Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Integrazione con calcio e vitamina D nelle attività sportive


Terapie con onde d’urto nelle tendinopatie


Le patologie da sovraccarico dell’apparato muscolo-scheletrico nei praticanti la danza: convegno a Bologna


Preparazione, prevenzione e cura del sistema piede-colonna


Frattura da stress nei danzatori: prevenzione e strategie


Malattie reumatiche, in quali il dolore impatta di più?


Cannabis medica per lenire il dolore, in quali malattie reumatiche?


Sclerosi sistemica, cortisonici si o no?


Sclerosi sistemica, come si manifesta e come evolve


Lupus eritematoso sistemico, come si diagnostica?


Le principali controversie in Reumatologia: temi caldi del congresso CORA 2019


Artrite reumatoide, quando e come interrompere i biologici?


Il piede doloroso: definizione, patologie scatenanti, terapia conservativa, terapia chirurgica


Inquadramento clinico del paziente fragile che va facilmente incontro a fratture ossee


Terapia chirurgica delle fratture vertebrali


Fratture da fragilità nel paziente anziano: il punto di vista di OMCeO Milano


La caduta: epidemiologia, implicazione sui costi sanitari, relazione con fragilità ossea


Cosa bisogna sapere sul Consenso informato


Quali sono le implicazioni medico-legali nelle fratture da fragilità


Terapia farmacologica nella prevenzione delle fratture: stato dell’arte


Fratture vertebrali: opzioni di trattamento, farmacologiche e non


Fratture da fragilità: dalla diagnosi precoce ai percorsi assistenziali


ARTICOLI

Osteoporosi, denosumab alternativa comoda ed efficace ai bifosfonati per os

Un nuovo studio da poco pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.evidenzia che per le donne in post-menopausa che hanno difficoltà di aderenza alla terapia con bifosfonati orali i medici dovrebbero prendere in considerazione co[...]

Artrite reumatoide, nessuna associazione tra uso di contraccettivi orali e rischio di malattia

L’utilizzo di contraccettivi orali non sembra mostrare alcuna associazione con il rischio di sviluppare artrite reumatoide, anche se pare esserci un’associazione inversa tra l’impiego di questi anticoncezionali e la gravità della malattia. È questo i[...]

Gotta, rischio diabete superiore rispetto all'artrosi

I pazienti affetti da gotta primaria, in particolare quelli di sesso femminile, sembrano avere un rischio maggiore di sviluppare il diabete rispetto ai pazienti con caratteristiche simili affetti da osteoartrosi o a un gruppo di controllo di soggetti[...]

Metotressato possibile nuova opzione terapeutica per la fascite eosinofila

Secondo uno studio di piccole dimensioni il metotressato sembra essere un trattamento efficace per la fascite eosinofila (EF), una malattia rara caratterizzata da infiammazione simmetrica e dolorosa, tumefazione e indurimento alle braccia e alle gamb[...]

Sclerosi sistemica cutanea refrattaria, utile l’aggiunta di immunoglobuline endovena

Un trattamento con immunoglobuline per via endovenosa (IVIG) potrebbe essere una terapia aggiuntiva efficace per i pazienti con sclerosi sistemica cutanea diffusa attiva che non rispondono al trattamento immunosoppressivo tradizionale. A suggerirlo è[...]

Come si tratta l'ipoparatiroidismo? Ne parliamo con la prof.ssa Maria Luisa Brandi

«E' l'unico disturbo endocrino che non aveva una terapia sostitutiva ormonale». Così ha esordito la prof.ssa Maria Luisa Brandi, Professore Ordinario di Endocrinologia dell'Università di Firenze, ai microfoni di Pharmastar, commentando l'approvazion[...]

Artrite reumatoide, meno eventi cardiovascolari con anti-TNF e metotressato

Una revisione sistematica della letteratura pubblicata su Annals of the Rheumatic Diseases mostra che i pazienti con artrite reumatoide trattati con farmaci anti-TNF e metotressato presentano un rischio inferiore di presentare eventi cardiovascolari [...]

Arterite temporale, miglioramenti clinici rapidi e sostenuti con tocilizumab

L'anticorpo monoclonale anti IL-6 tocilizumab sembra essere efficace nei pazienti con arterite temporale che presentano una malattia refrattaria e/o effetti collaterali inaccettabili dovuti ai corticosteroidi, secondo uno studio pubblicato su Seminar[...]

