Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Integrazione con calcio e vitamina D nelle attività sportive


Terapie con onde d’urto nelle tendinopatie


Le patologie da sovraccarico dell’apparato muscolo-scheletrico nei praticanti la danza: convegno a Bologna


Preparazione, prevenzione e cura del sistema piede-colonna


Frattura da stress nei danzatori: prevenzione e strategie


Malattie reumatiche, in quali il dolore impatta di più?


Cannabis medica per lenire il dolore, in quali malattie reumatiche?


Sclerosi sistemica, cortisonici si o no?


Sclerosi sistemica, come si manifesta e come evolve


Lupus eritematoso sistemico, come si diagnostica?


Le principali controversie in Reumatologia: temi caldi del congresso CORA 2019


Artrite reumatoide, quando e come interrompere i biologici?


Il piede doloroso: definizione, patologie scatenanti, terapia conservativa, terapia chirurgica


Inquadramento clinico del paziente fragile che va facilmente incontro a fratture ossee


Terapia chirurgica delle fratture vertebrali


Fratture da fragilità nel paziente anziano: il punto di vista di OMCeO Milano


La caduta: epidemiologia, implicazione sui costi sanitari, relazione con fragilità ossea


Cosa bisogna sapere sul Consenso informato


Quali sono le implicazioni medico-legali nelle fratture da fragilità


Terapia farmacologica nella prevenzione delle fratture: stato dell’arte


Fratture vertebrali: opzioni di trattamento, farmacologiche e non


Fratture da fragilità: dalla diagnosi precoce ai percorsi assistenziali


ARTICOLI

Artrite reumatoide, farmaci biologici probabilmente legati a riduzione rischio sepsi e mortalità

L'impiego di farmaci biologici, in luogo dei DMARDcs, potrebbe ridurre il rischio di sepsi e la mortalità dopo infezione grave in pazienti affetti da artrite reumatoide (AR). Questi i risultati di uno studio pubblicato, su Annals of the Rheumatic Dis[...]

AR, risposta migliore con iniezione intratenosinoviale di steroidi vs iniezione intramuscolare

I pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) con tenosinovite, trattati con iniezioni intratenosinoviali ecoguidate rispondono meglio al trattamento, in termini di remissione, rispetto a quelli trattati con iniezioni intramuscolari. Lo dimostrano i [...]

LES, il tasso di infezioni rilevate è indipendente dal farmaco usato

Il tasso di infezioni gravi e la mortalità nei pazienti affetti da lupus eritematoso sistemico (LES) non dipendono dal regime farmacologico utilizzato. Lo dimostrano i risultati di uno studio pubblicato su Arthritis & Rheumatology.

Un italiano su 10 soffre di malattie reumatiche, 16 ottobre a Roma screening reumatologici gratuiti

Quattro ospedali romani, una piazza in cui effettuare visite e screening gratuiti per adulti e bambini, una tavola rotonda con esperti aperta a tutti coloro che vogliono saperne di più. Così il prossimo 16 ottobre, a Roma, si celebrerà la Giornata mo[...]

AR non trattata all'esordio, livelli elevati ACPA e RF legati a perdita di massa ossea

Uno studio italiano di recente pubblicazione su Arthritis Research & Therapy ha dimostrato che la densità minerale ossea nei pazienti con artrite reumatoide (AR) all'esordio si riduce in concomitanza con la positività agli anticorpi ACPA (anticorpi a[...]

Obesità infantile e rischio di gonartrosi in età adulta: esiste un legame?

Una review di letteratura, di recente pubblicazione su Arthritis Research & Therapy, suggerisce come alcuni fattori legati all'età pediatrica (quali la condizione di sovrappeso, una storia di traumi, il malallineamento rotuleo) potrebbero giocare un [...]

AR, disco verde a switch terapeutico da DMARD a tocilizumab (in monoterapia) in pazienti intolleranti a DMARD

Lo switch di trattamento con tocilizumab (TCZ), a partire da un trattamento con DMARDcs, è in grado di ridurre l'attività di malattia in pazienti con artrite reumatoide (AR) e risposta inadeguata ai DMARDcs, stando ai risultati di una recente metanal[...]

AR, baricitinib efficace in Fase III in pazienti con risposta insufficiente o intolleranza ai DMARDs

In pazienti affetti da artrite reumatoide (AR), con risposta insufficiente o intolleranti a DMARDs, il trattamento con baricitinib, inibitore orale selettivo di JAK1 e JAK2, si associa a miglioramento clinico e inibizione della progressione del danno[...]

