L’inizio della terapia con farmaci biologici nei pazienti con artrite reumatoide (AR) è risultato associato in modo significativo a un rischio 2,5 volte maggiore di sviluppare un tromboembolismo venoso (TEV) nei primi 180 giorni di cura in uno studio osservazionale presentato in occasione del meeting annuale dell’American College of Rheumatolgy, in corso a San Diego.

Gli autori, guidati da Seoyoung C. Kim, della Divisione di Reumatologia, Allergologia e Immunologia del Brigham and Women’s Hospital di Boston, hanno eseguito uno studio di popolazione volto a confrontare il rischio di TEV nei pazienti affetti da AR artrite che iniziano il trattamento con DMARD biologici, metotrexate (MTX) o altri DMARD non biologici.

Utilizzando i database di tre assicurazioni, relativi al periodo 2001-2012, hanno identificato 29.481 pazienti adulti con un’AR di nuova diagnosi, escludendo i soggetti che avevano avuto un TEV, un tumore maligno o facevano uso di anticoagulanti al basale .

Hanno quindi classificato i regimi terapeutici in tre categorie: utilizzo di un farmaco biologico con o senza DMARD non biologici, solo MTX senza un biologico; DMARD non biologico senza MTX né DMARD biologico.

In tutti i pazienti analizzati sono stati identificati 39.647 episodi di trattamento. Il tasso di incidenza grezzo di TEV per 1.000 anni-persona è risultato più alto nel gruppo trattato con i biologici (5,53; IC al 95% 3,67-8,32) che non in quello trattato con i DMARD non biologici (4,43; IC al 95% 3,13-6,26 ) e MTX (3,46; IC al 95% 2,45-4,89). L'hazard ratio (HR) di TEV associato all'inizio del trattamento con i biologici è risultato pari a 1,83 (IC al 95% 0,92-3,63 ) rispetto a quello con i DMARD non biologici e 1,39 (IC al 95% 0,73-2,64 ) rispetto a quello con MTX. L' HR di TEV associato all’l'inizio del MTX rispetto a quello dei DMARD non biologici, invece, è risultato pari a 0,78 (IC al 95% 0,50-1,2 ).

In un'analisi di sensibilità nella quale il follow-up è stato limitato a 180 giorni, l’inizio della terapia con biologici è risultato associato a un aumento significativo del rischio (HR 2,48; IC al 95% 1,14-5,40).

"Nei pazienti con AR di nuova diagnosi, l’avvio di una terapia con DMARD biologici si è associato a un aumento probabile , ma non statisticamente significativo, del rischio di TEV incidente rispetto all’inizio del trattamento con MTX o con un altro DMARD non biologico, anche se il rischio assoluto di TEV è comunque basso" concludono gli autori.

K. Seoyoung, et al. Risk Of Venous Thromboembolism and Use Of Disease-Modifying Antirheumatic Drugs For Rheumatoid Arthritis. ACR 2013; abstract 361.
leggi