Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Vasculiti, gli hot topics del secondo corso europeo dell'EUVAS


Problematiche respiratorio e cardiache, quale collegamento all'osteoporosi?


Osteoporosi, quando è dovuta ai glucocorticoidi?


Incontri pisani di endocrinologia e metabolismo, la formazione dei giovani specializzandi


Osteoporosi, cosa fare quando la causa è una neoplasia


Malattie gastrointestinali ed osteoporosi quale collegamento?


Malattie endocrine ed osteoporosi. Focus sul diabete di tipo 2


Ipovitaminosi D, una pandemia internazionale. Quando, come e perchè sopperire alla carenza


Novità nel trattamento della gotta


Gotta: definizione e diagnosi


Gotta: quale è il vissuto dei pazienti?


Terapia infiltrativa con acido ialuronico, quando usarla nell'osteoartrosi?


Dolore da osteoartrosi, quando usare i fans e quando gli oppiacei


Trattamento dell'osteoporosi, cosa abbiamo a disposizione?


Reumatologia, i tre bisogni insoddisfatti


Dall'osteoporosi alle patologie reumatologiche, temi caldi del Pontereuma 2018


Lombalgia infiammatoria, come distinguerla da quella meccanica


Le small molecules in reumatologia, cosa sappiamo?


Fibrosi polmonare e malattie reumatiche su base autoimmune sistemica, quale collegamento?


Edemi ossei nelle malattie reumatologiche, come gestirli?


I “big data” aiuteranno il progresso della medicina?


Artrite psoriasica e comorbidità: ustekinumab efficace anche negli obesi. Registro BIOPURE


ARTICOLI

Risedronato, l'associazione con un PPI aumenta l'efficacia nell'osteoporosi

Uno studio giapponese di recente pubblicazione sulla rivista Journal of Bone Mineral Metabolism sembra suffragare l'impiego dell'associazione risedronato + rabeprazolo in luogo del solo bisfosfonato nel trattamento dell'osteoporosi. L'associazione av[...]

Supplementazioni di calcio nell'osteoporosi e calcoli renali: rischio trascurabile

Sono confortanti i risultati di una recente rassegna sistematica pubblicata online sulla rivista Clinical and Experimental Rheumatology da un gruppo di ricercatori spagnoli, che ha indagato la relazione esistente tra l'assunzione di supplementazioni [...]

Conferme dall'ACR per ustekinumab nell'artrite psoriasica

Annunciati al congresso americano di reumatologia (ACR) i risultati dello studio di Fase III PSUMMIT II, dai quali emerge che i pazienti con artrite psoriasica attiva, compresi quelli pre-trattati con da uno a cinque inibitori del fattore di necrosi[...]

AR, tofacitinib efficace anche dopo uno o più anti-TNF

Nei pazienti con artrite reumatoide già trattati senza successo con uno o più inibitori del fattore di necrosi tumorale, il trattamento con tofacitinib può produrre miglioramenti clinici e abbassare l'attività della malattia, A suggerirlo è un'analis[...]

Rischio fratture d'anca aumentato negli anziani che iniziano gli artipertensivi

Le persone al di sopra dei 65 anni che iniziano una terapia con farmaci antipertensivi hanno un rischio di frattura all'anca aumentato di quasi il 50% nel primo mese e mezzo di assunzione. Lo evidenzia uno studio di popolazione canadese appena uscito[...]

Artrite, baricitinib promettente in fase IIb contro segni e sintomi della malattia

Baricitinib, un nuovo inibitore di JAK1 e JAK2 attivo per via orale, sviluppato da Eli Lilly e Incyte Corporation ha dimostrato di mantenere la sua efficacia nel ridurre i sintomi dolorosi dell'artrite reumatoide (AR) per almeno 24 settimane nell'est[...]

Artrite psoriasica, certolizumab pegol migliora segni e sintomi della malattia

In occasione del congresso annuale dell'American College of Rheumatology (ACR), a Washington, UCB ha annunciato i risultati positivi dello studio di fase III RAPID-PsA, in cui certolizumab pegol ha dimostrato di migliorare segni e sintomi dell'artrit[...]

