Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Reumatologia “Da zero a cento”: al Gaetano Pini di Milano la continuità di cura è assicurata


Al Gaetano Pini di Milano la reumatologia si cura da zero a 100 anni


I bambini con malattie reumatiche al Gaetano Pini presi in carico da zero a 100 anni


Reumatologia, ALOMAR a fianco dei medici del Gaetano Pini per il successo di da zero a cento


Artrite reumatoide, con le Reti si facilitano diagnosi e percorsi di cura. Progetto MOMAr


Verso una medicina di precisione anche per l'artrite reumatoide. Progetto MOMAr


Reumatologia, cosa ne pensano i pazienti delle Reti e della medicina di precisione?


Le 3 cose che un nefropatico deve sapere sulla vitamina D


Le 3 cose che un nefropatico deve sapere sulla salute delle sue ossa


Conosciamo il professor Maurizio Rossini, il nuovo presidente della SIOMMMS


Siommms, bilancio dei due anni di presidenza 2017-2019


Premio alla carriera del professor Ranuccio Nuti


Le attività del gruppo YES! della SIOMMMS: un caso clinico multidisciplinare


Osteoporosi severa, si aprono nuove possibilità di cura con il romosozumab


Che cos’è l’ipofosfatemia legata al cromosoma X


Ipofosfatemia legata al cromosoma X, che cos’è e come funziona burosumab


Conosciamo la Sindrome di Ehlers-Danlos


Alendronato, è una molecola ancora attuale per la terapia dell'osteoporosi?


Osteoporosi: meglio terapia sequenziale o combinata?


Linee guida della SIOMMMS sulla vitamina D: le 5 principali novità


Osteoporosi, come stimare il rischio di frattura?


Quali sono le complicanze scheletriche del diabete?


ARTICOLI

Artrite psoriasica, immunogenicità degli anti-TNF non uguale per tutti

Nei pazienti con artrite psoriasica trattati con tre diversi anti-TNF, l'limmunogenicità di tali agenti sembra variare in modo sostanziale da farmaco a farmaco e l'uso di metotressato sembra attenuare la presenza di anticorpi anti-farmaco. Lo evidenz[...]

Atrite psoriasica, secukinumab efficace contro il danno articolare anche nei già trattati con anti-TNF o in combinazione con metrotressato

Secukinumab è in grado di migliorare la qualità della vita e i sintomi della malattia nei pazienti con artrite psoriasica, indipendentemente dal fatto che siano stati già trattati con inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNF) o stiano contempor[...]

Cinacalcet può proteggere dalle fratture i pazienti in dialisi

Contrordine sull'agente calciomimetico cinacalcet, anche se le analisi iniziali non avevano trovato nessun effetto protettivo, i risultati aggiustati dello studio EVOLVE mostrano ora che il farmaco potrebbe ridurre il rischio di fratture tra i pazien[...]

Nefrite lupica, micofenolato mofetile e azatioprina ugualmente inefficaci

Ci sono voluti 10 anni per scoprire che micofenolato mofetile (MMF) e azatioprina sono paragonabili come terapie di mantenimento per i pazienti con nefrite lupica, almeno in una popolazione europea. Lo evidenziano i risultati dello studio MAINTAIN Ne[...]

Artrite reumatoide, promette bene PF-04171327, agonista dissociato del recettore dei glucocorticoidi

Un farmaco sperimentale non steroideo che agisce sul recettore dei glucocorticoidi, noto per ora con la sigla PF-04171327, si è dimostrato superiore al placebo e non inferiore a prednisone ad alto dosaggio nei pazienti adulti con artrite reumatoide i[...]

Analisi EULAR: Nessun aumento del rischio di melanoma con gli anti-TNF

I pazienti con artrite reumatoide trattati con inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNF) non hanno un rischio aumentato di melanoma, stando ai risultati di un ampio studio collaborativo organizzato dalla European League Against Rheumatism (EULA[...]

Le statine non riducono il rischio di fratture

Un trattamento quotidiano con rosuvastatina non ha diminuito il rischio di frattura nel campione dello studio JUPITER (Justification for the Use of Statins in Prevention: an Intervention Trial Evaluating Rosuvastatin), un ampio studio clinico interna[...]

