I pazienti con artrite psoriasica e psoriasi riportano di avere una migliore risposta a etanercept quando vengono trattati precocemente con il farmaco. A dimostrarlo sono i risultati di un’analisi post hoc dello studio PRESTA, pubblicati su Clinical and Experimental Rheumatology.

Lo studio PRESTA (Psoriasis Randomized Etanercept Study in Patients with Psoriatic Arthritis) è un trial randomizzato, in doppio cieco, di 24 settimane, multicentrico, che ha arruolato pazienti adulti con psoriasi a placche attiva ma stabile che interessava almeno il 10% della superficie corporea e artrite psoriasica definita come presenza di due o più articolazioni dolenti, 2 articolazioni tumefatte, dolore articolare per un periodo di tre o più mesi e fattore reumatoide sierico negativo nei sei mesi precedenti all’arruolamento.

Dei pazienti arruolati nello studio PRESTA, 372 trattati con etanrcept 50 mg una volta a settimana per 24 settimane sono stati inclusi nella nuova analisi.
I risultati al basale e dopo il trattamento sono stati comparati tra i pazienti con artrite psoriasica di durata pari o inferiore ai due anni (n=103) e i soggetti con la malattia da un periodo superiore ai due anni (n=269).

Le misure di efficacia al basale erano simili tra i due gruppi analizzati, con l’eccezione del Physicians Global Assessment (PGA) arthritis score, che era statisticamente inferiore nei pazienti che presentavano la malattia da un periodo inferiore ai due anni (44,9 vs. 51,8; P = 0,006).
Alla settimana 24, la malattia articolare è migliorata in base al PGA arthritis score, in modo significativo nei pazienti che presentavano la malattia da un periodo di tempo più breve (–39,8 vs. –35,7; P = 0,03).

La terapia con etanercept ha portato a miglioramenti clinicamente significativi in entrambi i gruppi, ma il cambiamento di alcuni outcome i cui valori sono stati autoriportati dai pazienti, dal basale a 24 settimane, era significativamente superiore nel gruppo che presentava la malattia da un periodo di tempo più breve. Questi outocome includevano il dolore articolare e l’attività della malattia misurati tramite scala VAS, la qualità della vita misurata con le risposte EuroQol 5D utility (P = 0,046) e EuroQol 5D VAS (P = 0,04).

Il numero medio di articolazioni tumefatte che hanno mostrato un miglioramento a 24 settimane, rispetto al basale non era significativamente differente tra i due gruppi, e non sono state osservate differenze all’interno dei gruppi nella percentuale di pazienti che avevano raggiunto una risposta ACR20, 50 e 70.

Nonostante tutti i pazienti abbiano risposto al trattamento indipendentemente dalla durata della malattia, i soggetti che presentavano la patologia da un periodo di tempo di durata minore mostravano outcome migliori, questo indica che iniziare precocemente il trattamento con etanercept porta a miglioramenti maggiori in pazienti con artrite psoriasica o psoriasi, concludono gli autori.

Kirkham B, de Vlam K, Li W, Boggs R, Mallbris L, Nab HW, Tarallo M. Early treatment of psoriatic arthritis is associated with improved patient-reported outcomes: findings from the etanercept PRESTA trial. Clin Exp Rheumatol. 2014 Dec 22. [Epub ahead of print]
leggi