Spondilite anchilosante, livelli di CRP si legano a progressione malattia in pazienti trattati con golimumab

I livelli di proteina reattiva C possono fungere da biomarker predittivo di progressione radiografica di spondilite anchilosante (AS), nel lungo termine, in pazienti sottoposti a trattamento con golimumab. Lo dimostrano i risultati di uno studio di [...]

Artrite reumatoide ed abatacept, i predittori di remissione clinica sostenuta cambiano in base all'età dei pazienti trattati

Il trattamento con abatacept è efficace nel trattare sia pazienti giovani che in età più avanzata, affetti da artrite reumatoide (AR). Tuttavia, le caratteristiche di base correlate con la remissione clinica sostenuta si differenziano per gruppi di e[...]

AIG, rischio di ospedalizzazione per infezioni non aumenta con farmaci anti-TNF (da soli o in associazione con MTX)

I bambini affetti da artrite idiopatica giovanile (AIG), trattati con farmaci biologici (da soli o in associazione con MTX) non sono a maggior rischio di ospedalizzazione per infezioni rispetto a quelli trattati solo con MTX. Lo dimostrano i risultat[...]

IL-6 possibile nuovo target terapeutico nel lupus

Il blocco della citochina IL-6 sembra essere un approccio promettente nella gestione del lupus eritematoso sistemico (LES). Ciò è quanto sembra suggerire uno studio di Fase II di, condotto con un inibitore sperimentale della citochina, noto con la si[...]

Artrite psoriasica attiva, conferme di efficacia per ixekizumab in Fase III

In pazienti con artrite psoriasica (PsA) attiva, naive ai farmaci biologici, il trattamento con ixekizumab ha portato a miglioramenti dell'attività di malattia e della funzione fisica, nonché all'inibizione della progressione di danno strutturale. Qu[...]

Artrite reumatoide, se non controllata con un farmaco anti-TNF, preferibile utilizzare farmaco biologico diverso

In caso di controllo insufficiente dell'artrite reumatoide (AR) con un farmaco anti-TNF, è preferibile utilizzare, come seconda opzione, un farmaco biologico differente anziché un esponente della classe dei farmaci sopra menzionata. Ciò è quanto dimo[...]

Gotta, dati di Fase III suffragano l'impiego di lesinurad quando non è raggiunto il target di uricemia con allopurinolo

Il trattamento con lesinurad, inibitore selettivo del riassorbimento di acido urico, è in grado di abbassare in modo efficace l'uricemia nei pazienti gottosi che non sono in grado di raggiungere il target con il solo allopurinolo. La conferma viene d[...]

Uveite correlata ad AIG, abatacept efficace come trattamento di prima e seconda linea

Abatacept, utilizzato come trattamento biologico di prima linea o dopo uno o più farmaci anti-TNF, migliora, in modo simile le condizioni dei pazienti affetti da uveite severa legata all'artrite idiopatica giovanile, refrattaria agli altri trattament[...]

Spondiloartrite periferica precoce, conferme di efficacia e sicurezza per golimumab

Stando ai risultati di uno studio, recentemente presentato nel corso dell'edizione 2016 del Congresso Internazionale sulle Spondiloartriti, tenutosi recentemente in Belgio, il trattamento con golimumab sarebbe efficace anche nelle spondiloartriti pe[...]

Dermatomiosite giovanile, prime linee guida internazionali

Sono state pubblicate sulla rivista Annals of the Rheumatic Diseases, a cura di un panel di esperti europei in reumatologia pediatrica, le prime linee guida internazionali relative alla gestione delle dermatomiositi giovanili. Le raccomandazioni impl[...]

Osteoartrosi, prosegue fase II con nuovo inibitore della catepsina K

Medivir, compagnia farmaceutica svedese, ha reso noto che il DMC indipendente ha raccomandato la continuazione dello studio randomizzato e in doppio cieco, di Fase 2a, relativo all'impiego di MIV-711 nell'osteoartrite (OA). Alla base di questo pronun[...]

Psoriasi e artrite psoriasica: per un paziente su due compromessa la qualità di vita

Prurito, arrossamento della pelle e desquamazione. Rigidità e gonfiore delle articolazioni. Sintomi spesso pesanti che impattano negativamente sulla qualità della vita rendendo difficile andare a lavorare, recarsi a scuola e anche vivere serenamente [...]