Golimumab bene contro la spondiloartrite assiale non radiografica con infiammazione

Golimumab è risultato significativamente migliore del placebo nel ridurre l'attività della malattia e l'infiammazione nei pazienti con spondiloartrite assiale non radiografica, ma solo nel sottogruppo di coloro che risultavano positivi alla malattia [...]

Artrite giovanile idiopatica, possibile aumento del rischio associato agli antibiotici

L'esposizione agli antibiotici durante l'infanzia potrebbe aumentare in modo significativo il rischio di artrite giovanile idiopatica in modo dose-dipendente, stando ai risultati di uno studio presentato all'ultimo congresso dell'American College of [...]

Artrite psoriasica, attività minima di malattia obiettivo centrato per la maggior parte dei pazienti in cura con TNF

La maggior parte dei pazienti con artrite psoriasica riesce a raggiungere e mantenere uno stato di attività minima della malattia grazie alla terapia con inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNF). Lo evidenzia uno studio di autori canadesi pubb[...]

Lupus, trattare solo la malattia reumatica insufficiente per migliorare i disturbi dell'umore

I disturbi dell'umore sono comorbidità neuropsichiatriche frequenti nei pazienti con lupus eritematoso sistemico (LES), ma solo circa un terzo di questi disturbi è attribuibile al lupus secondo un ampio studio osservazionale presentato al recente con[...]

Gonartrosi, efficaci contro il dolore le iniezioni di plasma arricchito di piastrine

Stando ai risultati di una nuova revisione sistematica e una metanalisi pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, le iniezioni di plasma arricchito di piastrine (PRP) sono efficaci per alleviare il dolore nei pazienti con osteoartrosi del gi[...]

Artrite reumatoide, rischio di scompenso molto ridotto nei pazienti in remissione e in cura con anti-TNF

Essere in remissione riduce drasticamente il rischio aumentato di scompenso cardiaco a cui sono esposti i pazienti affetti da artrite reumatoide, così come utilizzare inibitori del TNF rispetto ai DMARD non biologici. A suggerirlo sono due studi pres[...]

Vasculite ANCA-associata, mantenimento con rituximab efficace anche a lungo termine

Una terapia di mantenimento a intervalli fissi con rituximab si è dimostrata efficace per tenere sotto controllo la malattia a lungo termine tra i pazienti affetti da vasculite ANCA-associata refrattaria in uno studio dell'Università di Cambridge app[...]

Artrite reumatoide, bene in fase III l'anti JAK baricitinib

Baricitinib, il nuovo inibitore di JAK1 e JAK2 attivo per via orale sviluppato da Eli Lilly e Incyte Corporation, in uno studio di fase III denominato RA-BEACON ha raggiunto l'endpoint principale di miglioramento delle risposte ACR20 rispetto al plac[...]

Spondiloartrite assiale, nuove linee guida ACR/SPARTAN in arrivo

Un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) e l'esercizio fisico potrebbero essere sufficienti per tenere sotto controllo la spondiloartrite assiale attiva in alcuni pazienti. È una delle indicazioni che probabilmente saranno contenute nelle nuo[...]

Fibrillazione atriale, possibile aumento del rischio tromboembolico ed emorragico prendendo anche FANS, anche per poco

Assumere farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per 14 giorni potrebbe far più che raddoppiare il rischio di sanguinamento grave nei pazienti con fibrillazione atriale e aumentare del 36% il rischio di tromboembolismo. A suggerirlo è uno studio[...]

Osteoporosi, osteonecrosi della mandibola complicanza rara con denosumab

L'osteonecrosi della mandibola è rara nei pazienti che assumono il farmaco antiriassorbitivo denosumab, anche nel caso in cui vengano eseguite procedure odontoiatriche invasive. Lo evidenziano i dati di un follow up fino a 8 anni dello studio FREEDOM[...]

Lupus, possibile ipotermia causata da steroidi in alcuni pazienti

Una complicanza rara del lupus eritematoso sistemico è l'ipotermia indotta dagli steroidi, farmaci tra i più utilizzati per il trattamento di questa patologia autoimmune, specie per le riattivazioni della malattia. Sull'American Journal of Medicine è[...]

Artrite reumatoide, approccio treat-to-target riduce il rischio di decesso

Nei pazienti colpiti da artrite reumatoide, un trattamento aggressivo volto a raggiungere un punteggio del DAS (Disease Activity Score) non superiore a 2,4 (indice di una bassa attività della malattia) è risultato associato a tassi di mortalità non s[...]