Ortopedia e Reumatologia

VIDEO

Che cos'è e come si cura l'ipoparatiroidismo


Quali biologici per l'artrite psoriasica? Ce lo dice lo studio PsABIO


Reumatologia e medicina di precisione: ruolo degli anticorpi anti-citrullina (APCA)


Come migliorare la comunicazione medico paziente? Il ruolo del quoziente empatico


Malattie reumatiche autoimmuni ed estrogeni, esiste una correlazione?


Farmaci biosimilari in reumatologia: qual è la posizione della Società Italiana di Reumatologia


I JAK inibitori, una nuova classe di farmaci che promette di migliorare la cura delle malattie reumatiche


Farmaci biosimilari in reumatologia: qual è la posizione dell'ANMAR?


Arterite a cellule giganti: come si previene la cecità?


Artrite reumatoide e sistema cardiovascolare: ruolo della interleukina 6


Quali sono le complicanza extra articolari dell'artrite reumatoide?


Lupus: le regole da seguire per portare a termine una gravidanza senza rischi


Come contrastare la fatigue, un insieme di sintomi che impatta sulla vita delle persone con lupus


Spondilite Anchilosante, prima si scopre meglio si cura, al via campagna "SAi che hai la SA?"


Psoriasi e artrite psoriasica: cosa fare quando coesistono entrambe le patologie?


Fibromialgia: quali sono le problematiche ancora aperte per i pazienti?


Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica: novità per i pazienti


Fibromialgia, da cosa dipende il senso di fatica e come risolverlo con la camera iperbarica


Fibromialgia, che cos'è e quali sono i benefici del metodo Feldenkrais


Fibromialgia, che cos'è e a cosa serve la stimolazione transcranica


Fibromialgia e problemi della sfera sessuale: cosa fare?


Fibromialgia e disturbi del sonno: come si possono risolvere?


ARTICOLI

Artrite psoriasica, outcome peggiori se ci sono anticorpi anti-adalimumab

Nei pazienti affetti da artrite psoriasica trattati con adalimumab, il monitoraggio dei livelli sierici del biologico e della comparsa di anticorpi diretti contro il farmaco (ADA), potrebbe essere il prossimo passo avanti per migliorare gli outcome. [...]

Tossicità epatica da MTX più probabile nell'anziano se obeso, con il colesterolo alto e comorbilità

I pazienti anziani naive al metotressato (MTX) possono avere un rischio fino al 90% di aumento degli enzimi epatici entro pochi mesi dall'inizio dell'assunzione del farmaco se sono obesi, hanno il colesterolo alto non trattato e altre comorbilità, as[...]

Gotta, bene in fase III lesinurad in aggiunta ai farmaci standard

Lesinurad, un inibitore selettivo del riassorbimento dell'acido urico che blocca il trasportatore dell'acido urico URAT1, ha permesso di aumentare notevolmente il numero di pazienti che raggiungono i valori target di uricemia, in combinazione con uno[...]

Artrite psoriasica, nuove linee guida: via i DMARD convenzionali per l'entesite

Stando a quanto riportato in una bozza di nuove linee guida in preparazione, i DMARD convenzionali non saranno inclusi tra i trattamenti accettabili per l'entesite legata all'artrite psoriasica. “L'unico studio controllato su un DMARD come trattament[...]

Spondilite anchilosante, gli anti-TNF possono aumentare la densità ossea

Gli inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNF) alfa sono in grado non solo di prevenire la perdita di massa ossea nei pazienti affetti da spondilite anchilosante, ma possono anche aumentare la densità minerale ossea (BMD). A suggerirlo sono i ri[...]

Artrite reumatoide, gli anti-TNF non compromettono la risposta ai vaccini contro influenza e polmonite

Nei pazienti con artrite reumatoide, un DMARD convenzionale come il metotrexato (MTX) e l'anticorpo anti-CD20 rituximab sembrano attenuare la risposta alle vaccinazioni comuni (antinfluenzale e antipenumococcica) nei pazienti con artrite reumatoide, [...]

Spondilite anchilosante, prima si inizia l'anti-TNF, meglio è

Nei pazienti con spondilite anchilosante, iniziare tardi il trattamento con gli inibitori del fattore di necrosi tumorale si associa a un rischio più che raddoppiato di peggioramento radiografico, stando agli ultimi risultati di uno studio multicentr[...]