Sclerodermia, risultati positivi per rituximab

La deplezione delle cellule B che si verifica a seguito dell'infusione di rituximab riduce la progressione dell'ispessimento cutaneo e della fibrosi polmonare nei pazienti con sclerosi sistemica, secondo una nuova analisi i cui risultati sono stati p[...]

Artrite reumatoide severa, possibile mantenere la remissione con riduzione di anti-TNF

I pazienti con artrite reumatoide severa che raggiungono la remissione della malattia possono ridurre la dose di farmaci anti-TNF se tale riduzione è accompagnata da un adeguato monitoraggio clinico e con ultrasuoni, secondo un nuovo studio pubblicat[...]

Artrite reumatoide, anche in remissione rimangono segni di infiammazione articolare

I pazienti con artrite reumatoide in remissione presentano ancora segni di infiammazione articolare evidenziata dalla risonanza magnetica secondo i risultati di una sottoanalisi del Treatment of Early Aggressive Rheumatoid Arthritis (TEAR) trial, pub[...]

Identificate staminali nel midollo osseo che rigenerano ossa e cartilagine

I ricercatori del Columbia Medical Center hanno scoperto un tipo particolare di cellule staminali nel midollo osseo dei topi che ha la capacità di rigenerare sia il tessuto osseo che la cartilagine. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell.

Idrossiclorochina riduce il rischio di diabete nei pazienti con Lupus

I pazienti con lupus eritematoso sistemico (LES) in trattamento con il farmaco idrossiclorochina mostrano una riduzione dose dipendente del rischio di sviluppare il diabete, secondo un nuovo studio pubblicato su Rheumatology.

Artrite reumatoide, terapia precoce e aggressiva ora è la norma

In Norvegia, nel periodo compreso tra il 2000 e il 2010, l'uso più allargato di trattamenti precoci e aggressivi per l'artrite reumatoide ha raddoppiato i tassi di remissione e ha migliorato alcune misure di attività di malattia. E' quanto dimostrato[...]

Artrite reumatoide, riduzione di specifici autoanticorpi nel siero migliora gli outcome

Nei pazienti con artrite reumatoide, la scomparsa dal siero di alcuni tipi di autoanticorpi che riconoscono le proteine citrullinate (ACPA) durante la terapia con farmaci antireumatici sembra essere associata a migliori outcome nei soggetti che prese[...]

Fratture che non guariscono, primi risultati positivi per nuova terapia derivata da osteoblasti

La società belga Bone Therapeutics ha annunciato i risultati dei primi quattro pazienti arruolati in uno studio di fase I/IIa condotto per valutare la sicurezza e l'efficacia della terapia Allob derivata da osteoblasti allogenici, per il trattamento [...]

Artrite psoriasica, terapia precoce con etanercept migliora gli outcome

I pazienti con artrite psoriasica e psoriasi riportano di avere una migliore risposta a etanercept quando vengono trattati precocemente con il farmaco. A dimostrarlo sono i risultati di un'analisi post hoc dello studio PRESTA, pubblicati su Clinical [...]

Sclerosi sistemica cutanea refrattaria, utile l'aggiunta di immunoglobuline endovena

Un trattamento con immunoglobuline per via endovenosa (IVIG) potrebbe essere una terapia aggiuntiva efficace per i pazienti con sclerosi sistemica cutanea diffusa attiva che non rispondono al trattamento immunosoppressivo tradizionale. A suggerirlo è[...]

Gotta, subottimale la prescrizione del trattamento ipouricemizzante

Solo una minoranza di pazienti affetti da gotta in cui sarebbe indicata una terapia ipouricemizzante prolungata sono trattati come da linee guida, quanto meno nel Regno Unito. Lo denuncia un articolo pubblicato di recente su Jama. Sarebbe interessant[...]

Tocilizumab migliora l'amiloidosi AA nella febbre mediterranea familiare

L'anticorpo monoclonale anti IL-6 tocilizumab migliora la proteinuria nei pazienti con amiloidosi AA associata a febbre mediterranea familiare. A suggerirlo è un piccolo studio di autori turchi, pubblicato di recente sulla rivista Rheumatology.