Artrite psoriasica e perdita udito, accertata esistenza associazione

L'artrite psoriasica (PsA) Ŕ associata, in modo indipendente, ad un incremento significativo del rischio di perdita dell'udito, che media parzialmente un'associazione con il peggioramento di alcuni outcome psichiatrici. Questo il responso di uno studio osservazionale pubblicato su The Journal of Rheumatology che suggerisce ai medici di non trascurare la valutazione di possibili ipoacusie e comorbilitÓ psichiatriche in questi pazienti.

L’artrite psoriasica (PsA) è associata, in modo indipendente, ad un incremento significativo del rischio di perdita dell’udito, che media parzialmente un’associazione con il peggioramento di alcuni outcome psichiatrici. Questo il responso di uno studio osservazionale pubblicato su The Journal of Rheumatology che suggerisce ai medici di non trascurare la valutazione di possibili ipoacusie e comorbilità psichiatriche in questi pazienti.

Razionale e obiettivi dello studio
In letteratura esistono già da tempo studi che hanno identificato nella perdita di udito un’altra manifestazione extra-articolare delle artriti infiammatorie. Questi studi, tuttavia, si erano focalizzati prevalentemente su individui affetti da artrite reumatoide (AR), lupus eritematoso sistemico (LES), spondilite anchilosante (SA) e sindrome di Sjogren, mentre un numero sparuto di lavori, frutto prevalentemente di analisi di casistiche di un numero ridotto di pazienti, avevano suggerito l’esistenza di una possibile associazione tra la perdita d’udito e la PsA, o la sola psoriasi.

Obiettivo del nuovo studio, pertanto, è stato quello di determinare l’esistenza di una relazione indipendente tra la PsA e la perdita di udito in un campione rappresentativo della popolazione statunitense, previo aggiustamento dei dati in base ad alcune variabili demografiche e alla presenza di comorbilità.

Inoltre, data la relazione ben nota tra la perdita di udito e la depressione, si è voluto valutare anche l’impatto della PsA sugli outcome legati alla salute mentale e studiare il contributo della perdita di udito a questa relazione.

Disegno e risultati principali
I ricercatori hanno fatto un lavoro di estrapolazione e analisi ad hoc dei dati provenienti dal NHANES  (the United States National Health and Nutrition Examination Survey), una serie di survey, tuttora in corso, condotte sulla popolazione statunitense. Nello specifico, il nuovo studio ha incluso i dati dei partecipanti al NHANES dal 2003 al 2006 e del biennio 2009-2010 che avevano compilato dei questionari anamnestici e risposto a domande relative alla funzione uditiva, nonché alla presenza di psoriasi, di artriti e di comorbilità psichiatriche.

Sono state condotte analisi di regressione logistica per esaminare l’associazione della PsA con le alterazioni a carico della funzione uditiva e gli outcome psichiatrici.

Il lavoro primario di estrapolazione dati ha portato a considerare, per la successiva analisi, le informazioni sopra indicate provenienti da 10.747 adulti di età pari o superiore a 20 anni. Il campione era costituito in prevalenza da donne, di etnia Caucasica, in età avanzata, e con diploma di istruzione secondaria superiore (p<0,001). Inoltre, la prevalenza di PsA e di sola psoriasi era pari, rispettivamente, all’1,1% e all’1,6%.

Passando ai risultati, è emerso che gli individui con PsA riferivano con probabilità maggiore difficoltà uditive (OR=1,50; IC95%=1,01-2,21; p =0,043), il ricorso a strutture di salute mentale  (OR=1,62; IC95%=0,94-2,79; p =0,084) e una condizione di depressione in atto (OR=2,01; IC95% =1,15-3,52; p=0,015) rispetto a quello non affetti da PsA.

Non solo: i pazienti con PsA sperimentavano un allungamento medio dello stato di cattiva salute mentale rispetto al mese precedente che era quantificato in 1,62 giorni rispetto a quanto osservato in individui con affetti da PsA:

Da ultimo, analisi matematiche condotte con modelli di equazioni ad hoc hanno mostrato che le alterazioni a carico della funzione uditiva contribuivano, rispettivamente, al 6,5%, 8,3% e 5% dell’effetto della PsA sulla depressione, sul numero di giorni di stato di cattiva salute mentale e sulla decisione di consultare uno specialista in psichiatria.

Implicazioni dello studio
Nel commentare i risultati, i ricercatori hanno sottolineato come, pur non essendo totalmente compreso il meccanismo di alterazione dell’udito nella PsA, si ritiene che, alla base, esso coinvolga l’esistenza di processi infiammatori aspecifici auto-immunomediati, con danno conseguente all’orecchio interno.

Quanto alla presenza di comorbilità psichiatriche in questi pazienti, i ricercatori hanno ricordato come questi risultati suffraghino osservazioni precedenti relative ad un incremento della depressione in pazienti con PsA. Il nuovo studio conferma tali osservazioni, dimostrando che la perdita di udito osservata nei pazienti con PsA è in grado di mediare parzialmente l’associazione con outcome psichiatrici più sfavorevoli.

In conclusione, i risultati dello studio suggeriscono maggior attenzione al riscontro di possibili alterazioni uditive e comorbilità psichiatriche quando si esaminano in ambulatorio pazienti con PsA. somministrando questionari ad hoc sullo stato di salute mentale ed effettuando test audiometrici a conferma del sospetto clinico e per valutare l’entità dei problemi uditivi.

E’ auspicabile, a questo punto, che i nuovi studi sulla valutazione dell’effetto delle terapie attuali sugli outcome sopra menzionati e sull’identificazione dell’eziologia della perdita di udito in presenza di PsA possano essere in grado di arrivare ad identificare gli interventi terapeutici più appropriati per il trattamento delle disfunzioni uditive in questa popolazione di pazienti.

Nicola Casella

Bibliografia
Semenov YR et al. Association between psoriasis with arthritis and hearing impairment in US adults: data from the National Health and Nutrition Examination Survey [published online January 15, 2019]. J Rheumatol. doi: 10.3899/jrheum.171228
Leggi