Gotta, rilonacept sicuro ed efficace in fase III nel ridurre il rischio di riacutizzazioni

Il trattamento con rilonacept è sicuro ed efficace nella prevenzione delle riattivazioni della gotta in pazienti che iniziano la terapia ipouricemizzante o sono già sottoposti a tale terapia. A evidenziarlo sono i risultati dello studio RESURGE, un t[...]

Artrite psoriasica, con brodalumab la risposta raddoppia

Brodalumab, un anticorpo monoclonale che ha come target il recettore dell'interleuchina 17 (IL-17), ha raddoppiato il numero di pazienti con artrite psoriasica che hanno ottenuto un miglioramento del 20% dei segni e sintomi della malattia (risposta A[...]

Spondiloartrite assiale, risposta duratura per almeno 3 anni con etanercept

I pazienti con spondiloartrite assiale in fase iniziale trattati con etanercept per 3 anni mostrano una risposta consistente e duratura al farmaco. È quanto emerge dai dati a lungo termine dello studio ESTHER, un lavoro di autori tedeschi, di cui son[...]

Artrite reumatoide, abatacept sicuro ed efficace per almeno 7 anni nei casi che non rispondono bene a MTX

Abatacept per via endovenosa, in combinazione con metotressato (MTX), si è dimostrato sicuro ed efficace per almeno 7 anni in pazienti affetti da artrite reumatoide che non avevano risposto adeguatamente al solo MTX in uno studio pubblicato di recent[...]

Malattia di Behçet, adalimumab sicuro ed efficace contro l'uveite grave e resistente

L'anticorpo monoclonale adalimumab è un'opzione molto sicura ed efficace e per il trattamento dei pazienti con uveite grave e resistente associata alla malattia di Behçet, in grado di fornire un controllo adeguato e duraturo dell'infiammazione ocular[...]

Artrite reumatoide, golimumab ancora più efficace nei pazienti gravi mai trattati con MTX

Il trattamento con l'anticorpo anti-TNF golimumab, in aggiunta a metotressato (MTX), porta a un miglioramento dei segni e sintomi della malattia e rallenta la progressione del danno strutturale in tutti i pazienti con artrite reumatoide non trattati [...]

Osteoporosi, denosumab: sicurezza ed efficacia durature per almeno 8 anni

Nuove conferme sull'efficacia e sulla sicurezza a lungo termine di denosumab contro l'osteoporosi postmenopausale. A fornirle sono gli ultimi dati dell'estensione in aperto dello studio FREEDOM (Fracture Reduction Evaluation of Denosumab in Osteoporo[...]

Bisfosfonati, come agiscono nel trattamento della sindrome algodistrofica?

Quali sono i meccanismi attraverso i quali i bifosfonati producono sollievo dal dolore e miglioramento dello stato fisico del paziente con algodistrofia? Di questo argomento si sono interessati esperti della materia quali il Dott. Massimo Varenna e i[...]

Abaloparatide molto bene in fase II nell'aumentare la densità ossea

Abaloparatide, un analogo di sintesi del peptide correlato all'ormone paratiroideo umano, si è dimostrato superiore rispetto a teriparatide nell'aumentare la densità minerale ossea (BMD) in diverse sedi anatomiche in due studi di fase II randomizzati[...]

Artrite reumatoide, certolizumab efficace dopo il fallimento di un primo anti-TNF

Certolizumab, un anticorpo monoclonale diretto contro il TNF alfa, potrebbe essere efficace nei pazienti con artrite reumatoide che non hanno più risposto a un altro inibitore del TNF inizialmente efficace. A suggerirlo è uno studio randomizzato di u[...]

Nefrite lupica refrattaria, bene rituximab, con benefici a lungo termine

Il trattamento con l’anticorpo monoclonale rituximab in pazienti con nefrite lupica refrattaria si è tradotto in un miglioramento significativo a lungo termine dei sintomi, dell’istologia e dei marker di laboratorio in uno studio prospettico in apert[...]

Monitoraggio terapeutico dei farmaci in AR, LES e gotta: quanto è utile?

Una soppressione rapida ed efficace dell'infiammazione è il primo obiettivo nel trattamento di una malattia reumatica. Tuttavia l'effetto terapeutico di gran parte dei medicinali si manifesta lentamente, impiegando anche settimane o mesi. Monitorare [...]

Sindrome di Sjogren, nessun miglioramento con idrossiclorochina

Il trattamento con idrossiclorochina non sembra portare a miglioramenti statisticamente significativi rispetto al placebo nel controllo dei sintomi di pazienti affetti da sindrome di Sjogren, una malattia cronica autoimmune e sistemica la cui prevale[...]