Combinazione rituximab-ciclofosfamide frena la progressione nel lupus

Un trattamento con la combinazione di rituximab e ciclofosfamide per 18 mesi ha fermato la progressione del lupus eritematoso sistemico (LES) per almeno 3 anni in un piccolo studio appena presentato al congresso dei reumatologi americani (ACR) a Wash[...]

AR, pazienti anziani trattati meno efficacemente rispetto ai più giovani

È possibile che i pazienti con artrite reumatoide (AR) a esordio tardivo possano ricevere un trattamento meno efficace rispetto a quelli più giovani. Questo, almeno, è quanto pare succedere in Svezia, stando ai risultati di uno studio appena presenta[...]

AR, pareggio abatacept-adalimumab nei pazienti già trattati con MTX

Pareggio tra abatacept e adalimumab dopo un anno di trattamento in un gruppo di pazienti con artrite reumatoide (AR) trattati anche con metotrexate (MTX) come terapia di fondo. È questo il risultato dello studio AMPLE, un trial di fase IIIb presenta[...]

Anti-TNF, si può riprendere anche prima di aver finito la terapia anti-TB

I pazienti in trattamento con un inibitore del fattore di necrosi tumorale (TNF) che sviluppano la tubercolosi (TB) possono tranquillamente riprendere il trattamento con il biologico prima di completare il lungo regime di trattamento anti-TB. A sugge[...]

Attenzione all'assunzione di Ace-inibitori in presenza di sclerodermia

Uno studio presentato nel corso del congresso dell'American College of Rheumatology invita alla prudenza i pazienti con crisi renale sclerodermica in terapia con ACE-inibitori (ACE-i), classe di farmaci a nota azione nefroprotettiva: il loro impiego,[...]

Statine utili contro la sindrome antifosfolipidi

Una nuova ricerca presentata nel corso del congresso annuale dell'American College of Rheumatology suggerisce come le statine, nota classe di farmaci ad azione ipocolesterolemizzante, possano essere impiegate nella gestione dei pazienti a rischio coa[...]

Apremilast, positivi i dati dello studio di fase III PALACE -1 nell'artrite psoriasica

Nel corso del meeting annuale dell'American College of Rheumatology sono stati presentati i dati del primo studio di Fase III noto come PALACE-1 condotto con apremilst in pazienti con artrite psoriasica. I risultati di questo trial hanno documentato[...]

Protesi totale d'anca, le statine possono ridurre l'osteolisi femorale

A 5 anni di distanza da un intervento di protesi totale d'anca, l'utilizzo di statine si è associato a un ridotto rischio di sviluppo di osteolisi femorale. Lo dimostra un trial condotto da un team internazionale guidato da Anne Lübbeke, dell'Ospedal[...]

Iniezioni epidurali di steroidi funzionano poco contro la sciatica

I pazienti colpiti da sciatica ottengono un beneficio minimo da iniezioni epidurali di corticosteroidi. È questa la conclusione di una metanalisi appena pubblicata sugli Annals of Internal Medicine, che fa sorgere dubbi sul valore del trattamento per[...]

AR, meno ricoveri con il diffondersi dei biologici anti-TNF

Uno studio osservazionale dell'Università di Dublino mostra che il numero dei ricoveri ospedalieri nei pazienti con artrite reumatoide (AR) è diminuito via via che è aumentato l'uso degli inibitori del TNF, nonostante l'incremento della popolazione. [...]

Artroplastica all'anca, rischio elevato di ictus nei primi mesi successivi all'intervento

I risultati di uno studio olandese pubblicato online sulla rivista Stroke: Journal of the American Heart Association, ottenuti su una casistica di pazienti sottoposti ad un intervento di artroplastica totale all'anca o al femore nell'ultimo decennio,[...]

Osteoartrite del ginocchio, ranelato di stronzio previene danno strutturale

Risultati promettenti sull'impiego di ranelato di stronzio nell'osteoartrite (OA) del ginocchio provengono dallo studio SEKOIA (the Strontium Ranelate in Knee Osteoarthritis), un trial presentato nel corso del congresso annuale dell'American College [...]

Odanacatib promettente nel trattamento dell'osteoporosi postmenospausale

Nuove speranze nel trattamento dell'osteoporosi postmenopausale refrattaria ai trattamenti esistenti sembrano venire da un farmaco sperimentale, odanacatib. I risultati di un trial di Fase III presentato nel corso del Congresso Annuale dell'American [...]