle protesi articolari

L' Infectious Diseases Society of America (IDSA) ha recentemente pubblicato su Clinical Infectious Diseases le prime linee guida per la diagnosi e la cura di pazienti con infezione alle protesi articolari (PJI).

Carenza di vitamina D causa probabile di astenia muscolare legata all’alcol

Una review di recente pubblicazione online sulla rivista Alcoholism: Clinical & Experimental Research sostiene come la presenza di stati carenziali di vitamina D possa spiegare, in parte, il frequente manifestarsi negli alcolisti cronici di eventi di[...]

Supplementazioni di citrato di potassio migliorano densita' minerale e microarchitettura ossea

Una “correzione” dietetica basata su supplementazioni di citrato di potassio sarebbe in grado di prevenire le conseguenze nefaste sul metabolismo osseo dell'acidosi metabolica dovuta ai regimi alimentari standard dei Paesi industrializzati. Queste le[...]

Artrite reumatoide: stop a studio di fase III su nuovo anticorpo monoclonale di Eli Lilly

Eli Lilly ha annunciato l’interruzione prematura dello studio di fase III FLEX-M condotto sull’anticorpo monoclonale tabalumab in pazienti con artrite reumatoide da moderata a severa, che non rispondono al metotressato. Il trial è stato interrotto a [...]

Fostamatinib inferiore ad adalimumab in fase II nell'artrite

Delusione in casa AstraZeneca. L‘antiartrite sperimentale fostamatinib è risultato inferiore ad adalimumab in uno studio di fase II della durata di 24 settimane che intendeva dimostrare la non inferiorità verso adalimumab nella cura dei segni e dei [...]

Teriparatide, per la densità minerale ossea meglio la somministrazione mattutina

Il trattamento giornaliero per un anno con iniezioni di teriparatide sembra più efficace in postmenopausa sui livelli di densità minerale ossea (DMO) della colonna lombare quando è praticato di giorno anziché nelle ore serali. Sono queste le conclusi[...]

Iniezioni epidurali di steroidi riducono densita’ minerale ossea in donne in postmenopausa

Secondo uno studio osservazionale pubblicato sulla rivista Spine le donne in postmenopausa trattate con iniezione epidurale di 80 mg di triamcinolone acetonide per alleviare il mal di schiena soffrono, a 6 mesi dal trattamento, di una significativa p[...]

Risedronato, l'associazione con un PPI aumenta l'efficacia nell'osteoporosi

Uno studio giapponese di recente pubblicazione sulla rivista Journal of Bone Mineral Metabolism sembra suffragare l'impiego dell'associazione risedronato + rabeprazolo in luogo del solo bisfosfonato nel trattamento dell'osteoporosi. L'associazione av[...]

Supplementazioni di calcio nell'osteoporosi e calcoli renali: rischio trascurabile

Sono confortanti i risultati di una recente rassegna sistematica pubblicata online sulla rivista Clinical and Experimental Rheumatology da un gruppo di ricercatori spagnoli, che ha indagato la relazione esistente tra l'assunzione di supplementazioni [...]

Conferme dall'ACR per ustekinumab nell'artrite psoriasica

Annunciati al congresso americano di reumatologia (ACR) i risultati dello studio di Fase III PSUMMIT II, dai quali emerge che i pazienti con artrite psoriasica attiva, compresi quelli pre-trattati con da uno a cinque inibitori del fattore di necrosi[...]

AR, tofacitinib efficace anche dopo uno o più anti-TNF

Nei pazienti con artrite reumatoide già trattati senza successo con uno o più inibitori del fattore di necrosi tumorale, il trattamento con tofacitinib può produrre miglioramenti clinici e abbassare l'attività della malattia, A suggerirlo è un'analis[...]

Rischio fratture d'anca aumentato negli anziani che iniziano gli artipertensivi

Le persone al di sopra dei 65 anni che iniziano una terapia con farmaci antipertensivi hanno un rischio di frattura all'anca aumentato di quasi il 50% nel primo mese e mezzo di assunzione. Lo evidenzia uno studio di popolazione canadese appena uscito[...]

Artrite, baricitinib promettente in fase IIb contro segni e sintomi della malattia

Baricitinib, un nuovo inibitore di JAK1 e JAK2 attivo per via orale, sviluppato da Eli Lilly e Incyte Corporation ha dimostrato di mantenere la sua efficacia nel ridurre i sintomi dolorosi dell'artrite reumatoide (AR) per almeno 24 settimane nell'est[...]

Artrite psoriasica, certolizumab pegol migliora segni e sintomi della malattia

In occasione del congresso annuale dell'American College of Rheumatology (ACR), a Washington, UCB ha annunciato i risultati positivi dello studio di fase III RAPID-PsA, in cui certolizumab pegol ha dimostrato di migliorare segni e sintomi dell'artrit[...]

Combinazione rituximab-ciclofosfamide frena la progressione nel lupus

Un trattamento con la combinazione di rituximab e ciclofosfamide per 18 mesi ha fermato la progressione del lupus eritematoso sistemico (LES) per almeno 3 anni in un piccolo studio appena presentato al congresso dei reumatologi americani (ACR) a Wash[...]